Germania, l’asilo si fa nei boschi: i bambini apprendono di più e sono felici nella natura

La Germania, così come i Paesi scandinavi, ha sempre dato grande importanza al rapporto tra uomo e natura, alle escursioni all’aria aperta, alle passeggiate nei boschi (le cosiddette Wanderungen). Non c’è da stupirsi, dunque, che tale rapporto debba ricoprire un ruolo attivo anche nell’educazione dei bambini. È per questo motivo che sempre più asili decidono di far svolgere l’attività dei loro iscritti totalmente all’aperto, tra arrampicate, utilizzo di strumenti come coltelli e seghe, scoperta della incredibile varietà di fauna e flora. Ne si può avere una vaga idea da questo breve video pubblicato da AJ+, il canale YouTube di Al Jazeera, in cui si descrivono organizzazione e scopi degli oltre 1.000 Waldkindergarten, asili nei boschi, presenti tra Germania e Svizzera.

Into the wild. Che ci sia pioggia, neve o calura estiva, come spiega la maestra nel filmato, i bambini dei Waldkindergarten svolgono sempre le loro attività all’aria aperta: è lì che giocano, esplorano, mangiano, fanno il loro riposino pomeridiano. Ma imparano anche a usare la sega per tagliare (piccoli) rami o coltellini svizzeri per affilare altri strumenti e apprendono come accendere un fuoco in caso di necessità. I genitori li lasciano agli insegnanti al mattino, e come prima cosa gli alunni fanno una lunga escursione nei boschi, venendo incoraggiati a scoprire l’enorme varietà di alberi, bacche, fiori e specie animali esistente. I risultati pedagogici sono stupefacenti: i bambini sono molto più concentrati e responsivi, perché non si annoiano, si focalizzano su ciò che stanno facendo e sono più motivati a portare a termine un compito che li interessa o li diverte. Inoltre l’esplorazione dell’ambiente esterno, sotto l’attenta supervisione degli adulti, li porta a conoscere meglio le loro possibilità e i loro limiti. Anche a Berlino esistono esperimenti simili, ad esempio l’asilo all’aperto Waldläufer, in zona Pankow, il cui motto chiarisce perfettamente la filosofia dell’educazione sottesa all’intera idea: «La natura ci insegna cose per cui i libri non hanno parole».

banner scritte troppo piccole

Foto di copertina © YouYube – AJ+

Related Posts

  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • Lo scorso 25 agosto Angela Merkel ha dichiarato che la Germania accoglierà tutti i rifugiati siriani. Non si può vivere in un Paese in guerra, chi viene dalla Siria può essere sicuro di essere accettato a Berlino,  a differenza di quanto accade per molti altri profughi.  La decisione della cancelliera ha…
  • Per me, a quei tempi, la cioccolata era solo cioccolata. Al latte o fondente. Quella bianca aveva ancora un non so ché di esotico e raro. Ricordo che periodicamente, di tanto in tanto, mia zia ritornava in patria dalla lontana Germania per visitare mia nonna e tutti noi. Ricordo le…
  • «La grande bugia delle espulsioni dalla Germania dei richiedenti asilo»: titola così il giornale tedesco Bild a qualche giorno di distanza dall'attentato nel supermercato di Amburgo ad opera del 26enne islamista Ahmad Alhaw. Anis Amri prima, Ahmad Alhaw poi: i casi dei due attentatori di Berlino e di Amburgo stanno…
  • di Beatrice Falleni Sono una ragazza di 21 anni. Sono nata a Roma e lì ho compiuto il mio percorso di studi fino al conseguimento della maturità classica. Poi, a 19 anni appena compiuti e a poche settimane dalla fine degli esami, ho lasciato l’Italia e mi sono trasferita a Berlino.…

Leave a Reply