Da Trainspotting 2 a Kaurismäki: Berlinale, ultimata la selezione dei film del festival

La sezione dei film in concorso alla Berlinale 2017 è completa.

Annunciati i 18 film che correranno per l’Orso d’oro nella 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino dal 9 al 19 febbraio 2017. Venerdì 20 gennaio i Berliner Festspiele hanno reso noti gli ultimi titoli che vanno a completare la selezione dei film in gara. 6 i film fuori concorso in programma. Completa anche la lista dei film per la sezione Berlinale Special.

I nuovi titoli

Final Portrait e Sage femme (Midwife) sono due dei tre nuovi film annunciati dall’organizzazione del festival. La nuova pellicola del regista statunitense Stanley Tucci e la cooperazione franco-belga diretta da Martin Provost e interpretata dalle due dive francesi Catherine Deneuve e Catherine Frot, parteciperanno fuori concorso. Il film d’animazione Hao ji le (Have a nice day) del regista cinese Liu Jian sarà invece in lizza per l’Orso d’oro.

La lista completa dei film in gara e i titoli più attesi

I tre nuovi film annunciati vanno a completare la lista pubblicata lo scorso 15 dicembre 2016 e integrata il 10 gennaio 2017. Per la competizione ufficiale sono state selezionate produzioni e co-produzioni provenienti da 17 Paesi: Belgio, Brasile, Cile, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Hongkong, India, Irlanda, Libano, Norvegia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica di Corea, Repubblica popolare cinese, Romania, Svezia, Senegal, Slovacchia, Spagna, Stati Uniti, Taiwan e Ungheria. Di seguito la lista completa dei film scelti per la selezione ufficiale, compresi i titoli fuori concorso:

Ana, mon Amour –  Calin Peter Netzer (Romania / Germania / Francia)

– Bamui haebyun-eoseo honja (On the Beach at Night Alone) – Hong Sangsoo (Repubblica di Corea)

– El bar (The Bar) – Álex de la Iglesia (Spagna) – fuori concorso

Beuys –  Andres Veiel (Germania)

Colo – Teresa Villaverde (Portogallo / Francia)

– Django  Etienne Comar (Francia)

The Dinner – Oren Moverman (Stati Uniti)

Félicité – Alain Gomis (Francia / Senegal / Belgio / Germania / Libano)

– Final Portrait – Stanley Tucci (Gran Bretagna / Francia) – fuori concorso

Hao ji le (Have a Nice Day) – Liu Jian (Repubblica popolare cinese)

– Helle Nächte (Bright Nights) – Thomas Arslan (Germania / Norvegia)

– Joaquim – Marcelo Gomes (Brasile / Portogallo)

– Logan – James Mangold (Stati Uniti) – fuori concorso

– Mr. Long – Sabu (Giappone / Hongkong, Cina / Taiwan / Germania)

Una Mujer Fantástica (A Fantastic Woman) – Sebastián Lelio (Cile / Germania / Stati Uniti / Spagna)

The Party – Sally Potter (Gran Bretagna)

Pokot (Spoor) – Agnieszka Holland (Polonia / Germania / Repubblica Ceca / Svezia / Slovacchia)

– Return to Montauk – Volker Schlöndorff (Francia / Germania / Irlanda)

– Sage femme (Midwife) – Martin Provost (Francia / Belgio) – fuori concorso

– T2 Trainspotting – Danny Boyle (Gran Bretagna) – fuori concorso

A teströl és a lélekröl (On Body and Soul) – Ildiko Enyedi (Ungheria)

Toivon tuolla puolen (The Other Side of Hope) – Aki Kaurismäki (Finlandia)

– Viceroy’s House Gurinder Chadha (India / Gran Bretagna) – fuori concorso

Wilde Maus (Wilde Mouse) – Josef Hader (Austria)

Tra i film che la giuria presieduta da Paul Verhoeven dovrà valutare a febbraio ricordiamo Ana, mon Amour del regista rumeno Calin Peter Netzer, già vincitore dell’Orso d’oro nel 2013 con la pellicola Poziţia copilului (Il caso Kerenes), The Dinner, adattamento cinematografico del romanzo La cena dell’autore olandese Herman Koch, diretto dal regista israeliano Oren Moverman e The Other Side of Hope, ultimo film del cineasta finlandese Aki Kaurismäki, senza dubbio uno dei titoli più attesi di questa edizione della Berlinale.

La Germania verrà rappresentata dal documentario Beuys del regista Andreas Veiel, dedicato alla vita dell’artista tedesco Joseph Beuys, da Return to Montauk di Volker Schlöndorff e da Helle Nächte (Bright Nights) di Thomas Arslan. Ad aprire il festival il prossimo 9 febbraio sarà la prima mondiale di Django, debutto registico del francese Etienne Comar: la pellicola racconta la storia di Django Reinhardt, celebre chitarrista e compositore jazz di etnia sinti, la cui famiglia venne perseguitata dai nazisti. Tra le anteprime più attese ricordiamo anche Logan di James Mangold e T2 Trainspotting di Danny Boyle, entrambi fuori concorso. Logan, ultimo film della saga di Wolverine, sarà interpretato da Hugh Jackman. L’attesissimo seguito di Trainspotting, film culto del 1996 sulle vicende di una cricca di tossici, vedrà nuovamente le interpretazioni di Ewan McGregor e Robert Carlyle.

Berlinale Special e Berlinale Special Series

Anche la lista di titoli per la sezione Berlinale Special è ultimata. Berlinale Special presenta nuove produzioni cinematografiche di rilievo, formati straordinari e una selezione di serie internazionali (Berlinale Special Series). Da non perdere Penélope Cruz nel film La Reina de España (The Queen of Spain), diretto da Fernando Trueba, e la versione restaurata della leggendaria serie tv di Rainer Werner Fassbinder Acht Stunden sind kein Tag (Eight Hours Don’t Make a Day) del 1972. Di seguito i titoli selezionati per la sezione Berlinale Special:

Acht Stunden sind kein Tag (Eight Hours Don’t Make a Day) – Rainer Werner Fassbinder (BRD 1972)

 the bomb – Kevin Ford, Smriti Keshari, Eric Schlosser (Stati Uniti)

– Es war einmal in Deutschland… (Bye Bye Germany) – Sam Garbarski (Germania / Lussemburgo / Belgio)

– In Zeiten des abnehmenden Lichts (In Times of Fading Light) – Matti Geschonneck (Germania)

Le jeune Karl Marx (The Young Karl Marx) – Raoul Peck (Francia / Germania / Belgio)

– La libertad del diablo (Devil’s Freedom) – Everardo González (Messico)

The Lost City of Z – James Gray (Stati Uniti)

Masaryk (A Prominent Patient) – Julius Ševčík (Repubblica Ceca / Slovacchia)

Maudie – Aisling Walsh (Canada / Irlanda)

Nema-ye nazdik (Close Up) – Abbas Kiarostami (Iran)

La Reina de España (The Queen of Spain) – Fernando Trueba (Spagna)

The Trial: The State of Russia vs Oleg Sentsov  Askold Kurov (Estonia / Polonia / Repubblica Ceca)

Últimos días en La Habana (Last Days in Havana) – Fernando Pérez (Cuba / Spagna)

La sezione parallela Berlinale Special Series arriva quest’anno alla sua terza edizione. 6 serie, tedesche e internazionali, verranno presentate durante il festival. Il pubblico potrà vedere 2 episodi di ciascuna delle serie selezionate. Di seguito le 6 serie scelte:

4 Blocks – Marvin Kren (Germania)

Below The Surface – Kasper Barfoed (Danimarca / Germania)

Black Spot – Mathieu Missoffe, Thierry Poiraud, Julien Despaux (Francia / Belgio)

Der gleiche Himmel (The Same Sky) – Paula Milne, Oliver Hirschbiegel (Germania / Repubblica Ceca)

Patriot – Steve Conrad (Stati Uniti / Repubblica Ceca)

SS-GB – Philipp Kadelbach (Gran Bretagna)

Berlinale 2017

La 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino si terrà dal 9 al 19 febbraio 2017. Nel pomeriggio di martedì 31 gennaio 2017 verrà pubblicato il calendario delle proiezioni, che si svolgeranno in diverse sale cinematografiche della capitale tedesca (qui la lista completa). La vendita dei biglietti inizierà il 6 febbraio, a partire dalle ore 10.00. Sarà possibile acquistare i biglietti presso i rivenditori ufficiali (Potsdamer Platz Arkaden, Kino International, Haus der Berliner Festspiele, Audi City Berlin), alle casse dei cinema di riferimento, oppure online. I biglietti per le première possono essere acquistati 3 giorni prima della proiezione. Nel giorno dello spettacolo i biglietti sono acquistabili soltanto alla cassa del rispettivo cinema oppure online.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: T2 Trainspotting – Wettbewerb 2017 – GBR 2017 – von Danny Boyle – Ewan McGregor, Robert Carlyle © Sony Pictures Releasing GmbH

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply