Juncker in francese alla conferenza: «L’inglese è una lingua in uscita nell’Unione Europea»

È successo convegno The European Pillar of Social Rights: Going forward together.

L’inglese non basta più. O almeno non basterà in futuro visto che, almeno nelle istituzioni europee si sta mettendo in discussione il suo utilizzo come lingua franca. La decisione dl Regno Unito di uscire dall’Europa ha conseguenze anche linguistiche e così, Jean-Claude Juncker, l’avvocato lussemburghese presidente della Commissione europea dal 1º novembre 2014, ha deciso di cominciare ad affrontare il problema esordendo simpaticamente in francese al convegno The European Pillar of Social Rights: Going forward together.

Juncker esordisce in francese: «Sono molto impressionato dal fatto che…» per poi passare all’inglese «L’inglese è una lingua in uscita nell’Unione Europea quindi dobbiamo abituarci al fatto che altri linguaggi ufficiali vengano utilizzati con la stessa intensità con cui utilizzavamo prima l’inglese quindi parlerò in francese, forse in tedesco. Ma non in lussemburghese».

Le lingue dell’Unione Europea. Le lingue ufficiali dell’Unione Europea sono 24, ma quasi tutti i documenti sono tradotti solo in inglese, francese e tedesco. Si tratta di un trilinguismo imposto che potrebbe a breve diventare bilinguismo. Quando Malta e Irlanda entrarono nell’Unione dichiararono come proprio idioma ufficiale il maltese e il gaelico pensando che la Gran Bretagna sarebbe sempre stata parte dell’UE. Non è la prima volta che Juncker pone l’accento sul graduale abbandono della lingua della Regina, già lo scorso giugno, a margine di un convegno, rilasciò interviste solo in tedesco.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Photo: © Eunews/Youutube

Related Posts

  • Nessuno conosce con certezza quali saranno gli effetti a lungo termine del terremoto Brexit. Quelli simbolici, però, hanno cominciato a farsi sentire già subito dopo il trionfo del Leave. Mentre Parigi provava a sedurre le banche inglesi, l'FDP, il partito liberaldemocratico tedesco, ha cominciato una campagna per convincere le start-up londinesi a spostarsi…
  • Il Regno Unito esce dall'Unione Europea. Non sappiamo come, se i parlamentari britannici di Bruxelles da domani non voteranno più, se gli stessi immigrati europei, italiani, francesi o spagnoli che siano, potranno rimanere e beneficiare di diritti identici a quelli dei britannici o meno, se e come saranno le conseguenze…
  • In questi ultimi mesi, in Europa e oltreoceano, di esiti elettorali imprevisti se ne sono visti molti: prima la Brexit, poi l'elezione di Trump e infine la sorpresa in positivo dell'Austria con un dietrofront all'ultimo minuto che ha portato a nuove consultazioni proprio questa domenica, in concomitanza con il referendum costituzionale…
  • Trionfo del No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre 2016. All'affossamento della riforma Renzi-Boschi è seguito l'annuncio di dimissioni del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Ora si attende la decisione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: nominare un governo tecnico fino al 2018 oppure indire il voto anticipato. In questa…
  • Molti ricorderanno l'invito rivolto alle start-up europee a investire a Berlino, subito dopo il referendum inglese che ha decretato l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. Indipendentemente dalla Brexit, sempre più aziende del settore digitale decidono di investire nella capitale tedesca. L'ultima in termini di tempo, è stata Google, che ha deciso di raddoppiare. Dopo…

Leave a Reply