Carlo Levi, arte, emigrazione: a Berlino un libro sul grande scrittore italiano

Venerdì 30 settembre 2016 alle 18:30 la Fondazione Giorgio Amendola di Torino presenterà a Berlino Il Telero di Carlo Levi. Da Torino un viaggio nella Questione Meridionale, libro realizzato insieme all’Associazione Lucana Carlo Levi. Carlo Levi, uno dei giganti del Novecento letterario italiano e autore di Cristo si è fermato a Eboli, fu anche antifascista, talentuoso pittore e primo presidente della FILEF, la Federazione Internazionale dei Lavoratori Emigrati e Famiglie. L’incontro, realizzato in collaborazione con il PD Berlino, si terrà nella Erika Hess Saal della Kurt Schumacher Haus, sede della SPD berlinese.

Il volume. Realizzato su richiesta di Mario Soldati in occasione delle manifestazioni celebrative per il centenario dell’unità d’Italia, il Telero ’61 di Carlo Levi rappresenta un vero e proprio viaggio pittorico nella ‘Questione meridionale’. Il volume – realizzato con il contributo dell’Assemblea legislativa piemontese ed edito da Rinnovamento – indaga in ogni dettaglio il Telero Lucania ’61, l’opera in cui Carlo Levi trasferì su tela i drammi e i volti narrati nel romanzo Cristo si è fermato ad Eboli, per offrire un ritratto a tutto tondo dell’artista torinese e una ricostruzione del complesso fenomeno dell’emigrazione italiana.

L’evento. L’incontro si terrà, come detto, presso la Erika Hess Saal della Kurt Schumacher Haus (sede SPD di Berlino). Saranno presenti Domenico Cerabona della Fondazione Amendola, l’onorevole Francesco Laforgia, presidente della commissione Bilancio della Camera, Adolfo Pepe, direttore della fondazione Giuseppe di Vittorio e Alev Deinz, presidente del gruppo Migration und Vielfalt del circolo SPD-Mitte. Modererà l’incontro Federico Quadrelli, segretario PD di Berlino.

Schermata 2016-09-16 alle 16.19.02

IL Telero di Carlo Levi – Presentazione

Quando: venerdì 30 settembre, ore 18:30

Dove: Erika Hess Saal della Kurt Schumacher Haus (sede SPD di Berlino)

Contatti: Fondazione Giorgio Amendola: fond.giorgioamendola@libero.it – www.pdmondo.it – itmondo@partitodemocratico.it

Foto di copertina © Fondazione Amendola

banner3okok (1)

Related Posts

  • 10000
    Tornati dalle vacanze e pronti a riprendere la vita in città? A settembre il calendario si riempie di feste, mostre, concerti, festival di design, di cibo e d'arte e come sempre sarà difficile annoiarsi. Come ogni anno torna la Art Berlin Contemporary 2016, per conoscere il meglio dell'arte contemporanea. Dal…
  • 10000
    Una grande festa della vera cucina italiana a Berlino: per 72 ore, da giovedì 22 settembre alle 19 fino a domenica 25 sera, 47 ristoranti, pizzerie, enoteche, pasticcerie e bar italiani apriranno le loro porte e faranno assaggiare a tutti i berlinesi le loro specialità all'eccezionale prezzo di 6 €. Melanzane…
  • 10000
    La più grande festa della cucina italiana a Berlino sta per cominciare. Aspettando l'inizio della 72hrs True Italian Food, Berlino Magazine e iHeartBerlin.de vi invitano lunedì 19 settembre all'Aperitivo-72 hrs, l'evento di presentazione della manifestazione. La festa si svolgerà presso la Blogfabrik di Kreuzberg, uno spazio giovane e creativo in una dei…
  • 10000
    Come ogni anno il settembre berlinese ospita un grandissimo evento dedicato alla letteratura contemporanea di tutto il mondo. Con l’Internationales Literaturfestival Berlin per le dieci giorni la città si riempe di scrittori provenienti da numerosi Paesi europei ed extraeuropei per un calendario fittissimo di eventi, principalmente letture, ma anche incontri e dialoghi…
  • 10000
    Questa mattina è morto lo scrittore ebreo ungherese Imre Kertész. Primo autore ungherese a essere stato insignito del premio Nobel per la letteratura (2002), Kertész aveva 86 anni ed era malato da tempo. La notizia della sua morte, avvenuta a Budapest la mattina del 31 marzo 2016, è stata divulgata dall'editore Magvető…

Alessandra Giacopini

Viaggiatrice, sognatrice, curiosa, testarda, vagabonda. Laureata in Economia e gestione dell'arte e delle attività culturali a Venezia, ho vissuto qua e là tra Italia e mondo. Amante di tutto ciò che è cultura e creatività, "faccio sempre ciò che non so fare per imparare come va fatto" (Vincent Van Gogh).

Leave a Reply