Germania, moschea murata per l’ora di preghiera. «Fedeli? Siete invasori»

Venerdì scorso la piccola comunità musulmana di Parchim, cittadina nel Land Mecklenburg-Vorpommern, si era data appuntamento per la preghiera. Ma i fedeli, non appena arrivati dinanzi all’edificio, una stazione di trasformazione dell’elettricità dismessa e riadattata a moschea, hanno trovato una sgradita sorpresa: l’ingresso era stato murato con blocchi di cemento, secondo le autorità innalzati già dalla sera precedente.

Probabile matrice di estrema destra. Sui blocchi erano stati affissi diversi messaggi xenofobi, ad esempio: «Voi vi definite fedeli, noi vi chiamiamo invasori». Su uno dei blocchi campeggiava anche una dichiarazione del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, scelta come conferma della presunta pericolosità politica di tutto l’Islam: «Le moschee sono le nostre caserme, i minareti le nostre baionette, le cupole i nostri elmetti e i fedeli i nostri soldati». La comunità musulmana di Parchim, composta da circa 150 fedeli di vecchia e nuova emigrazione e quasi tutti siriani o curdi provenienti dalla Turchia, ha provveduto a informare la polizia locale e a rimuovere i blocchi di cemento. Come riportato da Die Zeit, le autorità non hanno al momento indizi concreti sugli autori del gesto ma ritengono probabile che si tratti di esponenti dell’estrema destra locale. Domenica in Mecklenburg-Vorpommern si vota il nuovo Landtag, il parlamento regionale. Nei sondaggi è ancora in testa – con il 27 percento – la SPD, al governo nel Land, seguita però a stretto giro da CDU (22 percento) e dai nazionalisti di Alternative für Deutschland (21 percento).

banner3okok (1)Foto di copertina © Facebook – Netzwerk für Flüchtlinge in Parchim

Related Posts

  • "La maggior parte dei problemi matrimoniali vanno così. Quando l'ho sposata era magra e carina, mi diceva cose carine. Ora lei è diventata tutta grasso ed ossa, ha il viso cupo, quando la guardo - Dio mi perdoni - mi sembra Satana in persone. Vorrei non andare mai a casa,…
  • Stefan Jagsch è un candidato di spicco dell'NPD, formazione politica tedesca di estrema destra considerata da molti, di fatto, un partito neonazista. Come riportato da Frankfurter Rundschau, il 16 marzo il giovane politico (classe 1986) stava viaggiando con la sua auto da Altenstadt, cittadina dell'Assia dove era candidato alle comunali di…
  • A Bautzen, Sassonia, sono quasi le nove di sera del 14 settembre. Per le strade risuona il grido di una folla minacciosa, «wir sind das Volk!», siamo noi il popolo, un tempo scandito dai cittadini della DDR contro l'odioso regime della SED e oggi sinistro slogan della Germania più oscura. Gli uomini in marcia sono…
  • I tedeschi sono sempre più scontenti della politica di Angela Merkel e dell'Union. Se le elezioni per il Bundestag, la camera dei deputati, si tenessero oggi, Alternative für Deutschland, forza di destra euroscettica e populista, si affermerebbe come il terzo partito di Germania. Sono questi i due principali risultati del sondaggio commissionato a…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…

Leave a Reply