Berlino nascosta: il vecchio cimitero dei socialisti di Berlino

Nel cimitero dei socialisti di Berlino, dove giacciono alcuni tra i più famosi membri del partito comunista.

Si trova nel quartiere berlinese di Friedrichsfelde e fu Costruito nel 1881, come uno dei primi cimiteri municipali di Berlino, è diventato successivamente la tomba di molti combattenti antifascisti, comunisti e socialisti. Il cimitero centrale di Friedrichsfelde, noto come “Memoriale dei socialisti” in seguito all’occupazione di Berlino est da parte dei Sovietici, è collocato nel distretto orientale di Lichtenberg, subito dopo la Karl-Marx-Allee, una delle strade più importanti della Germania dell’est, a soli pochi isolati dall’ex sede della Stasi, il Ministero della Sicurezza di Stato della DDR.

Cimitero socialista Berlino
 Foto di copertina: Gedenkstätte der Sozialisten © by Stiangutten CC-BY-SA-3.0

Il campo dei rivoluzionari

Quando Wilhelm Liebkneckt, cofondatore del Partito socialdemocratico tedesco (SPD), fu sepolto qui nel 1900, la classe lavoratrice si mostrò solidale nei suoi confronti e più di 100.000 persone presero parte al corteo funebre. Caro amico di Karl Marx, filosofo ed economista tedesco, si occupò della crescita del SPD, fino a trasformare un gruppo fuorilegge di rivoluzionari in uno dei più grandi partiti politici tedeschi. Anche il figlio del politico, Karl Liebkneckt, cofondatore del Partita comunista tedesco, fu sepolto qui nel 1919, in seguito alla sua morte avvenuta mentre capeggiava la rivolta di Berlino.

I personaggi illustri nella DDR

Dieci tombe circondano l’obelisco centrale e appartengono a personaggi più illustri, tra cui Karl Liebkneckt e Rosa Luxemburg, i fondatori del Partito comunista, e Walter Ulbricht, Presidente della Repubblica Democratica tedesca. Al di là del Memoriale socialista si possono trovare le tombe di altri esponenti famosi dell’ala di sinistra, tra cui l’artista e scultrice Kathe Kollwitz. Anche Konrad Wolf, regista nella DDR, è sepolto qui con il fratello Markus, coordinatore dei servizi segreti nella Germania orientale e di intelligence al di fuori del Paese. La tomba di Ernst Wollweber, Ministro della Stasi dal 1953 al 1957, è facilmente raggiungibile, molto più del suo successore Erich Mielke, sepolto in una tomba senza nome. Fate attenzione anche alla tomba del banchiere prussiano Gerson von Bleichröder morto nel 1893. Consulente finanziario di Otto von Bismark e dello stato prussiano, Bleichröder era solo il secondo ebreo non battezzato in Prussia insignito di un titolo.

I monumenti

Nel 1926 l’architetto Ludwig Mies van der Rohe realizzò un “Monumento alla rivoluzione”  dedicato ai rivoluzionari combattenti caduti alla fine del Primo conflitto mondiale. I Nazisti lo demolirono nel 1935 e l’attuale monumento ai socialisti risale al 1951. L’obelisco centrale attuale porta la scritta “Die Toten mahnen uns” (“I morti ci ammoniscono”) ed è circondato da una parete circolare che contiene lapidi su cui sono scritti i nomi di vecchi comunisti e di membri del Politbüro della Germania orientale. I nomi di 327 uomini e donne combattenti socialisti sono incisi sulle lastre.

Come arrivarci

Prendere la U5 da Alexanderplatz a Lichtenberg Station. Il cimitero dista solo pochi minuti a piedi.

Cimitero socialista di Friedrichsfelde

Grudunstrasse, 20

10365, Berlin

Sito

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 

 

Photo Cover: ©Allgemeiner Deutscher Nachrichtendienst – Zentralbild (Bild 183 – Friedrichsfelde 1926 – Zentralbild. Das Revolutionsdenkmal auf dem Friedhof in Berlin-Friedrichsfelde. Die Gedenkstätte für die Opfer der Revolution wurde von dem Baumeister Ludwig Mies van der Rohe errichtet und von dem Mitglied des Zentral-Komitees der Kommunistischen Partei Deutschlands, Wilhelm Pieck, am 13.6.1926 eingeweiht. Während der Naziherrschaft in Deutschland wurde das Denkmal entfernt. 475-47

2 Responses to “Berlino nascosta: il vecchio cimitero dei socialisti di Berlino”

  1. Eugenia

    Attenzione al refuso! “I nomi di 327 uomini e donne combattenti fascisti sono incisi sulle lastre.”

    Rispondi

Leave a Reply