Quando l’Europa aveva le frontiere: le dogane abbandonate negli scatti di Josef Schulz

[sharethis]

Josef Schulz è un fotografo polacco stabilitosi in Germania. Il suo più recente progetto fotografico si chiama Übergang, «Passaggio». Schulz ha viaggiato in tutta Europa alla ricerca di posti di frontiera abbandonati, con lo scopo di fotografarli per mostrare un lato diverso della storia europea e metterci in guardia per il futuro.

Il progetto fotografico. Le immagini sono state editate in modo che lo sfondo sembri completamente avvolto dalla nebbia, permettendo ai posti di blocco di ergersi a catturare l’attenzione. L’architettura di ciascun edificio rispecchia l’epoca e la nazione cui appartiene. Scopo dell’elaborazione grafica è mostrare fino a che punto queste strutture sono cadute in disuso e farle sembrare dei monumenti di un’epoca storica recente. «Devono ricordarci le conquiste che l’Europa ha fatto e metterci in guardia circa la possibilità che la storia si ripeta», ha affermato Schulz all’International Business Times.

transition_05 transition_30

Un po’ di storia. Le strutture ritratte negli scatti sono cadute in disuso e hanno perso il loro significato a seguito della Convenzione di Schengen, quando in Europa è stata introdotta la libera circolazione. Ma dal 16 Febbraio sette Paesi che hanno siglato la convenzione, Germania inclusa, hanno reintrodotto i controlli alla frontiera, nel tentativo di controllare e arginare il flusso di migranti e rifugiati. «In passato, le frontiere era un simbolo di divisione», continua Schulz. «A volte tracciavano una linea netta di demarcazione tra sistemi politici, legali, fiscali e monetari diversi, altre volte erano un simbolo di divisione tra culture diverse. Comunque erano sempre un segno di divisione che non separava semplicemente due territori, ma che creava una barriera mentale. Nell’Europa odierna, il concetto di frontiera ha perso il suo senso politico e economico, ma a livello mentale cancellare il divario non è così immediato».

transition_50

Com’è nato il progetto. L’interesse per questi luoghi è nato dal vissuto personale di Schulz, che ha spiegato: «Sono cresciuto in Polonia, un Paese i cui confini sono stati riscritti varie volte nel corso della storia. Oggi i posti di blocco alle frontiere non fanno più così paura, non c’è più la polizia, ma continuano a sembrare luoghi inquietanti».

Le frontiere oggi. La Convenzione di Schengen è stata sospesa in modo temporaneo da Austria, Danimarca, Francia, Germania, Norvegia e Svezia. Dall’epoca della Convenzione, nel 1985, tali accordi avevano permesso a più di 400 milioni di persone di muoversi liberamente all’interno dell’Europa, da Grecia a Islanda. Si è trattato di una delle iniziative più ben riuscite dell’Unione Europea.

Ecco gli altri scatti.

transition_85 transition_105

transition_115 transition_120 transition_140 transition_145 transition_150 transition_165 transition_185 transition_195 transition_205 transition_210 transition_220 transition_225 transition_235 transition_245 transition_270
transition_290 transition_295 transition_305

Photo © Josef Schulz, Übergang

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • 10000
    Foglie gialle che cadono, un timido raggio di sole e quel classico vento freddo che ti sfiora le guance e ti ricorda che si, anche quest'anno l'autunno è arrivato a Berlino. I passeggini si cominciano ad attrezzare con coperte pelose, guanti e sciarpe di lana vengono tirati fuori dagli armadi e…
  • 10000
    Dopo il successo del gigantesco murale di Bernauerstraße raffigurante un pezzo di carne tagliato in due fette da una lama affilata (di cui abbiamo parlato qui), il collettivo Xi-Design continua a sorprenderci: stavolta con una pubblicità per la Berliner Pilsner, una delle birre più bevute nella capitale tedesca. I murales. I due…
  • 10000
    Tra brindisi, chiacchiere, risate e prelibatezze italiane, si consuma a Berlino, l'inaugurazione dell'evento più atteso del momento: la 72 hrs True italian (da giovedì 22 settembre a domenica 25 settembre). La presentazione dell'evento ha avuto luogo lo scorso lunedì in una location unica del quartiere di Kreuzberg: la Blogfabrik. Mangiare…
  • 10000
    «If walls could talk», se i muri potessero parlare, è il nome del contest per un nuovo, gigantesco murale realizzato a Bernauer Straße, strada di Berlino simbolo della tragedia del Muro e della separazione che per 28 anni ha funestato la città. E se i muri potessero davvero parlare, probabilmente esprimerebbero lo stesso messaggio…
  • 10000
    Giovedì 28 luglio 2016, l'ambasciatore italiano a Berlino Pietro Benassi ha fatto visita alla redazione di Berlino Magazine. Durante l'incontro, ospitato presso la sede di Berlino Magazine/Berlino Schule in Gryphiusstraße 23, si è parlato di immigrazione italiana a Berlino e in Germania, della mancata iscrizione all'AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) di tanti…

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

Leave a Reply