Germania, a Lubecca si celebrano le relazioni tra Italia e Germania con la Borsa Culturale italo-tedesca

Ogni due anni la Federazione delle Associazioni Italo-Tedesche stanzia una borsa culturale. Quest’anno l’iniziativa è arrivata alla 14° edizione scegliendo come argomento della borsa l’arte nelle scuole. Come luogo dell’incontro è stata scelta Lubecca, sede dell’Associazione italo-tedesca più a Nord della Germania, mentre l’ultima borsa culturale si svolse due anni fa a Trapani, che ospita l’Istituto di Cultura Italo-Tedesco più a Sud d’Italia.

Cos’è la borsa culturale. La borsa culturale italo-tedesca è stata fondata nel 1989 a Savona e ha luogo ogni due anni in modo alternato in Germania e in Italia. Le borse culturali costituiscono un importante momento d’incontro nell’ambito degli scambi culturali bilaterali tra i due Paesi e nello sviluppo di un’identità europea.

L’arte nelle scuole. Anche l’arte deve fungere da collante per implementare le relazioni e gli scambi tra i due Paesi, creando un’unica e forte identità culturale europea. L’incontro delle associazioni italo-tedesche si è tenuto dal 9 al 12 settembre a Lubecca, e ha coinvolto in modo particolare gli scolari della scuola elementare Johannes-Prassek di Lubecca, dove viene insegnato l’italiano come lingua straniera. Visto che il fulcro centrale della borsa 2016 è l’arte, il protagonista di queste giornate di presentazione è stato Emanuele Bertossi, uno dei più creativi artisti italiani – grafico, scultore e illustratore di libri per l’infanzia – che ha tenuto work-shop con bambini e adulti presenti all’evento. Scopo della borsa culturale è quello di offrire alle varie associazioni di entrambi i Paesi l’opportunità di scambi e confronti per attingere sempre nuove idee per i loro programmi.

Il premio culturale. Altro punto centrale della manifestazione è il conferimento del premio culturale, un riconoscimento che la presidenza della Federazione delle Associazioni Italo-Tedesche attribuisce ogni due anni a singole persone, a comunità, a istituzioni o progetti distintisi per un’azione di particolare valore o per un costante impegno nel quadro delle relazioni culturali italo-tedesche Il premio consiste in un’opera d’arte in esemplare unico, concepito in alternanza da un artista italiano o tedesco. Quest’anno è stato proprio Emanuele Bertossi a creare un’opera d’arte su misura per il vincitore, o i vincitori, del Premio Culturale 2016.

Foto di copertina © Wikipedia – Arnold Paul

banner3okok (1)

Related Posts

  • Dal 2002 l'associazione Pact Zollverein di Essen offre residenze ad artisti locali e internazionali di vari campi, in particolare specializzati in danza, performance, media arts e musica. La residenza dura da gennaio a luglio 2017. La borsa di studio sosterrà le spese di viaggio e di soggiorno. La borsa di…
  • La Fondazione Giorgio Cini di Venezia ha istituito una borsa di studio residenziale di sei mesi del valore di 12.500 euro per consentire agli italiani “di seconda e terza generazione”, ossia figli o nipoti di italiani emigrati all’estero per motivi di lavoro, di tornare nel Paese d’origine per trascorrere un periodo di ricerca presso…
  • Il vostro sogno è studiare in Germania? Che si tratti di un corso di lingua, di un corso di laurea, di un master o di un dottorato, ogni anno il DAAD (Deutscher Akademischer Austauschdienst, il servizio tedesco per lo scambio accademico) mette a disposizione diverse borse di studio per gli studenti italiani che vogliono trascorrere…
  • Saper preparare una buona pizza italiana se si ha intenzione di cercare lavoro a Berlino può fare la differenza. Gli annunci di lavoro per cuochi e pizzaioli sono frequenti e avere “italianità nelle mani”, logicamente, conta. Non è però questa l’unica ragione per cui valga la pena seguire uno dei corsi per pizzaioli…
  • «Berlino è una città estremamente attraente per i giovani, soprattutto per la grande sensazione di libertà che trasmette. Il ruolo dell'Istituto italiano di cultura deve essere sicuramente quello di diventare un punto di riferimento per loro, ma non deve essere lo spunto per una ghettizzazione. Non voglio che si trasformi…

Eleonora Lanave

Romana, laureata in Scienze della moda e del costume all'Università La Sapienza. Romantica e vagabonda. Approdata a Berlino per cambiare rotta. "T'insegneranno a non splendere, e tu splendi invece". [Pier Paolo Pasolini]

Leave a Reply