Offrire una camera di casa al rifugiato: successo in Germania per l’Airbnb solidale

In un universo di imperante individualismo, esiste ancora un lato generoso dell’umanità che crede con passione nella condivisione e nell’empatia verso il prossimo. Ad abbracciare questi principi sono stati due giovani berlinesi, Mareike Geiling e Jonas Kakoschk trascendendo coraggiosamente le convenzioni. Tutto è partito quando hanno deciso di ospitare nel loro appartamento un profugo maliano, privo di regolare permesso di soggiorno e costretto ad arrangiarsi in sistemazioni di massa. Avrebbero potuto prendere uno dei tanti giovani e meno giovani alla ricerca di un’abitazione a Berlino, ma non lo hanno fatto. Il loro desiderio di ispirare una diversa cultura dell’accoglienza li ha spinti poi ad andare ancora oltre e a dar vita ad uno straordinario progetto. È così che è nato Flüchtlinge Willkommen, sito per mettere in contatto i richiedenti asilo con chiunque, registrandosi al portale, sia disposto ad offrirgli una camera in affitto nel proprio appartamento. Chi paga? A volte è l’autorità locale (quando il rifugiato non è clandestino), altre volte è il rifugiato stesso, con i propri guadagni/risparmi, altre ancora  il sito, che raccoglie donazioni atte a questo scopo.

10428130_884011241640026_5671995062902242981_n

Gli innumerevoli esuli che cercano rifugio in Germania (oltre 200 mila domande di asilo politico nel 2014, più 58% rispetto l’anno precedente), o in qualunque altra nazione, sono normalmente costretti a subire un iter burocratico infinito, durante il quale la loro condizione di paralisi esistenziale assume sfumature quasi surreali. Finché la loro richiesta non viene legalmente accolta, infatti, i profughi sono considerati privi di identità, ridotti ad un mero status giuridico, non possono né lavorare né cercare casa.

Non è difficile immaginare l´essenza rivoluzionaria di un progetto del genere, vero e proprio Airbnb solidale al servizio dei più deboli. Sulla scia di Mareike e Jonas, circa 400 persone, distribuite prevalentemente tra Germania ed Austria, hanno messo a disposizione almeno una camera della loro abitazione. Prossima tappa? Ampliare l’offerta ad altri Paesi.

Photo: © Robert Judge CC BY SA 2.0

Related Posts

  • 47
    In Germania sono sempre più frequenti i casi di minori o donne migranti vittime di violenza sessuale nei centri di accoglienza. Secondo Annette Groth, portavoce al Bundestag di Die Linke per i diritti umani, solo nel primo trimestre 2016 sono stati registrati 128 casi di abusi sessuali nei centri tedeschi. Ma gli esperti ritengono che la portata del fenomeno potrebbe…
    Tags: i, per, dei, non, in, è, germania, rifugiati, politico, berlino
  • 46
    Mentre i giornali di mezza europa gridano all'assedio e l’altra metà chiede chiarezza sulle politiche di accoglienza per i profughi di guerra, sui social impazzano gli estremismi che credevamo e ci auguravamo fossero rimasti relegati agli anni più bui della storia continentale. Tra politici che sfruttano l’emergenza umanitaria come spot…
    Tags: in, rifugiati, è, i, per, dei, berlino, ad, più, asilo
  • 43
    A Berlino sempre più giovani rifugiati si prostituiscono nel parco di Tiergarten. Secondo quanto riporta RBB-Inforadio, a Berlino sempre più rifugiati di sesso maschile ricorrono alla prostituzione per guadagnarsi da vivere. Sembra infatti che nel parco di Tiergarten la prostituzione da parte di giovani migranti sia all’ordine del giorno. Le organizzazioni umanitarie…
    Tags: i, in, rifugiati, nel, giovani, per, berlino, più, non
  • 43
    Migranti. Il flusso è continuo in tutta la Germania ed in particolare a Berlino dove i centri di prima accoglienza crescono a dismisura (si utilizza anche l'ex aeroporto di Tempelhof) e ogni giorno vengono raccolte impronte digitali e richieste d'asilo di migliaia di persone. È per andare incontro alle loro difficoltà…
    Tags: in, è, per, i, berlino, germania, rifugiati, asilo
  • 43
    Un migrante di 29 anni è stato ucciso nella scorsa notte dalla polizia di Berlino. Il tragico episodio è successo nel Notunterkunft für Flüchtlinge di Kruppstraße, centro di prima accoglienza in zona Moabit. Come racconta il Berliner Morgenpost, l'uomo si era avventato con un coltello contro un 27enne ospite della struttura, a quanto pare…
    Tags: per, i, è, dei, in, non, più, nel, berlino, asilo

One Response to “Offrire una camera di casa al rifugiato: successo in Germania per l’Airbnb solidale”

  1. Perché le frontiere aperte della Germania non sono state solo propaganda | maticciofive

    […] per rifugiati, i flash-mob d’aiuto nei centri di prima accoglienza, il lancio di un servizio di un Airbnb solidale per richiedenti asilo e così […]

    Rispondi

Leave a Reply