«Io, insegnante di italiano a Berlino, in classe incontro il resto del mondo e ne sono felice»

Oggi alla mia lezione di italiano, livello intermedio, presso la scuola di lingue di Berlino in cui insegno, è arrivato un ragazzo per una lezione di prova. Non ha mai studiato regolarmente l’italiano, ma quando gli chiedo di provare a presentarsi, “come si chiama, cosa fa, di dove è”, parla in maniera spontanea e intuitiva.

Nasif viene dalla Siria e a Berlino fa l’informatico. Ha un sorriso dolcissimo e due occhi grandi, di un azzurro mediterraneo. È l’unico, tra quelli che han fatto la prova, che alla fine della lezione si ferma a chiedermi se secondo me può restare nel corso. Anzi, mi chiede se posso fargli avere del materiale extra, così può recuperare quello che ha “perso”. Gli dico che ovviamente è il benvenuto a restare e che non avrà problemi a seguire le lezioni!

Perché vuole studiare l’italiano? Perché gli piace l’Italia e la lingua. Lo fa nel tempo libero, per hobby. O forse perché in qualche modo, prima di arrivare a Berlino, per l’Italia ci è passato. Chissà…

Parla inglese, tedesco, arabo e “un po’ d’italiano”, dice.

Nasif rappresenta la categoria di persone per le quali, altrove, qualcuno direbbe “dobbiamo aiutarli a casa loro”. Di quelli che “ospitali a casa tua, i rifugiati. Eppure ai miei occhi è molto più intraprendente, educato, integrato e intellettualmente interessante di moltissime persone che sento difendere quotidianamente sterili valori di appartenenza nazionale e conservazione dei valori occidentali (quali…?).

Io l’ho guardato negli occhi e ho visto la sua tranquillità, la sua discrezione. La sobrietà, la modestia, la serenità. Il suo benessere. “Lavoro 7 ore al giorno”, “Nasif, hai molto stress al lavoro?”, “No, per niente!”. “Nasif, com’è il tuo lavoro?”, “Bello, moderno, interessante”.

Mi sono chiesta come sia possibile che in un mondo che definiamo “civilizzato”, associandolo a quello “occidentale”, ci sia ancora chi – senza alcun titolo – si avvalga della facoltà di giudicare il maggiore o minore diritto di altre persone ad accedere a una società di pace. Mi chiedo come sia possibile continuare ad associare a un pericolo il flusso di persone di altre culture, dimenticando la ricchezza e la bellezza del loro apporto nella nostra.

Nasif è siriano, vive in Germania e a Berlino studia anche l’italiano. Quando lo incontrerò alla prossima lezione gli chiederò di più. Non importa da dove viene, né che lingua parli, né quale sia la sua religione. Importa che oggi ci siamo divertiti, abbiamo imparato un sacco di aggettivi e i pronomi possessivi, e importa che lui abbia la motivazione di continuare a seguire il corso d’italiano, perché l’importante non è da dove veniamo, ma chi siamo e come stiamo insieme agli altri.

banner3okok (1)

Related Posts

  • 10000
    Berlino Schule presenta il proprio programma di corsi di tedesco 2016/2017, ovvero da fine agosto 2016 a maggio 2017, senza dimenticare che fino a fine agosto sono a disposizione le summer school, corsi super-intensivi con attività pomeridiane e serali di cui trovate qui tutti i dettagli. Tanti i livelli e le…
  • 10000
    Berlino Schule presents its 2016/2017 program of German courses, that is to say from the end of August 2016 to May 2017. Bear also in mind that the Summer School classes are still available until the end of August 2016: the Summer School offers super-intensive courses, which include afternoon and evening activities (for…
  • 10000
    On 25th April the new morning intensive German classes are starting at Berlino Schule. The morning intensive courses consist of 48 hours*, divided into 16 lessons of 3 hours each. The course takes place 4 times a week, for 4 weeks. There is a new special offer, valid until 15th June 2016: the…
  • 10000
    Al via il prossimo 25 aprile i nuovi corsi intensivi di lingua tedesca di Berlino Schule, l’innovativa scuola di Berlino Magazine. I corsi intensivi mattutini, della durata complessiva di 48 ore*, si articolano in 4 lezioni settimanali di 3 ore ciascuna, distribuite su 4 settimane. Approfittate dell’offerta speciale di Berlino Schule, disponibile solo fino…
  • 10000
    E’ il 28 Gennaio 1929, un lunedì mattina decisamente freddo come solo le giornate invernali berlinesi sanno essere. L’impiegato di banca Nürnberg affretta il passo sulle strade ghiacciate per arrivare ad aprire in tempo gli sportelli della sua banca, la Diskonto Gesellschaft di Wittenbergplatz. Come d’abitudine, prima di iniziare il…

Margherita Sgorbissa

Con sempre il solito imbarazzo delle autodescrizioni, mi presento: sono Mag e sono laureata in mediazione linguistica. Finita la vita in Italia, presto sarò a Berlino per iniziare un nuovo capitolo. Un grande legame che mi ha tenuta stretta alla realtà tedesca è stato sicuramente Berlino Cacio e Pepe Magazine, con cui collaboro dal 2011. Inutile citare la mia grandissima passione per la scrittura e il giornalismo!

Leave a Reply