Porsche assume 1400 dipendenti in vari ambiti in Germania: ecco come candidarsi

Porsche ha bisogno di nuovi dipendenti in Germania, ben 1400 persone per l’esattezza. Buona parte, 1200, di cui 900 nel reparto produttivo, saranno dislocati presso lo stabilimento di Zuffenhausen comune di Stoccarda (sud ovest della Germania) per lo sviluppo e la produzione della Mission E, la prima auto sportiva completamente elettrica della propria gamma da lanciare sul mercato prima dl 2020. Gli altri duecento saranno collocati sempre nel land del Baden-Württemberg.

Le figure professionali ricercate. Come riporta eMobilSerer, si cercano esperti nel campo della digitalizzazione, dell’E-mobility, della Smart Mobility e Connected Card. Più di 100 di loro dovranno essere specialisti nell’IT. Si preferiranno candidati che abbiamo familiarità con una fabbrica 4.0, ovvero dove la digitalizzazione collega tutte le unità produttive dell’impianto. 50 posti saranno a disposizione di ci creativi che desiderano implementare le più recenti tecnologie in soluzioni di mobilità per il segmento premium automobile.
Inoltre, Porsche aumenterà il numero di posti di formazione (Ausbildungsplätz) da 150 a 220. Dal 2010 ad oggi Porsche AG ha già raddoppiato il numero dei propri dipendenti arrivando a 26.200 a giugno 2016. Come sottolinea Andreas Haffner, direttore delle risorse umane di Porsche: “Siamo alla ricerca di talenti e la competizione è alta in tal senso se si pensa alle altre case automobilistiche, ai fornitori e a aziende di IT. Con la fabbrica per realizzare Mission E vogliamo inaugurare una nuova era della produzione di automobile legata a doppio filo con le nuove tecnologie”.

Per candidarsi. Sia per l’Ausbildung che per il lavoro si deve andare sul sito della Porsche e, dopo aver cercato il lavoro a cui si è interessati attraverso il Joblocator compilare il formulario online. È necessario sapere leggere in tedesco o avere qualcuno accanto che vi aiuti. Questo è il risultato per le posizioni aperte a Zuffenhausen. In bocca al lupo.

Leave a Reply