Ritratto di un ombra di Paul Celan, la poesia di chi ricorda l’amore

Ombra amanti

Paul Celan non era tedesco, bensì rumeno, nato nel 1920 in quella Bucovina che oggi è addirittura parte dell’Ucraina dopo essere stata, durante la sua infanzia, annessa all’Unione Sovietica. La sua lingua madre però fu il tedesco, è così che scrisse le sue tante, meravigliose opere spesso ammantate da un romanticismo malinconico spesso, ma non sempre, legato a doppio filo all’esperienza della deportazione e del campo di concentramento che subì, in quanto ebreo, a poco più di vent’anni d’età (si suicidò nel 1970 gettandosi nella Senna).

Ritratto di un’ombra

I tuoi occhi, orma di luce dei miei passi;
la tua fronte, solcata dal lampo delle spade;
i tuoi sopraccigli, orlo della rovina;
le tue ciglia, messi di lunghe lettere;
i tuoi riccioli, corvi, corvi, corvi;
le tue guance, stemma del mattino;
le tue labbra, ospiti tardivi;
le tue spalle, statua dell’oblio;
i tuoi seni, amici delle mie serpi;
le tue braccia, ontani alla porta del castello;
le tue mani, tavole di morti giuramenti;
i tuoi fianchi, pane e speranza;
il tuo sesso, legge dell’incendio boschivo;
le tue cosce, ali nell’abisso;
i tuoi ginocchi, maschere della tua boria;
i tuoi piedi, teatro d’armi dei pensieri;
le tue piante, cripte di fiamme;
la tua orma, occhio del nostro addio.

Bildnis eines Schatten

Deine Augen, Lichtspur meiner Schritte;
deine Stirn, gefurcht vom Glanz der Degen;
deine Brauen, Wegrand des Verderbens;
deine Wimpern, Boten langer Briefe;
deine Locken, Raben, Raben, Raben;
deine Wangen, Wappenfeld der Frühe;
deine Lippen, späte Gäste;
deine Schultern, Standbild des Vergessens;
deine Brüste, Freunde meiner Schlangen;
deine Arme, Erlen vor dem Schloßtor;
deine Hände, Tafeln toter Schwüre;
deine Lenden, Brot und Hoffnung;
dein Geschlecht, Gesetz des Waldbrands;
deine Schenkel, Fittiche im Abgrund;
deine Kniee, Masken deiner Hoffart;
deine Füße, Walstatt der Gedanken;
deine Sohlen, Flammengrüfte;
deine Fußspur, Auge unsres Abschieds

Photo: © Jacob Haas CC BY SA 2.0

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • Hermann Hesse, forse solo dopo Thomas Mann è, lo scrittore di lingua tedesca del ventesimo secolo più conosciuto e letto al mondo. Felicità è una delle sue poesie più celebri. Ve la proponiamo nella sua doppia versione italiana e originale tedesca. Felicità  Fin quando dai la caccia alla felicità, non sei…
  • “Sono curiosa quanto basta per sapere e scoprire le cose da me piuttosto che affidarmi ad un editore che poi decide per me.” Diane Vincent, fotografa tedesca, ci colpisce per la sua determinazione mista ad un aurea di mistero che la circonda. Diane è nata a metà degli anni ’70…
  • In una lettera all'amico Hans Brender, Paul Celan scrive: "Solo mani vere scrivono poesie vere. Io non vedo alcuna differenza di principio tra una poesia e una stretta di mano”. Paul Celan era infatti un animo autentico, sensibile, e un poeta profondamente criptico e malinconico. Ebreo di madrelingua tedesca, nato a…
  • Brecht aveva presagito con cristallina sicurezza l'imminente scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Dopo aver visto bruciare i suoi libri da Hitler sulla storica Bebelplatz, davanti alla Humboldt Universität a Berlino (dove adesso sorge un monumento per ricordare questo triste capitolo della storia), era stato costretto a scappare dalla Germania nazista.…
  • Agli occhi degli amanti dello skateboard, Berlino si distingue per essere a livello europeo una delle città più interessanti. Infatti, gli angoli che si prestano a questa attività sono sparsi un po’ dappertutto: dai numerosi skatepark, alle svariata scelta di aree che, pur non essendo appositamente riservate allo skateboarding, si…

Leave a Reply