Prendi il sussidio Hartz IV? Amburgo ti manda a lavorare nelle mense. Gratis.

Non c’è stato bisogno di aspettare troppo a lungo per assistere al via libera di nuove misure in materia di mercato del lavoro.
Le novità, introdotte dal sena­tore social­de­mo­cra­tico per gli affari sociali Detlef Scheele, riguardano innanzitutto la città di Amburgo, dove dal 2015 saranno istituiti 500 posti di lavoro ad euro zero, assegnati a quei disoccupati di lunga durata che da anni risultano beneficiari dei sussidi Hartz IV. La maggior parte di questi nuovi lavoratori sarà impiegata nelle mense popolari di quartiere.

All’insegna di un’integrazione forzata, il leit motiv sembrerebbe essere quello del “costringiamoli a fare“, pena la riduzione degli aiuti. Sì, perché, stando ai dati più recenti, oggi in Germania 6,4 milioni di persone percepiscono questo sussidio, generando un costo per le casse dello Stato superiore ai 17 miliardi di euro. L’esempio di Amburgo potrebbe essere prossimamente seguito da altre città tedesche. Berlino nel 2013 contava ben 570 mila persone tra i beneficiari del sussidio Hartz IV.

Harald Thomé, presidente dei disoccupati dell’Associazione Tacheles, parla di “riduzione in schiavitù” e di violazione del codice sociale: “l’ormai eccessiva regolamentazione non fa altro che condurre ai lavori forzati”. In effetti, come riporta l’Epoch Times, così facendo vengono esclusi in questo modo i diritti fondamentali del lavoratore: non solo la cosiddetta indennità, ma pure, ovviamente, le ferie.

Anche M. Bascetta su Il Manifesto commenta: con il «sala­rio zero» lo spi­rito di que­ste poli­ti­che, che si nascon­dono die­tro lo slo­gan atti­vare, pro­muo­vere, qua­li­fi­care, si mani­fe­sta nella sua forma più pura. Di pro­mo­zione o di qua­li­fi­ca­zione, nelle occa­sioni di lavoro pro­po­ste dagli ammi­ni­stra­tori, non si vede nean­che l’ombra“.

E’ un male? Sarebbe bello aprire un dibattito sul senso e sul ruolo che il welfare – sempre più workfare – assume nel contesto di un lavoro che cambia. La Germania, nella sua corsa all’abbattimento del costo del lavoro, ha trasformato il proprio stato sociale in un surrogato ai ripari di una massa di lavoratori (o non lavoratori) sempre più poveri e sempre più numerosi. La suggestione, così rivoluzionaria, del sussidio a tempo indeterminato è andata ben oltre ciò che originariamente la riforma si proponeva, diventando in molti casi, di fatto, un incentivo alla disoccupazione.

LEGGI ANCHE HARTZ IV: È TEMPO PER UNA RIFORMA DEI SUSSIDI IN GERMANIA

Foto: © Gerd Bilow! CC BY SA 20.0

2 Responses to “Prendi il sussidio Hartz IV? Amburgo ti manda a lavorare nelle mense. Gratis.”

  1. Francesco

    Gratis? Beh allora anche i soldi per l’ Hartz 4 li prendono gratis se proprio vogliamo. Amburgo fa benissimo per vari motivi: impedire che questi svolgano lavoretti in nero come molti fanno (e incassando il sussidio ciononostante), impedire che questi passino la giornata a casa a bere birra economica o schnaps del discount (l’ ozio è il padre dei vizi) trasformandosi in barboni alcoolizzati, spingere questi a cercare un lavoro migliore (“Beh vissto che 8 ore devo sgobbare tanto vale che mi cerchi un lavoro vero e proprio”). Inoltre questi dovrebbero essere grati per la possibilità di lavorare nelle mense popolari, servire gli ultimi è un bel lavoro, da soddisfazione. Ultima cosa: per i Protestanti il lavoro è un valore e chi vive senza lavorare (salvo impedimenti tipo menomazioni) perde tutto il rispetto sociale. C’ è un motivo se la Germania è così avanti e può offrire uno stato sociale di altissimo livello. Se tutti incominciano a stare a casa col sussidio….sapete già come va a finire.
    Che ringrazino il cielo di poter lavorare, e che vadano al lavoro col sorriso. Altrimenti rinuncino al sussidio.

    Rispondi
  2. Spreka

    Applausi per il commento qui sopra. Quoto al 100%. Sarebbe ora che i parassiti inizino a fare qualcosa di utile per il prossimo e per loro stessi. Poi si lamentano del costo degli affitti… andassero a cercarsi un lavoro!

    Rispondi

Leave a Reply