A Berlino una straordinaria mostra tra Surrealismo e Nuova Oggettività

La Sammlung Scharf-Gerstenberg ospita Surreale Sachlichkeit, una mostra che vede esposta una ricca selezione di dipinti degli anni ‘20 e ‘30 provenienti dalla Nationalgalerie. L’esposizione nasce dal desiderio di analizzare con più chiarezza e rinnovato sguardo due delle correnti più misteriose e controverse del mondo dell’arte: Surrealismo e Nuova Oggettività.

Surrealismo e Nuova Oggettività. Questi due movimenti artistici nascono dopo la prima Guerra Mondiale, rispettivamente in Francia e Germania – in opposizione alle Avanguardie storiche – con principi sostanzialmente opposti, ma intenti molto simili. Da una parte il Surrealismo, che metteva al centro l’inconscio umano e bandiva qualsiasi influsso deviante proveniente dalla ragione; dall’altra parte la Nuova Oggettività che trasferiva sulla tela la realtà priva di trucchi e manipolazioni. Nessun criterio estetico, nessuna morale, solo un gruppo di artisti disillusi, pieni di cinismo e di rassegnazione. La loro unica arma era l’arte, il solo mezzo per far aprire gli occhi sul tragico dopoguerra che stavano vivendo.

I protagonisti. Ecco quindi comparire sui pannelli bordeaux dell’allestimento degli spazi della Sammlung Scharf-Gerstenberg grandi nomi europei, che sembrano esser stati messi lì a dialogare tra loro sulla sorte dei popoli che vissero tra i due conflitti mondiali. Otto Dix, Max Ernst, Salvador Dalì, Giorgio De Chirico, René Magritte, Felice Casorati e Henri Rousseau: tutti riuniti per svelarci l’oscura psicologia che si celava negli avvenimenti di quegli anni.

Surreale Sachlichkeit

Dove: Sammlung Scharf-Gerstenberg, Schloßstraße 70 Berlin

Quando: fino al 23 aprile 2017

Orari: dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00; sabato e domenica 11:00-18:00; chiuso il lunedì

Biglietto: intero 14 euro; ridotto 7 euro

Sito ufficiale del museo

Tutte le foto © Valerio Marotti

banner3okok-1-1024x107 (1)

Related Posts

  • 10000
    Si faceva chiamare Jean e Hans a seconda che il suo interlocutore o la lingua utilizzata fosse francese o tedesco, lui difatti aveva entrambe le nazionalità (era nato a Strasburgo da madre alsaziana e padre tedesco), e già questo testimonia la sua stravaganza, un modo di vedere le cose che…
  • 10000
    Dopo una lunga attesa, la Neue Nationalgalerie di Berlino verrà finalmente ampliata. A guadagnarsi l'appalto per la progettazione della nuova struttura che ospiterà ulteriori opere d’arte contemporanee è stato lo studio di architettura svizzero Herzog & de Meuron. Il concorso era stato indetto a settembre 2015 per l'ideazione del layout della sede, dell'architettura e del…
  • 10000
    Proprio di fronte all'entrata del bellissimo Schloss Charlottenburg, all'apertura della elegante Schloβstrasse, sorgono due edifici speculari che ospitano due piccoli tesori di arte surrealista e avanguardie artistiche del primo Novecento, che chiunque voglia ripercorrere lo sviluppo artistico di Picasso, la nascita e crescita del Surrealismo o le ultime fasi di lavoro di…
  • 44
    Tanto da fare questo mese a Berlino: concerti, mostre, cinema, feste, spettacoli teatrali: la lista che segue verrà integrata giorno per giorno con tutto ciò di interessante di cui noi di Berlino Magazine verremo a sapere. Consultatela quindi anche più avanti: non sarà la stessa guida che trovate oggi. MOSTRE, FIERE…
    Tags: aprile, alle, in, per, si, i, berlino, dalle
  • 43
    Chi era il berlinese Otto Weidt? La storia celebra troppo poco gli eroi silenziosi. Otto Weidt visse nella Berlino degli anni trenta, gli anni delle agitazioni anarchiche, dei movimenti operai, ma anche dell'ascesa di Adolf Hitler. Aprì una piccola ditta di scope e spazzole in Rosenthaler Straße 39, in cui impiegò…
    Tags: berlino, museo, in, alle, i, gli, anni, si, domenica, sito

Eleonora Lanave

Romana, laureata in Scienze della moda e del costume all'Università La Sapienza. Romantica e vagabonda. Approdata a Berlino per cambiare rotta. "T'insegneranno a non splendere, e tu splendi invece". [Pier Paolo Pasolini]

Leave a Reply