Il Solengo, a Berlino il film italiano vincitore del Concorso Internazionale al Doc Lisboa

In un rifugio di cacciatori, un gruppo di anziani del luogo rievoca la vita di Mario «de’ Marcella», un uomo vissuto per più di sessant’anni nel ritiro di una grotta di tufo.
Non si sa bene cosa abbia portato questo personaggio dai modi bruschi ed eccentrici a condurre un’esistenza solitaria, forse un evento risalente all’infanzia, qualcosa di misterioso e tragico. Chi lo incontrava andando a caccia, lo chiamava semplicemente «il Solengo», come il maschio del cinghiale che vive isolato dal gruppo.

Dopo aver ricevuto diversi premi (tra cui il Concorso Internazionale al Doc Lisboa) e presentato in vari festival del mondo (Torino e Rotterdam su tutti) arriva a Berlino Il Solengo. Così lo recensisce la rivista di critica cinematografica Quinlan: ” Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis, con Il Solengo, ci portano alla fase della decostruzione del mockumentary o del “mock.0”, per arrivare a evocare una saggezza popolare. Sono gli stessi vecchi contadini che, con il loro linguaggio stentato ma genuino, parlano di relativismo della verità e della consapevolezza di non sapere. Pirandello e Socrate albergano istintivamente nel sapere antico. E il giocare a rimpiattino con il mock serve agli autori per raccontare un mondo di antichi saperi e mestieri con grande senso verista. Circoli di caccia decorati di papere impagliate, il pastore e formaggiaio. Un mondo che sopravvive secondo antichi ritmi. I registi ce lo restituiscono in tutta la sua crudezza, lontani anni luce dall’idealizzazione estetizzante che ora va di moda, quella dei casolari di mattoni a vista, quella elegiaca delle trasmissioni della domenica mattina, di Slow Food e agriturismi. Le case dei personaggi del film sono fatiscenti e brutte, sporche. E si arriva a sensazioni sgradevoli come quella dei due macellai che macinano la carne, assaggiandola, succhiando l’osso ancora non del tutto spolpato. È la crudezza ma anche la verità di quel mondo. Coerente con la storia di Mario de Marcella che viveva in una catapecchia”. La proiezione avverrà domenica dicembre 2016 alle 16.00 al cinema Babylon. L’evento fa parte del ciclo di incontri del CinemAperitivo. A seguire vi sarà un aperitivo a base di pizza e spritz ed un incontro con il co-regista De Zoppis  moderata  dalla curatrice Mara Martinoli.

Cosa è il CinemAperitivo. È una rassegna di film italiani che ogni domenica alle 16.00 occupa una delle sale del cinema Babylon. Ha vita da 12 anni. Dopo ogni proiezione (sempre con sottotitoli o tedeschi o inglesi) è offerto un aperitivo e una discussione con moderatore e, normalmente, un ospite. Curatori della rassegna sono Mara Martinoli e Andrea D’Addio, rispettivamente responsabile cinema e direttore di Berlino Magazine. Se volete rimanere aggiornati con tutti gli appuntamenti del CinemAperitivo cliccate qui

Il Solengo

di Matteo Zoppis e Alessio Rigo de Righi , 2016

proiezione, aperitivo e incontro con il regista Matteo Zoppis

versione originale con sottotitoli in inglese

domenica 4 dicembre 2016 ore 16:00

presso il cinema Babylon

Rosa-Luxemburg-Straße 30, Berlin

biglietto 9 € acquistabile alla cassa o qui

Evento Facebook

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • Si è conclusa anche questa 66esima edizione della Berlinale. Come ormai saprete a vincere l’orso d’oro è stato un docu-film italiano, “Fuocoammare” del regista Gianfranco Rosi, ambientato a Lampedusa. Un bellissimo spaccato della vita degli abitanti dell'isola e dei migranti che mettono a rischio le proprie per attraversare il canale di…
  • Insomma, venerdì 19 febbraio siamo entrati in sala alle 10 del mattino e siamo usciti alle 19.30. Il film era A Lullaby to the Sorrowful Mystery di Lav Diaz, regista filippino, sottotitoli inglesi e tedeschi. È in concorso, c'è la possibilità che vinca un premio. Si tratta di ben otto ore…
  • "Voglio dedicare questo premio a tutti i cittadini di Lampedusa, alla loro apertura mentale, alla gioia con cui vivono. Ho chiesto una volta al dottore Bartolo cosa faccia speciale Lampedusa e lui mi ha risposto che Lampeudsa è un'isola di pescatori e i pescatori accettano tutto ciò che viene dal mare"…
  • Michael Moore, il regista vincitore dell'oscar come miglior documentario nel 2003 per Bowling a Columbine e della Palma d'oro al Festival di Cannes con Fahrenheit 9/11, sbarca a Berlino (non in prima persona per problemi di salute) con il suo nuovo film: Where to invade next. Come sempre è lo stesso Moore protagonista del…
  • La regista Sonia Kennebeck (Sex: Made in Germany) porta a Berlino il suo documentario sui droni da guerra americani aprendo al pubblico uno scenario davvero inquietante su come l'utilizzo degli stessi stia avendo un impatto molto più devastante di quanto si pensi, non solo per i civili coinvolti negli attacchi ma anche per…

Leave a Reply