Si sciolgono i Moderat. A Berlino l’ultimo concerto

Moderat

Nella capitale tedesca un concerto che rischia di diventare leggendario.

A Berlino l’ultimo concerto dei Moderat sarà il prossimo 2 settembre all’arena Wuhleide. Biglietti a partire da 35€ per quella che si preannuncia essere uno dei concerti più importanti dell’anno.

La band

I Moderat sono un progetto di musica elettronica nato a Berlino nel 2002. Formati da Sascha Ring, dj già noto col nome di Apparat, Gernot Bronsert e Sebastian Szarzy. Anch’essi già in precedenza dj conosciuti col nome di Modeselektor. Il loro primo disco, Moderat, ha ricevuto recensioni positive dalle più importanti riviste di musica elettronica. In particolare un brano, “New Error”, è entrato a far parte della colonna sonora del film “Laurence Anyways” di Xavier Dolan. Il secondo album, Moderat II, è stato pubblicato nel 2013, anticipato dal singolo “Bad Kingdom”. Il terzo e ultimo (per ora) album, Moderat III, è stato pubblicato il 1 aprile 2016, anticipato dal singolo “Reminder”. Da subito ha riscosso un grande successo tra il pubblico.

Scena del film “Laurence Anyways” di Xavier Dolan (2012), colonna sonora di Moderat

Il concerto finale

Dopo una tournée durata quasi due anni che ha visto la band calcare i palchi dei festival più importanti d’Europa, tra cui il Pukkelpop in Belgio, il Flow Festival ad Helsinki, il Coachella in California. La band ha deciso di chiudere il cerchio proprio nella loro città natale. La band ha recentemente dichiarato che questo sarà l’ultimo concerto prima di una lunga pausa in cui ognuno dei componenti si dedicherà a comporre nuovo materiale per i loro progetti paralleli. Si prospetta quindi un evento imperdibile per tutti gli amanti della musica elettronica.

Moderat Matt BiddulphCC2.0

L’evento

Sabato 2 settembre 2017

Kindl-Bühne Wuhlheide

An der Wuhlheide 187, 12459

I biglietti partono da 35€, assicurateveli qui

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © Facebook

Leave a Reply