I mezzi pubblici di Berlino aumentano il prezzo dei biglietti. Ecco il nuovo tariffario

Anno nuovo, prezzi della mobilità al rialzo. Tutti quelli che alle prime ore del mattino del 1 Gennaio 2015 hanno stampato un titolo di viaggio presso una delle tante macchinette disseminate nelle stazioni berlinesi si saranno accorti della sorpresa di Capodanno della BVG. Questa volta l’aumento periodico applicato alle tariffe dei mezzi pubblici di Berlino si aggira intorno al 2,3%.

Ecco alcuni esempi. L’Einzelfahrscheine (biglietto corsa singola) per la zona AB e il biglietto Kurzstrecke per le corse a raggio ridotto hanno subìto entrambi un aumento di dieci centesimi; il nuovo prezzo, quindi, è rispettivamente di 2,70 e 1,60 euro. L’abbonamento mensile (Monatskarte – Umweltkarte) per la zona AB è aumentato di 1,50 euro, passando a 79,50 euro, mentre quello valido dalle 10 de mattino (10-Uhr-Karte) costa ora 58 euro. Sul prezzo del giornaliero (Tageskarte), sempre per la zona AB, c’è stato un rincaro di 20 centesimi, portando il costo del biglietto a 6,90 euro. Per il resto, su quasi tutti gli altri titoli di viaggio si registra un aumento che va dai 10 ai 20 centesimi. Qui il tariffario completo.

Confrontando i prezzi con quelli delle tariffe BVG del 1999, la differenza è sostanziale. Sedici anni fa la corsa singola AB costava 1,99 euro e l’abbonamento mensile, sempre AB, 58,29 euro – 20 euro in meno al mese rispetto al 2015. “L’aumento dei prezzi è fisiologico” spiega la portavoce di Verkehrsverbund Berlin-Brandenburg, Elke Krokowski. “Negli ultimi quindici anni la qualità e la puntualità del servizio sono migliorate notevolmente, così come la sicurezza dei veicoli in dotazione, che sono di gran lunga più moderni e vengono incontro alle necessità dei viaggiatori ventiquattr’ore su ventiquattro, sette giorni su sette”.

Fra l’altro, i prezzi dei titoli di viaggio sono equiparabili in tutto il resto della Germania. A Monaco di Baviera la corsa singola costa 2,70 euro, a Francoforte 2,75 euro e a Colonia 2,40 euro. Amburgo resta la città meno cara, 2 euro per la corsa singola, ma anche quella che offre una rete di collegamenti più limitata.

©centralniak – CC BY SA 2.0

Related Posts

Silvia Fistetto

Diplomata in cattiva gestione del tempo, innamorata dei libri e dei gatti, schiva con poca astuzia i tranelli della lingua tedesca. Traduce documentari per Nat Geo, History, La7 D ed è la traduttrice italiana della rivista on line della NATO.

Leave a Reply