Austria, hotel mostra foto con svastica e riceve pessime recensioni

In Austria un turista tedesco ha scritto su Internet commenti diffamatori che riguardano l’hotel in cui si trovava. La ragione? Una foto appesa nella hall di un soldato con la svastica sull’uniforme

Un turista tedesco ha pubblicato su siti di viaggio commenti diffamatori che riguardano un ritratto appeso nella hall dell’albergo in cui alloggiava a Gerlos, nelle Alpi tirolesi. L’uomo si trovava in vacanza con la moglie nella cittadina austriaca. Nella hall dell’albergo a quattro stelle era presente una foto di un soldato con la svastica sull’uniforme. Una settimana dopo il soggiorno, l’ospite tedesco ha scritto commenti negativi su Booking.com e Tripadvisor, criticando il fatto che nell’hotel fosse presente un’immagine del genere. L’oggetto della recensione era: «All’ingresso hanno esposto la foto di un nonno nazista». I proprietari dell’hotel hanno poi contattato i due siti per far eliminare il commento, ma solo Booking.com ha accettato di farlo. I proprietari hanno quindi deciso di rivolgersi al tribunale di Innsbruck per risolvere la questione, dato che l’uomo si era rifiutato di cancellare le recensioni.

La svastica era parte integrante dell’uniforme della Wehrmarcht

L’avvocato che difendeva i proprietari dell’albergo ha affermato che è usanza in alcune aree dell’Austria appendere ritratti di persone care defunte all’ingresso della propria abitazione, per commemorarle. La persona scomparsa in questione aveva una svastica sull’uniforme perché apparteneva alla Wehrmarcht, le forze armate della Germania dal 1935 al 1945 e ciò non implicava necessariamente che fosse nazista. Si è poi scoperto che il defunto aveva anche preso parte al partito nazionalsocialista, ma i proprietari dell’albergo hanno affermato di non essere a conoscenza di questo fatto.

Il tribunale di Innsbruck ha dato ragione ai proprietari dell’albergo

Nell’ingiunzione preliminare il tribunale ha deciso a favore dei proprietari: il giudice ha stabilito che i commenti lasciati dal turista tedesco implicavano anche il fatto che i gestori simpatizzassero con le idee naziste. In questo caso si andava a intaccare la reputazione del proprietario. Intanto la famiglia ha deciso di rimuovere il ritratto dalla hall.

Leggi anche: 1984-1992, il film sugli anni berlinesi di Audre Lorde, la grande poetessa lesbico/afroamericana

banner scuola berlino schule

RIMANI AGGIORNATO SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: hotel, ©cirko, CC0, on Flickr

Leave a Reply