“L’islam è parte della società tedesca”. Ecco come la Merkel e i tedeschi rispondono alla strage di Parigi #JeSuisCharle

di Ubaldo Villani-Lubelli*

 

L’11 ottobre 1931 si organizzò il cosiddetto fronte di Harzbug, un incontro informale che sdoganava definitivamente Adolf Hitler, che da personaggio minore  veniva accolto nella élite politica ultraconservatrice e nazionalista tedesca degli anni Trenta. Da allora la sua ascesa, in nome dellantigiudaismo, fu inarrestabile. Impossibile non pensare a quel periodo vedendo il fronte conservatore e nazionalista di Pegida che dallottobre scorso manifesta ogni lunedì in nome dellodio nei confronti di una religione, lIslam. Così come negli anni trenta il nemico è individuato in una minoranza religiosa, allora gli ebrei (erano appena 500.000 mila), oggi i musulmani (meno del 5 per cento della popolazione in Germania, e lo 0,1 per cento in Sassonia, centro principale delle manifestazioni di Pegida). Uno dei fondatori del movimento antislamico è Lutz Bachmann, un anonimo personaggio minore con precedenti penali, così come l’Hitler dei primi tempi. Anche nel vocabolario Pegida non è stata particolarmente originale avendo rispolverato il termine Lügenpresse (stampa mentitrice) che faceva parte del patrimonio linguistico nazista e che viene utilizzato oggi per diffamare i media che criticano il movimento.

Ma se la Germania degli anni Trenta si rivelò essere impreparata e indecisa davanti all’ascesa dei nazisti i cui parametri politici e sociali erano difficili da definire, questa volta la società tedesca ha dato una risposta unitaria, esemplare. Si è iniziato con le contromanifestazioni del lunedì, da Colonia a Berlino fino a Dresda e gran parte della classe politica, dirigente e religiosa tedesca si è apertamente schierata condannando il movimento contro l’islamizzazione dell’Occidente. In segno di protesta la diocesi di Colonia ha anche spento il Duomo durante le manifestazioni antiislamiche. Molto decisa è stata anche la risposta della Cancelliera: “Oggi alcuni esclamano nuovamente ‘Noi siamo il popolo’. Ma in realtà intendono: Voi dovete rimanere fuori dalla nostra società in virtù della vostra religione o del colore della vostra pelle.”

 

Il resto, a dire il vero, lhanno fatto i terroristi di Parigi. Con lattacco a Charlie Hebdo nel segno di Allah è grande, una delle risposte più belle è arrivata dalla Germania. Non tanto la scontata presenza e vicinanza (anche materiale) della Cancelliera MerkelHollande durante la marcia repubblicana di domenica scorsa a Parigi, quanto dalla cosiddetta Mahnwache di Berlino di ieri sera. Una manifestazione in nome del dialogo e della convivenza interreligiose organizzata dal Comitato centrale musulmano e della Comunità turca in Germania alla quale hanno partecipato circa cinquemila persone con bandiere, simboli e manifesti di tutte le religioni. Come ha ricordato il Presidente della repubblica tedesca Joachim Gauck, “il nostro progetto alternativo al terrorismoè rappresentato dalla democrazia, dallo stato di diritto, dalla libertà e dalla difesa della dignitàumana. I terroristi volevano dividerci ma hanno provocato leffetto contrario, ci hanno unito. Il loro odio, è in nostro incitamento. Un messaggio chiaro indirizzato anche a Pegida. Del resto un paragone tra Pegida e lo stato del terrore dellISIS laveva fatto per primo il Premier turco Davutoglu in unintervista alla FAZ in occasione della sua visita a Berlino: La Turchia èmolto preoccupata da Pegida in quanto vuole che la Germania diventi una societàesclusivamente cristiana. Si tratta di una minaccia non solo per i turchi e i musulmani, ma anche per la Germania stessa. Questa è la stessa mentalità del Daesh (il vero nome di quello che erroneamente noi occidentale chiamiamo ISIS).” Un segnale importante da parte del Premier turco. Anche la Cancelliera ha fatto la sua parte riprendendo unespressione dellex presidente della Repubblica Christian Wulff: Lislam è parte della società tedesca. Una verità lapalissiana o unaffermazione rivoluzionaria a secondo di come la si vuole intendere, almeno secondoJasper von Altenbockum sulla FAZ. Arriveremo ad avere i giorni di festa, case di cura e città musulmane? Sarebbe questa lislamizzazione che ci aspetta? Forse si, ma non significherà islamizzazione dellintero Occidente, come teme Pegida, quanto di parti della nostra società. In ogni caso non rappresenterebbe una minaccia quanto una semplice realtà di fatto.

Ubaldo Villani-Lubelli*: Giornalista e scrittore, è autore del blog Potsdamer Plazt: Germania, Europa dove l’articolo che vedete qui sopra era già stato pubblicato. Se volete seguire il suo blog, questa è la pagina facebook, se volete contattarlo direttamente questo il suo Facebook e questo il Twitter.

 

#JeSuisCharle

Foto di copertina: Berlin rally in support of the victims of the 2015 Charlie Hebdo shooting © Tim CC BY-SA 2.0

Related Posts

  • 10000
    Anche la Germania ha il suo Charlie Hebdo. Non è irriverente come  l'analogo francese, ma di certo non si fa troppi scrupoli ad ironizzare su chiunque. Si chiama Titanic Magazine. La sua ultima copertina? Quattro peni di diversa lunghezza ognuno associato ad un credo ed un titolo "La religione a confronto".…
  • 10000
    Probabilmente molti di noi non conoscevano nemmeno l'esistenza del periodico francese Charlie Hebdo prima di questo pomeriggio. Eppure la notizia ci ha lasciato comunque sconvolti. Uccidere, e uccidere in questo modo e per questi motivi, sembra quasi impossibile. Morire, morire in questo modo e per questi motivi, è semplicemente assurdo,…
  • 10000
    La strage di Parigi del 7 gennaio presso la sede della rivista Charlie Hebdo presso la sede della rivista sta continuando a turbare l'animo di chiunque creda nella libertà di stampa e nel rispetto delle diversità. Il video del poliziotto giustiziato,Ahmed Merabet, francese musulmano, sta facendo il giro del mondo. Noi di…
  • 10000
    Alle due del mattino di domenica 11 gennaio l'ufficio dell'Hamburger Morgenpost è stato vittima di un lancio di pietre e, una volta rotta una delle sue finestre, di quello di un oggetto infiammabile che ha dato vita ad un rogo per fortuna senza vittime. Il fuoco è stato domato facilmente,…
  • 51
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
    Tags: non, è, si, per, in, i, germania

Leave a Reply