L’Oktoberfest aveva un “tinder” tutto suo, senza app, che un tempo funzionava piuttosto bene

drindl

In Germania, ai tempi in cui ancora non esisteva Tinder, era usanza manifestare il proprio “status” sentimentale attraverso i vestiti indossati durante l’Oktoberfest.

L’usanza vuole che le donne, a seconda di come vengono allacciati i nastri sul decolletè del Dirndl,  mostrano di essere single, sposate o vedove disperate. Perciò attenzione alle righe che seguono, cari lettori: potreste uscire con l’intenzione di bere un paio di birre e finire accasati.

Oktoberfest– © motointermedia   CC0

Fiocco sulla sinistra

La leggenda vuole che se una ragazza si annoda il fiocco del proprio vestito a sinistra sia single e pronta a pazzie. Probabilmente oggi può significare anche solamente che sia interessata a scambiare due chiacchiere con gli avventori: tuttavia tentar non nuoce.

Fiocco sulla destra

Le ragazze che si annodano il fiocco del Dirndl a destra sono sposate o «impegnate».

Fiocco in mezzo

Viste le spiegazioni di cui sopra, sarebbe logico arrivare alla conclusione che allacciarsi il fiocco in mezzo stia a significare che la ragazza in questione si trovi in una situazione sentimentale «complicata». Tuttavia questo tipo di fiocco viene fatto a bambine piccole o che rientrino nella categoria di vergine: molte turiste che non rientrano nella categoria ma che non sono a conoscenza di queste tradizioni vengono spesso guardate con tentennamento dai partecipatori all’evento.

Bavaria – © jackmacn34  CC0

Fiocco dietro la schiena

Se dovesse capitarvi di vedere una ragazza con il fiocco annodato sulla schiena, i casi sono due: o è una cameriera, o è vedova. In entrambi i casi sarà facile riconoscerle, perchè la prima sarà impegnata a servire la birra ai clienti, la seconda invece a bersela.

Gli «charivari» degli uomini

Le usanze non si limitano agli abiti delle donne. Esiste una tradizione legata anche all’abbigliamento degli uomini, in particolare agli «charivari» (pronunciato «sharivari»), una catenella d’argento lunga circa 33 cm che si applica sopra i pantaloni di pelle. Leggenda narra che più siano i ninnoli attaccati a questa catenella, più benestante sia l’uomo che la possiede: si può trattare di pietre preziose, medaglioni portafortuna e spesso anche premi di caccia come denti o corna, a seconda della temerarietà del possessore. Alcuni di questi charivari passano di famiglia in famiglia attraverso i secoli come eredità, e circola voce che ne esistano alcuni con un valore che arriva fino a 10,000 €.

Charivari – © Mueller-rech.muenchen  CC 3.0

 

Immagine di copertina: Oktoberfest – © Alexas_Fotos CC0

 

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Cover Photo: CC0

Leave a Reply