Trump: «Io e la Merkel abbiamo qualcosa in comune». Ma lei inorridisce

[sharethis]

“Almeno abbiamo qualcosa in comune” così  Donald, ieri durante la conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca, ha tentato di coinvolgere Angela Merkel.

La considerazione era riferita alle presunte intercettazioni effettuate dall’amministrazione Obama alla Trump Tower equiparate al passato spionaggio della NSA, l’agenzia dei servizi segreti statunitensi, nei confronti della Cancelliera tedesca e di altri leader europei (fra cui anche Silvio Berlusconi) scoperto grazie alle rivelazioni di Edward Snowden nel 2012.

Simili? La Merkel non ci sta

La Cancelliera ha risposto con due sguardi più che mai emblematici. Era il primo incontro tra i due Presidenti. In passato la Cancelliera aveva criticato e accusato duramente le sue politiche specialmente quella sull’immigrazione definendola folle.

La mancata stretta di mano

Già in precedenza c’era stato un altro momento di imbarazzo tra i due: una mancata stretta di mano, invocata dai fotografi della Stanza Ovale, a cui Trump si è negato nonostante la Merkel fosse pronta al gesto. La situazione ha lasciato la Merkel senza parole, pronta poi ad un sorriso per liquidare il tutto senza ulteriori conseguenze.

Determinazione contro populismo e apparenza

La reazione della Merkel sottolinea la distanza siderale fra i due leader di due delle potenze tra le più importanti a livello internazionale. Da una parte si conferma la fermezza istituzionale e la determinazione tedesca, portatrice dei valori europei e occidentali, del libero mercato, dell’accoglienza dei rifugiati e della promozione della pace a livello internazionale tramite la promozione di accordi a livello internazionale garantiti dalla stretta alleanza della NATO. All’estremo opposto invece il nuovo presidente dalle reazioni eccessive, sempre alla ricerca di visibilità a livello mediatico (basta dare un’occhiata ai toni dei messaggi del suo profilo Twitter o a come, durante il già citato video nella Stanza Ovale, cerchi la posa e il profilo migliore per farsi scattare le foto).

 

I temi dell’incontro

L’incontro ha avuto quattro assi principali: la politica estera (in particolar modo il rinnovato ruolo degli Stati Uniti nella NATO), il terrorismo internazionale, l’ immigrazione e i rapporti economici fra i due paesi che continuano ad essere interdipendenti. La conferenza stampa come di routine è stata aperta dal presidente ospitante, che ha sottolineato l’amicizia al paese ospite, con il quale condivide, almeno a livello teorico, obiettivi fondamentali come la sicurezza, la prosperità e la pace, ponendo l’accento su l’unico fronte in cui Germania e Stati Uniti sono ancora molto legati. Di positivo ci sono state le dichiarazioni sull’impegno degli Stati Uniti nella NATO, una palese virata delle posizioni di Donald Trump rispetto alle promesse e alle critiche continue espresse durante la campagna elettorale. Il Presidente americanoha assicurato “un forte supporto alla NATO” anche in termini economici, ponendo comunque il problema della condivisione delle spese per la difesa comune chiedendo ai paesi alleati di pagare la loro quota all’alleanza nord atlantica così come gli Stati Uniti continueranno a fare fino a raggiungere il 2% del loro PIL, perché se da un lato la presenza e la leadership americana alla NATO non viene più messa in dubbio dal Presidente come dal Segretario di Stato Tillerson; dall’altro, sull’onda dello slogan elettorale “America first”, prima gli americani, il Presidente continua a chiedere il progressivo aumento della partecipazione degli altri partner alle spese per la difesa.

La critica di Trump

A questa apertura iniziale Trump aggiunge però una profonda critica, in linea alle sue precedenti dichiarazioni sulla politica di apertura all’immigrazione della cancelliera iniziata nel 2015 dopo il famoso discorso della Cancelliera “Wir schaffen das” ce la faremo, con l’apertura del fronte e l’accoglienza di circa un milione di rifugiati durante tutto il 2016; il Presidente ha affermato “l’immigrazione è un privilegio non un diritto e la sicurezza dei nostri cittadini deve sempre essere posta come primo problema”. A questa dichiarazione si accostano anche le molte parole spese dal Presidente per confermare l’impegno statunitense nella lotta al terrorismo e l’apprezzamento della parziale soluzione tedesco-francese al conflitto fra Ucraina e Russia con l’accordo di Minsk, e l’impegno tedesco in varie zone del mondo al fianco dei marines, soprattutto in Afghanistan e in Siria.

Il discorso della Merkel

A queste parole Angela Merkel ha aggiunto in primo luogo un ringraziamento formale al Presidente per l’accoglienza e per le parole spese a consolidare l’importanza dei rapporti transatlantici tramite il sostegno forte degli USA alla NATO, si è poi però distinta dalle posizioni di Trump ricordando al tycoon che la Germania tiene fra i suoi valori più importanti quello della diversità e della differenza, che in passato ha garantito un grande sviluppo economico sia all’economia tedesca sia a quella americana. Inoltre ha sottolineato la necessità di perseguire una maggiore integrazione europea, perché un Europa unita e forte a livello internazionale è e deve essere l’obiettivo della Germania ma di ogni paese membro dell’Unione in modo tale da affrontare anche temi importanti come quello dell’immigrazione uniti e garantendo l’integrazione dei rifugiati e di chi non ha possibilità di realizzarsi all’interno del proprio paese, ma allo stesso tempo proteggendo i confini esterni dalla potenziale minaccia terrorista. Dare la possibilità ai rifugiati di cogliere le opportunità di lavoro nei paesi in cui giungono come migranti, ma allo stesso tempo aiutare gli stati da cui provengono nel processo di sviluppo economico del loro paese; questa è la politica seguita dall’Europa e in primis dalla Germania alla quale si contrappone il travel ban tanto discusso imposto dal presidente Trump. Il futuro ci dirà in che direzione andrà il mondo occidentale.


Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Foto di copertina:  © Facebook Page

Related Posts

  • Fa freddo, a Berlino, dopo la vittoria di Donald J. Trump alle elezioni americane. È il 9 novembre, la data che ha cambiato la storia della Germania e del mondo intero. Ricorrono 27 anni dal crollo del muro di Berlino che ha inevitabilmente segnato la storia della politica internazionale, distruggendo…
  • Dopo l'introduzione del Travel ban negli Stati Uniti, la partecipazione del neopresidente americano Donald Trump al G20 di Amburgo è a rischio. In seguito alla firma dell'ordine esecutivo che impedisce l'ingresso negli Stati Uniti di tutti i rifugiati siriani sine die (anche se in possesso di visto) e dei cittadini di…
  • Angela Merkel saluta l'elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d'America con un autorevole discorso, in cui le esigenze della diplomazia non si scindono da un messaggio politico molto chiaro: la Germania offrirà «stretta collaborazione» al nuovo presidente americano solo a patto che rispetti la dignità umana indipendentemente dalla provenienza, dal colore della pelle, dalla…
  • Davanti all'ambasciata americana di Pariser Platz circa 650 si sono radunate per dimostrare la propria preoccupazione per l'insediamento del nuovo Presidente degli Stati Uniti Venerdì 20 gennaio, mentre a Washington il magnate americano prestava giuramento, la capitale tedesca ha è diventata teatro di una raccolta, ma comunque significativa azione di protesta.…
  • A pochi giorni dalle discusse elezioni presidenziali americane e dal trionfo di Donald Trump, Berlino è tra le prime capitali d'Europa a dare una risposta pubblica a quello che pare sia stato uno shock per molti. Sabato pomeriggio scorso, a Brandenburger Tor, parecchie centinaia di persone si sono radunate intorno a…

Sara Bagnoli

Studentessa di Scienze politiche alla Cesare Alfieri di Firenze. Sempre in cerca di novità, è in Erasmus a Berlino per amore della Germania. Classe 1995 scrive da 2 anni per capire, conoscere e descrivere il mondo.

Leave a Reply