Berlino, Fabrizia Di Lorenzo è ufficialmente tra le vittime

I timori si sono purtroppo trasformati in una tragica certezza: Fabrizia Di Lorenzo, 31enne italiana che viveva e lavorava a Berlino dal 2013, è tra le vittime della strage di Breitscheidplatz. Lo conferma il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

«La magistratura tedesca ha esaurito le verifiche necessarie e purtroppo, ormai, c’è la certezza che, fra le vittime, c’è l’italiana Fabrizia Di Lorenzo. Sono affettuosamente vicino alla famiglia e ai suoi cari, condividendone l’immenso dolore», ha detto Alfano. Condoglianze alla famiglia Di Lorenzo arrivano anche dal premier Paolo Gentiloni.

Gentiloni

Fabrizia compariva da lunedì notte nella lista dei dispersi. Il suo cellulare è stato ritrovato nelle vicinanze del luogo della strage da un ragazzo che lo ha poi consegnato alla polizia. Fabrizia, che lavorava presso un’azienda di logistica, la 4Flow AG, come Transport Specialist, martedì non si era recata in ufficio. Martedì sua cugina aveva lanciato un appello su Twitter. Nella notte di lunedì la famiglia è stata contattata dalla Farnesina e la madre e il fratello sono partiti immediatamente per Berlino. Il papà, Gaetano Di Lorenzo, aveva detto che la famiglia era in attesa dell’esito degli esami del DNA, ma che già all’una e mezza di notte di martedì aveva capito “che era finita”.

Originaria di Sulmona, Fabrizia viveva a Berlino dal 2013. Nella capitale tedesca aveva lavorato anche per Bosch tra il 2013 e il 2014, dopo essersi laureata in Relazioni internazionali e diplomatiche all’Università di Bologna e in Mediazione Linguistico-culturale presso La Sapienza di Roma. In passato aveva scritto per diverse riviste di geopolitica tra cui l’IsAG, l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica. Nel 2014 aveva brevemente collaborato con Berlino Magazinela cui redazione si unisce al cordoglio di famiglia e amici.

Foto di copertina © Facebook

Related Posts

  • Tutte le dodici vittime dell'attentato al mercatino di Natale di Breitscheidplatz sono state identificate. Sette sono di nazionalità tedesca, una ceca, una ucraina, una israeliana, una polacca e una italiana, la 31enne di Sulmona Fabrizia Di Lorenzo. Lo ha fatto sapere il Bundeskriminalamt (BKA), la polizia criminale federale, che però per motivi…
  • Non è una giornata come altre nella capitale tedesca Sia Angela Mekel che il sindaco Michael Müller hanno affermato che no, non si aspettavano che Berlino sarebbe mai stata colpita, non almeno in questo modo. I servizi pubblici funzionano regolarmente, la maggiore parte dei negozi intorno al Ku'damm, il tradizionale viale…
  • Vino a Berlino e' alla ricerca di una ragazza tedesca che sappia parlare un po' di italiano o italiana con un ottimo tedesco per lavorare il mese di agosto. Le caratteristiche sono essenzialmente quelle richieste ad una persona che sappia lavorare in una Salumeria, sia al banco che ai tavoli. Per maggiori informazioni…
  • Nessun risarcimento per i familiari di Fabrizia Di Lorenzo, ragazza 31enne di Sulmona morta nell'attentato di Berlino del 19 dicembre 2016. «Insensibili, assenti, disorganizzati, incapaci»: queste le parole con cui la famiglia di Fabrizia descrive il comportamento delle autorità tedesche in un'intervista al Corriere della Sera, la prima rilasciata dai Di Lorenzo dopo…
  • L'ambasciata italiana a Berlino (Hiroshimastrasse 1, 10785 - Tiergarten, Berlino) assume un impiegato a contratto da adibire ai servizi di autista-commesso-centralinista. Requisiti -essere di sana costituzione fisica -risiedere in Germania -di avere/non avere subito condanne penali (comprese quelle inflitte all’estero), nonché di avere/non avere provvedimenti penali pendenti in Italia o all’estero…

One Response to “Berlino, Fabrizia Di Lorenzo è ufficialmente tra le vittime”

  1. Gebt den deutschen Terroropfern ein Gesicht! | Geist & Zeitgeschichte

    […] den Abruzzen war 2013 nach Berlin gezogen und arbeitete für ein Logistikunternehmen. Gelegentlich schrieb sie für ein italienischsprachige ‚Berlino Magazine‘. Als der Sarg mit ihrem Leichnam mit einem Militärflugzeug ihres Landes auf dem […]

    Rispondi

Leave a Reply