Berlino, un museo ricostruisce lo studio-bunker in cui Hitler si tolse la vita

Alla parete un ritratto di Federico II, monarca venerato dal Führer. Sulla scrivania una statuetta raffigurante un pastore tedesco, cane da lui molto amato. Un pendolo in un angolo della stanza, una bombola di ossigeno nell’altro. All’incirca così doveva apparire lo studio di Adolf Hitler nel bunker di Berlino dove il dittatore tedesco trascorse gli ultimi quattro mesi della sua vita e dove, il 30 aprile del 1945, si tolse la vita sparandosi un colpo di rivoltella alla testa dopo aver ingerito una capsula di cianuro. Ora la stanza di lavoro del Führer è stata ricostruita all’interno del Berlin Story Museumrifugio antiaereo della seconda guerra mondiale visitabile ad Anhalter Bahnhof, nel centro di Berlino. Il progetto, curato dall’associazione Historiale, ha suscitato però dure reazioni e polemiche da parte di chi, come il museo Topographie des Terrors, ritiene l’iniziativa solo una spettacolarizzazione a fini commerciali.

plastico
Il plastico che riproduce il bunker del Führer © Berlin Story Museum

Il Berlin Story Bunker. Il museo di Anhalter Banhnof, che sorge a soli due chilometri dal bunker in cui Hitler trascorse effettivamente i suoi ultimi giorni di vita, offre visite guidate (in tedesco e in inglese) in cui si spiegano la storia dell’Anhalter Bunker e della seconda guerra mondiale a Berlino e si racconta la storia del bunker del Führer, con tanto di plastico e ricostruzione della stanza. La visita allo studio di Hitler, che costa 12 euro e si può prenotare qui, è insomma inserita in un preciso contesto storico. Almeno è questo il punto di vista di Wieland Giebel di Historiale: «Non vogliamo fare un Hitler-Show. Il tour comincia nell’Anhalter Bunker, che era previsto per 3.500 persone e alla fine della guerra ne ospitava 12.000. È soli nell’ambito di queste spiegazioni che si inserisce la visita alla ricostruzione del Führerbunker», si difende Giebel. Non è dello stesso avviso Kay-Uwe von Damaros, portavoce del museo Topographie des Terrors, splendido centro di documentazione che sorge dove un tempo si trovava il quartier generale di Gestapo e SS: «Noi proviamo a spiegare la storia, documentiamo e ci atteniamo ai fatti. Un tale tentativo di spettacolarizzazione storica in stile Disneyland non possiamo certo appoggiarlo». Dal Berlin Story Museum, intanto, replicano che il modello dello studio di Hitler è stato basato su accurate ricerche e che non saranno consentite fotografie all’interno del bunker. Le polemiche, in una città in cui il desiderio di ricostruzioni storiche concrete si fa sempre più forte, sono destinate a continuare.

Berlin Story Bunker

Dove: Schöneberger Straße 23A – 10963 Berlino

Biglietti: 12 euro

Sito internet 

 Foto di copertina © Berlin Story Museum

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • Dunkelheit, Weltenflucht, Techno, ovvero Oscurità, fuga dalla realtà e, logicamente techno. Sono le tre parole chiave del prossimo Bunker Rave, party "sottoterra" che sabato 15 aprile caratterizzerà lo ZK/U di Siemensstraße 27. La storia dei party sottoterra di Berlino  Di rave nei bunker a Berlino se ne sono visti tanti dal dopoguerra…
  • di Fabio Ferrarini* Sotto i nostri piedi c'è una Berlino sotterranea a cui non pensiamo mai; ma è ovvio che esista, visto il numero di bombardamenti che la città ha subito durante la Seconda Guerra Mondiale. Qui un riepilogo dei bunker di Berlino. Il 24 ottobre del 1936 Italia e…
  • Ecco una lista di dieci cose/luoghi/oggetti/persone che si chiamano Berlin, ma non sono quello che pensate. Berlin (Berlino in italiano) è la capitale della Germania. Ma basta farsi un giro nella pagina di disambiguazione di wikipedia per venire a conoscenza di altri luoghi, oggetti e individui che portano lo stesso…
  • Di rave nei bunker a Berlino se ne sono visti tanti dal dopoguerra ad oggi, con un impennata dopo la caduta del muro, quando un controllo regolare dell'amministrazione locale sull'immenso patrimonio immobiliare cittadino fu quasi impossibile e la spontaneità, anche delle festa, era la parola d'ordine della vita notturna cittadina.…
  • La storia (in brevissimo) della piazza considerata il centro orientale della città e una fotogallery che ci permette di vedere i suoi cambiamenti dal 1796 ad oggi. Alexanderplatz nacque come mercato di bestiame tanto che fino al 1805 il suo nome era Ochsenplatz (Piazza dei buoi). L'Alessandro dell'attuale nome è…

Leave a Reply