Rothenburg, il magico paesino tedesco da fiaba che ha ispirato Disney per Pinocchio

Pinocchio

Rothenburg, un paesino bavarese da fiaba, che da sempre gode di ottima economia.

Nel corso dei secoli, Rothenburg ha sempre goduto di un’ottima situazione economica, sebbene la seconda guerra mondiale (1940-1945) apre una parentesi buia nella storia della cittadella. Anch’essa vittima dei bombardamenti, alla fine del 1945 Rothenburg vede distrutto quasi la totalità del suo centro storico. Solo sul finire del conflitto europeo, l’intervento di un generale americano salvò la città dalla distruzione totale. Finita la guerra però, inizia la grande ricostruzione, che riporterà la città al suo antico splendore. Oggi infatti si può ammirare Rothenburg in tutta la sua ritrovata bellezza così come tutta la zona lungo la  Romantische Strasse.

La Marketplatz (piazza del mercato)

Da sempre il mercato, la piazza, si pone al centro della vita cittadina, come luogo d’incontro e scambio. Oltre a questi aspetti, l’importanza della Marketplatz è amplificata dalla presenza, simbolica e non, del Rathaus. Il Municipio si erge al centro della piazza, un grande edificio caratterizzato da due stili architettonici diversi: una parte risale al periodo gotico, mentre la facciata è in stile rinascimentale. Da non perdere la Baumeisterhaus, una magnifica residenza, che l’architetto della città si fece costruire nel 1596.

La Herrngasse, via dei Signori

La strada principale di Rothenburg è la Herrngasse, che significa appunto via dei Signori. Questa collega la piazza del Municipio (Marketplatz), con i giardini del castello, i Burggarten. La sensazione, camminando per questa via, è di essere immersi in un mondo fiabesco. Eleganti casette dal tetto a spiovente sono realizzate negli stili architettonici più bizzarri, e sfoggiano balconi carichi di fiori dai colori vivaci. Negozi e botteghe sorgono ad ogni angolo, mentre il profumo dei forni e il rumore della vita lavorativa invade l’atmosfera. Il suono delle campane della Chiesa di San Giacomo (la Jakobkirche), che è la più grande e importante della città. Fu costruita infatti, durante l’arco di 100 anni e consacrata poi nel 1448. All’esterno sorgono due alti campanili in stile gotico, in contrasto con l’interno sobrio e severo. Sempre sulla Herrngasse, al numero 1, si trova un altro piccolo vanto della cittadina: un negozio di giocattoli e articoli natalizi. Venne aperto nel 1977 dalla famiglia Wohlfahrt e, visto il successo, fu seguito da molte altre filiali sparse in tutta la Germania.

La cinta muraria

Un altro elemento caratterizzante della tradizione di Rothenburg è la grande cinta muraria che racchiude tutta la città. Questa è famosa per le sue bellissime porte d’accesso, tra le più famose e belle Klingentor e Galgentor. Una parte delle mura sono ancora percorribili a piedi, è quindi da non perdere una passeggiata panoramica di tutta la cittadella.

 

La Bevuta del Brogomastro (Meistertrunk)

L’evento principale è la Bevuta del Borgomastro o Meistertrunk, in cui una grande manifestazione sfila durante la Pentecoste, per quattro giorni, dal 2 al 5 giugno. Comprende travestimenti con costumi folkloristici e maschere, ma anche la così detta “danza dei pastori”. La storica bevuta celebra una vicenda della guerra dei Trent’anni, in cui il generale Tilly avrebbe terminato l’assedio a patto di una sfida. Un uomo a caso del Consiglio Comunale avrebbe dovuto bere d’un fiato più di 3 litri di vino. Fu l’anziano borgomastro Nusch a prendersi la responsabilità e l’onore di salvare la propria città.

Foto di copertina: © Best of Bavaria, militaryingermany.com

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Photo Cover: © traveljunction – Rothenburg ob der Tauber – CC 2.0

Leave a Reply