Cerco tedesco, offro italiano. Come cercare il tandem giusto per imparare il tedesco

di Monica Manzoni*

Il tandem è una di quelle esperienze con le quali prima o poi bisogna fare i conti, se si è dotati di un minimo di buona volontà linguistica e curiosità. Il principio è semplice: due persone, interessate a imparare meglio l’una la lingua dell’altra, si incontrano periodicamente e chiacchierano del più o del meno, alternando le due lingue. Massima flessibilità dal punto di vista della durata e della periodicità degli incontri: tutto è deciso liberamente dalle due parti, orari e luoghi d’incontro compresi.

Per trovare un Tandempartner si può ricorrere a gruppi su Facebook oppure spulciare gli annunci appositi spesso ospitati sui siti delle università.

Per trovare un buon Tandempartner, invece, servono perseveranza, pazienza e buon senso – nonché fortuna, ma quella ci vuole sempre. Perseveranza e pazienza, perché non è detto che qualcuno risponda presto al vostro annuncio. (Ma se se avete trovato casa a Berlino, difficilmente la ricerca di un tandem sarà più complicata o frustrante di quella di un appartamento, quindi niente paura.) Buon senso perché, quando qualcuno vi risponderà, non saprete mai con chi avete a che fare. Perciò, no, organizzare un primo incontro a casa vostra alle nove di sera non è una buona idea. Molto meglio vedersi al pomeriggio, in un luogo pubblico, preferibilmente discretamente frequentato. Siate chiari nello scrivere il vostro annuncio: specificate bene quale lingua (o lingue) offrite e quale lingua (o lingue) cercate, il vostro livello, le vostre disponibilità di tempo in linea di massima e anche la vostra età, che può essere utile per evitare il rischio di essere contattati da persone con le quali avete ben poco in comune… e con le quali, quindi, potreste fare molta fatica a trovare argomenti di conversazione.

È tutta qui la guida al tandem perfetto. Con una piccola avvertenza: attenzione, perché il primo incontro con un possibile Tandempartner assomiglia pericolosamente a un primo appuntamento – per di più al buio. E portare avanti un tandem a volte vi ricorderà in modo inquietante portare avanti una relazione (o perlomeno, una relazione all’inizio). Ci si sente, ci si mette d’accordo per vedersi, si sceglie un posto, si fanno cose insieme, si chiacchiera, si chiacchiera, si chiacchiera. Se il vostro Tandempartner è dell’altro sesso, quindi, gli equivoci sono in agguato, perché i confini sono tutt’altro che netti.

Niente allarmismi. Incappare in situazioni spiacevoli è estremamente raro, se, per l’appunto, ci si muove con buon senso. In compenso, capita spesso di farsi qualche risata. In meno di un anno ho provato sei Tandempartner. Solo con uno mi vedo ancora regolarmente, ma tutti mi hanno regalato dei fantastici momenti esilaranti/imbarazzanti. Chi non ci crede sarà convinto, credo, dalla lista qui sotto.

I MIEI TANDEMPARTNER (tedesco/italiano, a Berlino, da febbraio a dicembre 2014):

Quella annoiata dalla vita. 22 anni, universitaria, con un ottimo italiano. A Berlino per lei fa tutto schifo, forse l’Italia non faceva schifo ma vai a capire perché non vuole parlarne. Non si è ancora gettata nel rutilante mondo del lavoro e già si lamenta. A me vien voglia di prenderla a schiaffi, magari così spiccica qualche parola in più.

Quello simpatico ma con marriage issues. 30 anni, insegnante. Simpaticissimo, ma il suo italiano è meno che zero. Alla domanda “Da dove vieni?” risponde orgogliosamente “Ich weiß: ich bin 30 Jahre alt!”. Pensi che non importa, ne guadagnerà il tuo tedesco, ma dopo il primo incontro si dilegua. Ti viene il dubbio che la moglie, in visita dai parenti in Russia durante il vostro primo incontro, non gradisca.

Quello noioso. 37, anni, traduttore. Lui non avrebbe nulla che non va, poveraccio. Resta il fatto che durante i vostri incontri ti annoi a morte, così dopo aver resistito stoicamente per un paio di mesi decidi di sparire.

Quello ok, ma che vive altrove. 39 anni, fisico. Ottimo italiano, simpatico, espansivo il giusto. Peccato che viva in un’altra città della Germania e che sia a Berlino solo una volta ogni tanto.

L’entusiasta. 47 anni, dentista. Ama l’Italia in modo ossessivo e si sforza di scrivere sempre in italiano nelle mail. A volte non hai la minima idea di che cosa intenda dire, ma lo sforzo è encomiabile.

La Wessi convinta. 45 (?) anni, artista (???). Ha un aspetto stravagante, ma quando afferma con decisione che “Sarebbe stato meglio se il muro non fosse mai caduto” pensi che… ok, questa anche no.

A volte mi è stato chiesto: “Ma il tandem, poi, è utile?” La risposta è jein. Per praticare una lingua tutto fa brodo, ma è difficile che un tandem faccia miracoli. La carrellata umana, però, è impagabile.

*Monica Manzoni: Autrice, editor e traduttrice, vive a Berlino dall’inizio del 2014 e si divide tra la Germania e l’Italia, per lavoro e per amore. Cerca di fare piani a lungo termine, ma per ora procrastina splendidamente.

banner3okok (1)

Foto di copertina: La Modelo C1 – Challenge #3 – Bonding with my BFF – Caroline © lil’_wiz CC BY-ND 2.0

Related Posts

  • Problemi con i vostri coinquilini? Non siete i soli. Sophia Halmonda ci racconta la fauna berlinese attraverso una guida per riconoscere ogni tipologia di coinquilino. Trovare una stanza in affitto a Berlino può rivelarsi impresa molto complicata: tra aumento dei prezzi, file chilometriche soltanto per prendere visione dell'appartamento, selezioni spietate…
  • E' vero, non bisogna mai generalizzare. Ma è altrettanto vero che, quando torniamo in Italia dopo aver vissuto in Germania per un po', non possiamo fare a meno di notare delle differenze. Di solito si tratta di quei comportamenti così tipicamente italiani che quasi ce li eravamo dimenticati durante il soggiorno…
  • 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
  • Languageinternational.com, start-up che offre informazioni e prenotazioni di corsi di lingua in tutto il mondo, cerca un madrelingua italiano che sappia anche un'altra lingua straniera oltre all'inglese, per impiego nell'assistenza clienti. La loro sede si trova a Schönhauser Allee, zona Prenzlauer Berg. Il contratto di lavoro parte da 1600 euro lordi al…
  • Sei terapista occupazionale / ergoterapista di professione (in possesso di laurea in terapia occupazionale) e cerchi una nuova sfida? Perché non a Berlino? La terapia occupazionale, o ergoterapia, è una disciplina riabilitativa che permette di sviluppare, recuperare o mantenere le competenze della vita quotidiana e lavorativa delle persone con disabilità cognitive,…

2 Responses to “Cerco tedesco, offro italiano. Come cercare il tandem giusto per imparare il tedesco”

  1. Silvana

    Sono italiana e vivo in Svizzera nel cantone tedesco. Non riesco a trovare lavoro perché non parlo il tedesco che studio da autodidatta. Mi piacerebbe fare scambi di insegnamento di lingue, anche su Skype.

    Rispondi
  2. Maria

    Sono un italiana ,mi trovo nei presi di saambruker,cerco persona che mi può aiutare a bare documenti . Non parlo tedesco solo italiano ,rispondete sono in emergenza grazie

    Rispondi

Leave a Reply