Berlino, alla Philharmonie il paesaggio sonoro di Jean Sibelius

Il nome del compositore finlandese Jean Sibelius non figura spesso nei programmi dei concerti. Sir Simon Rattle e i Berliner Philharmoniker festeggiano in questi giorni il 150esimo anniversario della nascita con un ciclo di concerti in suo onore. Sabato 7 febbraio si conclude il “Sibelius-Zyklus” con in programma le ultime tre sinfonie, la Quinta, la Sesta e la Settima.

Jean Sibelius (1865-1957) fu un uomo dalla personalità complicata e un po’ maniaco-depressiva. Trascorse una consistente parte della sua vita oscillando tra l’auto-esaltazione e la mortificazione, abusando di alcoolici e in solitudine. Un isolamento sicuramente voluto ma, in parte, anche indotto da un periodo particolarmente difficile della sua esistenza artistica. Ci fu un momento critico, infatti, in cui ebbe grande seguito in Inghilterra e in America ma non raccolse lo stesso successo negli ambienti musicali austro-tedeschi più raffinati. La moglie di Sibelius racconta che un giorno, in preda a una crisi feroce, raccolse molti dei suoi manoscritti in un cesto e diede loro fuoco.

Il giovane finlandese trascorse anche un anno a Berlino, un po’ per studio e un po’ in cerca di quell’ispirazione musicale che solo una metropoli poteva dare. Del soggiorno berlinese ricorderà soprattutto “di aver potuto ascoltare di tutto, dalla musica sinfonica a quella cameristica”. Nella capitale tedesca ci tornerà da adulto, da affermato compositore, nel 1902 niente meno che per dirigere i filarmonici alle prese con il suo poema sinfonico “En Saga”. Da lì in poi frequenterà ancora il palco berlinese: negli anni successivi verrà eseguita la sua “Finlandia” e la Seconda Sinfonia. Queste composizioni ebbero però spazio solo nel programma dei cosiddetti “Concerti novità“, decisamente meno frequentati dei concerti per gli abbonati, e dei quali era il compositore italiano Ferruccio Busoni a curarne la raffinata selezione musicale.

Sabato 7 febbraio ci sarà l’occasione di ascoltare i Berliner Philharmoniker eseguire le sonorità rarefatte delle ultime tre sinfonie del compositore finlandese nella lettura di Sir Simon Rattle.

Dove

Berliner Philharmonie. Herbert-von-Karajan-Str. 1, 10785 Berlino.

Quando

Sabato 7 febbraio, ore 19.00. Nonostante sul sito i biglietit risultino esauriti è possibile fare un tentativo recandosi in biglietteria almeno un’ora prima dell’inizio del concerto.

 Credit foto: Urs Flueeler/AP

Related Posts

  • Open air speciali: fuori dalle mete classiche dei turisti e anche poco conosciuti ai berlinesi, d'adozione o di nascita. Se uno di questi prossimi sabati estivi vi trovate a non uscire la sera e ad avere a disposizione la domenica mattina, vi dò un caldo consiglio: andate ai concerti jazz…
  • Un tempo si chiamavano Matinée musicali: concerti mattutini, di musica da camera, poco impegnativi, destinati a un pubblico popolare. Oggi a Berlino si chiamano in tanti modi, hanno luogo in teatri, in orari e in giorni diversi ma concettualmente rimangono Matinée. I “Lunch Concerts” o “Lunchkonzerte” sono quelli organizzati ogni…
  • "Di Berlino colpisce questo coraggio nell'invitare sia l'arte che l'architettura, alla contemporaneità conservandone però i grandi contenuti storici. Da questo punto di vista è un esempio per il resto d'Europa. Sarebbe bello che anche la mia città, L'Aquila, possa prenderne esempio. Se non Berlino, allora Dresda, città anche lei distrutta e…
  • Daniel Barenboim lascia l'incarico al Teatro alla Scala. Non più andirivieni tra Berlino e Milano, tra il Teatro scaligero e la Staatsoper Unter den Linden. Il 7 dicembre, Daniel Barenboim è salito sul palco del teatro milanese dirigendo il Fidelio di Ludwig van Beethoven e salutando per l'ultima volta il…
  • Meraviglia della tecnologia: seduti in un cinema di Berlino è possibile assistere alla prima londinese de I due Foscari di Giuseppe Verdi, in diretta dalla Royal Opera House. In maniera informale (e decisamente più economica) si può infatti prendere parte a spettacoli di grande rilievo, alcuni tra i più rinomati…

Maria Severini

Maria Severini, laureata in Musicologia, gironzola per le strade di Berlino ormai da qualche anno. L’unico modo che ha trovato per combattere l’astinenza dal sole è fare scorpacciate di concerti.

Leave a Reply