Arriva a Berlino il primo laboratorio di disegno e poesia

Disegnare è l’atto più semplice e spontaneo che noi sin da bambini compiamo per esprimerci. Prendere una matita in mano e cominciare a tracciare segni su un foglio: tutti i bambini lo fanno! Disegnare, inteso in questo senso, è liberare la propria fantasia, affinché segno dopo segno nasca un’immagine del pensiero. Ma disegnare è anche uno strumento per cercare di capire noi stessi e il mondo che ci circonda, raccontandolo attraverso segni e colori.

Il laboratorio di disegno e poesia propone due giornate di lavoro che si concentreranno sul significato concettuale del disegno, ovvero sull’idea del disegnare, sul processo di creazione e sulla sintesi che conducono alla realizzazione dell’immagine: attraverso tale processo proveremo a comunicare il messaggio che vogliamo dare. Utilizzeremo alcune poesie di Jacques Prévert che ci serviranno da pretesto e supporto per la nostra riflessione sul disegno.

Obiettivi. Apprendere il processo di creazione e sintesi che conduce alla realizzazione dell’immagine. Liberando la nostra creatività impareremo ad osservare la realtà, farla nostra e infine ricostruirla nei suoi molteplici rapporti, restituendola attraverso un linguaggio personale che esprima il nostro punto di vista sul mondo, sia efficace e riconoscibile e dunque favorisca il processo di comunicazione del proprio pensiero.

Struttura del laboratorio. Ad ogni partecipante verrà assegnata tramite un sorteggio una poesia di Jacques Prévert, che sarà il testo sul quale ognuno lavorerà. Brevi riflessioni del docente sul disegno e sul processo del disegnare illustreranno alcune tematiche utili a padroneggiare tale processo che, partendo dall’analisi del tema, porta alla selezione delle immagini, quindi alla codificazione di un linguaggio e infine attraverso la sintesi alla composizione finale. Ad ognuno verrà affidato un taccuino, che sarà utilizzato come un diario di viaggio dove raccogliere immagini, spunti e riflessioni che verranno fuori durante le giornate di lavoro. Dopo aver creato sul taccuino un proprio vocabolario personale, fatto di segni e immagini, comincerà l’ultima fase del workshop che ci porterà, attraverso il processo di sintesi e selezione, a realizzare le tavole illustrative per rappresentare la poesia di Prévert. Alla fine di questa esperienza, ognuno potrà portare con sé il taccuino con i propri ragionamenti e i propri pensieri e avrà imparato un metodo di indagine e riflessione che gli permetterà di usare il disegno come strumento per raccontare sé stesso nel mondo.

Il “decalogo”

-Tutte le immagini che ognuno userà come riferimento sono soltanto quelle contenute nella la propria testa, senza servirsi di spunti o riferimenti esterni.
-Non si possono portare gomme: in caso di errore è proibito cancellare, ma è permesso voltare pagina.
– Ognuno può scegliere gli strumenti per disegnare, (da procurarsi preventivamente), all’interno di questa lista: penna bic nera, blu, rossa, matite di diverse durezze, pastelli colorati, inchiostri.
-Si comunicherà con i compagni e il docente, condividendo idee e riflessioni.

Il docente. Daniele Roccaro, Palermo 1984, è un designer-artist con all’attivo mostre in giro per l’Europa. Ha studiato Architettura in Spagna e in Italia, dove, una volta conclusi gli studi, ha partecipato alle attività didattiche e di ricerca universitarie come cultore della materia in Progettazione Architettonica. Nel 2011 ha lavorato a Vienna come architetto, per poi spostarsi a Berlino dove vive e lavora attualmente sia come pittore che come architetto. Amante della vita intesa come viaggio interiore attraverso il mondo, ha trovato nel disegno la sua più completa forma di espressione personale. È interessato alla ricerca della bellezza come operazione volutamente ed apertamente sociale, poiché pensa che l’uomo abbia bisogno di vivere avvolto in essa.

Laboratorio di disegno e poesia

Quando
Sabato 27 e domenica 28 febbraio 2015 dalle 11:00 alle 17:00 (è prevista una pausa pranzo).

Dove
Presso la sede di Berlino Magazine, Gryphiusstraße 23, 10245 Berlino.

Materiali forniti
Un taccuino A4 – Fogli A3 per la realizzazione della tavola finale

Costi
50 euro (40€ per i possessori della Berlino Magazine Card)

Per informazioni e iscrizioni scrivere a redazione@berlinocacioepepemagazine.com

Foto di copertina © Daniele Roccaro

Related Posts

  • di Marianna Usai Berlino è una finestra spalancata sulla testa di una donna. Basta sporgersi un po’ e la compostezza di Monbijouplatz, diventa un filo tra un balconcino e l’altro e panni tesi ad asciugare, saturi del colore che fa la stoffa quando ancora è bagnata. Così, ci entri in…
  • Versicoli quasi ecologici di Giorgio Caproni è una poesia bellissima e non ha bisogno di introduzioni particolari. E lo è anche se la si legge per la prima volta, anche se non si sa chi sia Giorgio Caproni o si abbia dimestichezza con l'ermetismo, la corrente poetica a cui forse…
  • Torna come ogni anno ad ottobre la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, la manifestazione che si prefigge di far conoscere attraverso eventi e letture la lingua e la letteratura italiana all’estero, con particolare attenzione alle nuove tecniche e al mercato dell’editoria, promossa dagli Istituti italiani di cultura nel mondo. Quest'anno…
  • Tanti sono gli italiani che oggi come in passato decidono di lasciare il proprio Paese per la Germania, in particolare per trasferirsi nella capitale tedesca. Pur essendo due fenomeni molto differenti, sia la vecchia sia la nuova emigrazione italiana hanno trovato e continuano a trovare espressione nella poesia, che diventa così un prezioso strumento di…

Leave a Reply