L’Amazon tedesco che sa già cosa acquisterai il prossimo mese. E ci prende.

algoritmo

L’azienda applica all’e-commerce un’intelligenza artificiale pensata per studiare la fisica delle particelle

Il rivenditore tedesco Otto delega a un algoritmo il compito di approvvigionare il proprio magazzino. La notizia è riportata da The Economist, in un articolo che spiega anche la ragione per cui il caso è degno di attenzione. Se già da molti anni le aziende utilizzano software di intelligenza artificiale per gestire più facilmente i rapporti con i clienti, analizzare dati e fare previsioni, adesso per la prima volta è una macchina – e non un essere umano – a gestire “liberamente” parte degli investimenti di una azienda. Per la prima volta una macchina è stata promossa a un ruolo decisionale, e per un ottimo motivo: l’algoritmo riesce infatti a manipolare una mole di informazioni che supera le possibilità di analisi (e di controllo) di qualsiasi essere umano, ottenendo, al momento della prova pratica, risultati migliori.

Come funziona l’algoritmo?

La tecnologia è stata sviluppata dalla startup Blue Yonder, di cui Otto è azionista. In origine era stata disegnata per il CERN di Ginevra, ed era destinata a collaborare alla ricerca nell’ambito della fisica delle particelle. Ma Otto ha provato ad applicarla alle scelte di mercato, e i risultati sono stati sorprendenti. L’algoritmo analizza più di tre miliardi di transazioni passate e duecento variabili – dalle parole chiave ricorrenti nel motore di ricerca del sito al tempo atmosferico – per fare previsioni sui futuri acquisti dei clienti, rifornendo i magazzini della ditta in anticipo con un indice di correttezza del 90% e abbattendo di conseguenza i tempi di consegna e il numero dei resi.

Implicazioni

E’ dai tempi dell’invenzione della catena di montaggio che a ogni progresso nel settore dell’automazione si accompagnano le preoccupazioni di chi teme (e quasi sempre con ragione) di perdere il lavoro. Per il momento Otto non ha annunciato licenziamenti ma, al contrario, nuove assunzioni. E’ verosimile pensare che questo trend non sia a rischio di inversione finché il settore riesce a mantenersi in espansione. Per quanto riguarda invece il ruolo che stanno assumendo a livello globale le intelligenze artificiali, questa notizia aggiunge un altro capitolo al lungo dibattito sul postumano che – grazie anche all’opera visionaria di registi cult come Stanley Kubrick, Steven Spielberg e Ridley Scott – è diventato un tema avvertito con forza anche dal grande pubblico.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © CC0

Related Posts

  • Che i robots o droidi che dir si voglia prima o poi avrebbero fatto parte delle nostre vite lo sapevamo, da sempre l’uomo sogna esseri artificiali che possano sostituirlo in diverse mansioni e altrettanto da sempre scienziati e scrittori si rincorrono nel progettarli e immaginarli. Mentre Google e la Nasa testano…
  • Bambini che cantano, suonano e si travestono da Kraftwerk. Il video, diventato virale in Germania, è stato realizzato da una classe prima della scuola GS Lemmchen di Mainz-Mombach. La canzone scelta è Roboter datata 1978. All'epoca i Kraftwerk la pubblicarono nell'album The Man-Machine portandola in tour vestiti da robot. Il video Pubblicato…
  • Vi siete mai chiesti cosa avvenga veramente negli spazi di coworking berlinesi? È arrivato il momento di svelare le misteriose dinamiche di queste realtà che da qualche anno a questa parte spuntano come funghi nella capitale tedesca. Berlino è la capitale tedesca delle start-up e nella corrispondente classifica europea si attesta al quarto…
  • Il Retune Festival trasforma una scuola del passato in un laboratorio del futuro: pronti per scoprire cosa accadrà nell'avvenire? Più che un festival, il Retune è definibile come un laboratorio sperimentale per comprendere come l'arte, le scienze e i singoli individui conviveranno con la tecnologia e il suo avanzamento. Le tre giornate sono…
  • La star del cinema italiano torna a presenziare il CinemAperitivo di Berlino. A distanza di un anno dalla discussione a margine di La solitudine dei numeri primi, il talentuoso attore italiano  sarà ospite di un nuovo appuntamento della rassegna di film italiani curata da Mara Martinoli e Andrea D'Addio (Berlino Magazine)…

Leave a Reply