Ritorna in produzione il Bulli, il furgoncino dei fiori che dalla Germania ha conquistato il mondo

L’iconico Volfswagen Transporter T2, meglio conosciuto come Bulli, torna sulle strade.

© immagine presa dal sito di Repubblica.it

 

Lanciato sul mercato come furgone Volkswagen, è stato ribattezzato dalla vox populi ” Bulli”,  termine derivante dal tedesco “bus” e “Lieferwagen” letteralmente furgone, autocarro per consegna merci che evocava un aggettivo perfettamente calzante: bullig, ossia vigoroso, muscoloso. Parola d’ordine: versatilità. Il Bulli è il veicolo per qualsiasi evenienza: noto per la sua indistruttibilità e per le sue infinite possibilità di trasformazione, dai trasporti in miniera, al servizio postale, ad automezzo per ambulanze, polizia, pompieri, a banco di vendita ambulante. Diventato celebre grazie ai figli dei fiori che lo hanno sfruttato, decorato, che ne hanno fatto la loro casa su ruote, il van più famoso della Volkswagen verrà riprodotto in versione elettrica.

Le caratteristiche

Le uniche pecche? Il lancio a lunga data ed il prezzo. Il furgoncino verrà lanciato tra 4 anni ed il costo sarà tutto fuorché modico: partirà da 60 mila euro. “Difetti” giustificati dal fatto che sarà super ecologico e tecnologico: guida autonoma, scanner laser, sensori radar e a ultrasuoni, telecamera anteriore e area view, 2 potenti  motori elettrici Vw per permettere motricità su ogni tipo di terreno, 80% di ricarica in 30 minuti, non più specchietti retrovisori ma telecamere che proiettano le immagini sull’e-mirror e una ripresa da 0 a 100 in 5 secondi. Il tutto accompagnato dal classico muso a “v” che lo contraddistingue: un gioiellino dell’innovazione dal gusto nostalgicamente retrò.

Per romantici e nostalgici di seguito una photogallery del furgoncino più amato di sempre.

©bernswaelz CC0

 

© Vwbus Camper Camping CC0

 

© Landscape Panoramic Nature Minibus Vista CC0

 

© andredrechsel CC0

 

pubblicità Volkswagen 1972 Italia

 

©aljonushka CC0

 

©StockSnap CC0

 

©leohau CC0

 

©satschnt CC0

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Photo Cover ©Activedia CC0

Leave a Reply