Blogfabrik, il co-working space più cool di Berlino. Una scrivania per un’idea

Christoph Neumann - www.christoph-neumann.com

Un open space di svariate centinaia di metri quadrati, tavoli, laptop, stampanti, sedie con rotelle (ma anche senza), bloc notes, abat-jour, raccoglitori, scaffali, libri, riviste, uno studio fotografico, una sala conferenze e, logicamente, anche una cucina…questo se parliamo di ciò che si vede con gli occhi. Quello che si ascolta, o meglio, si respira sono le idee. Che qui nascono, si sviluppano e partono per arrivare agli occhi e, si spera, al cuore, delle migliaia di lettori, o semplici follower, che su piattaforme di ogni tipo seguono i creativi della Blogfabrik.

Christoph Neumann - www.christoph-neumann.com
Christoph Neumann – www.christoph-neumann.com

Blogfabrik è molto più di un enorme ufficio di ben 555 metri quadrati. Il progetto nasce nell’ottobre 2014, quando Melo, il più grande distributore di magazine e riviste della Germania, decise di investire nel campo dell’e-publishing (editoria online) in un modo nuovo ed unico. Come? Offrendo a blogger, instagrammer e creativi di vario tipo che avessero già un proprio pubblico online una postazione da cui lavorare in uno splendido nuovo di co-working, all’interno di uno dei cortili dell’Oranienstraße al centro di Kreuzberg. «In cambio devono contribuire con un tot di articoli mensili al Daily Bread, all’epoca nuovo magazine online di lifestyle in lingua tedesca e inglese. “Una scrivania per un contenuto”. questa era l’idea di Melo. E direi che ha funzionato alla grande» ci spiega Claudio Rimmele, 30 anni, project manager della Blogfabrik. Lui era stato contattato già un anno prima dell’inaugurazione.«Il gruppo stava cercando di inserirsi nel mondo del blogging e dell’e-publishing ed era alla ricerca di qualcuno che facesse da referente del progetto: aprire uno spazio di co-working dove blogger e creativi potessero lavorare in proprio e, allo stesso tempo, scambiarsi idee. Avevo lavorato già a progetti di comunicazione e design thinking per Louis Vuitton, Smart e Microsoft ed ero tra i gestori del blog iHeartBerlin. Qui c’è tutto ciò che un content creator possa desiderare per lavorare bene».

Christoph Neumann - www.christoph-neumann.com
Christoph Neumann – www.christoph-neumann.com

Un progetto senza precedenti. «Finora Blogfabrik è il solo esempio al mondo di co-working space dove in cambio di uno spazio in cui lavorare si chiedono idee e non denaro. I nostri blogger hanno tra i 18 e i 35 anni, lavorano a progetti diversi, dalla moda al mondo delle motociclette, passando per cultura, fotografia e salute&benessere. Noi gli offriamo uno spazio dove lavorare senza dover pagare l’affitto, il contratto si basa su una vera collaborazione tra i content creators e l’azienda. Lo scopo è creare una win-win situation in cui entrambi possiamo crescere e imparare. I membri della Blogfabrik devono contribuire alla realizzazione di Daily Bread con un numero di articoli o contenuti concordati all’inizio della collaborazione. Gli articoli possono essere lunghi o brevi e ognuno ha piena libertà nella scelta del tema. Gli articoli vengono poi inseriti in una delle tre sezione di Daily Bread: Business, Pleasure and Society».

I blog-fabricker. «Blogfabrik ha due tipi di collaboratori: io ed atri cinque colleghi siamo assunti direttamente da Melo per occuparci dello spazio, del magazine e dei collaboratori. Poi ci sono i contents creators, oggi più di quaranta, tra cui Notes of Ber­linFinding Berlin ,iHeart­Ber­linIm Gegen­teilTan­ze­kindArt­con­nect Ber­lin e Mod­est Depart­ment. Per entrare a far parte della famiglia Blogfabrik i creativi inviano la propria candidatura tramite il nostro sito. Ogni progetto che ci arriva viene valutato in base alla sua pertinenza con il nostro concept e al numero di follower che il creativo già possiede. Per noi è molto importante promuovere la creatività e creare un clima di collaborazione, per questo vogliamo che le persone che lavorano con noi siano aperte e stimolanti. Sono loro a scrivere su Daily Bread e con la loro fantasia e inventiva permettono alla rivista di reinventarsi continuamente, non diventando mai noiosa o obsoleta».

Christoph Neumann - www.christoph-neumann.com
Christoph Neumann – www.christoph-neumann.com

Creatività e collaborazione. « Qui promuoviamo un’idea positiva del web. Ovviamente bisogna tener conto anche dell’aspetto economico: i lavori devono portare un guadagno ai loro creatori. Blogfabrik aiuta i suoi membri anche in questo. Abbiamo infatti un forum interno dove i nostri creativi si scambiano informazioni o annunci di lavoro. Poi c’è Kiosk agency, un’agenzia che mette in contatto i content creators con il mondo del business e offre aiuto nel gestire le questioni legali e burocratiche. Condivisione, professionalità e innovazione queste le chiavi del successo dei nostri blogger.»

Non solo blog. «Oltre alla “zona ufficio” abbiamo una sala conferenze e uno studio per foto e video. Lo studio può essere trasformato anche in area workshop e spazio per eventi. Ospitiamo spesso eventi aperti al pubblico per permettere ai blogger di aumentare la loro visibilità e far conoscere l’idea di Blogfabrik. Per esempio il prossimo 29 aprile ospiteremo la proiezione del documentario Berlin way of Love di Matthieu Douard e Salama Marine. Il film parla di dieci storie d’amore nate a Berlino ma soprattutto dello spirito di questa città. Sullo schermo si vedranno quell’unicità e energia creativa di Berlino che qui alla Blogfabrik cerchiamo di alimentare ogni giorno».

Photo: © Christoph Neumann – www.christoph-neumann.com

HEADER-SCUOLA-DI-TEDESCO

 

Related Posts

  • Instragram e Berlino: un rapporto di solo amore, la capitale tedesca è tra gli hashtag "geografici" più utilizzati sul celebre social network. Che sia un panorama, un angolo di strada o i suoi stessi abitanti, scrivere Berlino come parola chiave è sinonimo di originalità e pensiero fuori dagli schemi. Lo…
  • “Il Berghain? È l’essenza della vita notturna berlinese … e una fonte di ispirazione per me. Ha questa atmosfera un po’ speciale: c’è un’energia quasi negativa, dark, le feste si prolungano per giorni, le persone non hanno nessuna inibizione. È stimolante dal punto di vista artistico, ma lo trovo anche…
  • Ce la fate ad elencare almeno dieci tra film, libri, fumetti e videogames che trattano il tema dell’apocalisse? Sia essa zombie, nucleare, virulenta, meteorica, aliena o non ultima quella decisa da un dio collerico non avrete di certo fatto fatica a tirar fuori almeno il doppio dei titoli richiesti. La quasi…
  • In che circostanze fu scritta Heroes, il brano che divenne l'inno della Berlino separata in due? Riconosciuta internazionalmente grazie al successo del film Christiane F., dove è il segno di una fuga estatica verso il nulla, di un pezzo di città isolato nel mondo, che non può fuggire da nessuna…
  • Se qualcuno pensa che a settembre l'estate berlinese sia finita, non dimentichi la ciliegina sulla torta: il Berlin Festival. La celebre manifestazione di musica elettronica, che fa arrivare nella capitale tantissimi nomi della scena musicale internazionale, va ad animare la prima settimana di settembre, risvegliando gli animi di chi tristemente…

Leave a Reply