Arriva al Kolbe Museum la rassegna di opere di Rodin «Hanako»

La mostra «Auguste Rodin e Madame Hanako» delle opere di Auguste Rodin, scultore e pittore francese, sta per essere esposta a Berlino corredata da documenti storici, epistolari e fotografici. È la prima volta che una simile rassegna sull’artista viene organizzata in Germania. I disegni e delle sculture di Rodin provenienti dal Museo Rodin di Parigi saranno ospitati al Kolbe Museum di Berlino dal 9 giugno al 18 settembre 2016. Il ciclo «Hanako», ovvero una serie di maschere, ritratti e busti fortemente espressivi, sarà il fulcro della mostra che riunirà circa cinquanta sculture e disegni. Gli orari d’apertura saranno dalle 10 alle 18 ogni giorno, escluso il lunedì.

La danzatrice Hanako. Hanako è una danzatrice giapponese e la sua è una storia di emancipazione. Tra il 1907 e il 1911 Rodin ritrasse molteplici volte questa modella e ne nacquero opere delicate che raccontano l’incontro tra i due. All’inizio del ventesimo secolo, Hanako giunse in Europa. Vi restò per un decennio, esibendosi in intense apparizioni sui palcoscenici di Parigi, Londra, Mosca e Berlino. Proveniente da una società rigida e lontana, la ragazza cercò con risolutezza la propria libertà, incantando intellettuali e artisti e viaggiando tra le capitali europee.

L’arte di Rodin. Rodin nacque a Parigi nel 1840. Considerato il fondatore della scultura moderna, le sue opere pongono l’attenzione sul corpo umano e sulle sue capacità espressive. Attualmente esposte a Londra, Parigi, Venezia, Roma, New York e Città del Messico, le sue opere ebbero un calo di popolarità dopo la sua morte, nel 1917, ma tornarono in auge dopo pochi decenni. Oggi l’artista è considerato il progenitore della scultura moderna e gode di fama mondiale.

QUANDO:
Dal 9 giugno al 18 settembre 2016

DOVE:
Kolbe Museum

INGRESSO:
6 euro (ridotto 4 euro)
gratuito per gli under 18

banner3okok (1)

Foto di copertina (C) Wikipedia CC BY SA 2.0

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

Leave a Reply