A Berlino c’è una casa di riposo per anziani LGBT e due filmmaker italiane ne han fatto un film

A Berlino, a Charlottenburg, uno dei quartieri borghesi del vecchio ovest, dal 2012 esiste una residenza dedicata ad anziani della comunità LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender). Si chiama Lebensort Vielfalt (Casa per vivere la diversità) consta di 24 appartamenti capaci di ospitare un totale di 40 persone  e la sua storia, nonché il suo presente, sono diventati l’oggetto di interesse di due filmmaker italiane, Silvia Maggi e Silvia Radicioni. Il lavoro di ricerca ed interviste si è al momento condensato in Welcome Home, un documentario di una trentina di minuti che ha già girato diverse rassegne e festival europei.

“Quando abbiamo iniziato le interviste e le riprese di Welcome Home, nel luglio 2013, la comunità stava festeggiando il primo compleanno con una giornata di teatro e performance ed una festa con musica a seguire. Aprire Lebensort Vielfalt significava celebrare tanti impegni e sacrifici, quasi 10 anni di iniziative per raccogliere fondi e sostegni di vario tipo. Alla fine ce l’hanno fatta. Ci sono gli appartamenti e poi,  al piano terra, un giardino che i residenti stanno ancora costruendo, più un teatro, un ristorante ed una biblioteca, ovvero spazi pubblici che cercano di connettere la Lebensort al mondo esterno. Ci affascinava esplorare ulteriormente il concetto focalizzandomi su persone in cui ci identifichiamo, gente che proviene dall’attivismo per i diritti degli LGBT . Per molti di loro andare in una casa di riposo significa rischiare di essere discriminati, dover tornare nascosti di nuovo. E non ci si può appoggiare a reti informali di cura. Sicuramente la Germania e Berlino sono diverse dall’Italia dal punto di vista della cura, ma non bisogna pensare che ci siano grandi differenze per quanto riguarda gli anziani. Anche in Germania la cura ricade principalmente sulle donne della famiglia, o  resta qualcosa che viene dall’esterno, medicalizzato, e molto costoso. E così l’esempio della Lebensort è un esempio non unico, ma importante di anziani che si prendono cura gli uni degli altri”.

Silvia Maggi vive a Berlino. Ha studiato comunicazione e giornalismo prima di iniziare a lavorare come documentarista. Il suo primo lavoro risale al 2003 ed era incentrato sull’indipentismo basco. Ha poi lavorato su altri progetti video riguardanti l’attivismo, la videoart, e la scultura multimediale. “Welcome Home ha un po’ dettato per me il ritorno al video documentario”. Silvia Radicioni invece ha lavorato per diversi anni per organizzazioni femministe italiane e straniere, da tre anni è ad Amsterdam come ricercatrice. Il suo focu sono le comunità di cura di anziani queer in Europa. le due Silvia si conoscono da molti anni, ma la molla per la loro collaborazione è scattata a Berlino: “Qui siamo riuscite a girare un film totalmente indipendente, grazie all’appoggio e alla partecipazione della gente, della comunità e di altri attivisti”

Welcome Home

Sito

Facebook

Prossima proiezione pubblica

Giovedì 19 Febbraio 2015, ore 19.00

presso lo Schwules Museum

qui maggiori dettagli

Related Posts

  • Ogni giorno ci vengono propinati puntualmente sondaggi su giornali, riviste e compagnia bella. Classifiche con primi e ultimi posti che confermano verità assolute o sconvolgono modi convenzionali di pensare: a giorni alterni l'uomo più romantico del mondo è italiano o svedese è la donna che non deve chiedere mai. Poi ovviamente…
  • La scorsa settimana Tim Cook, amministratore delegato della Apple, successore di Steve Jobs, ha fatto coming out; "Sono orgoglioso di essere, è un dono di Dio". Che fosse omosessuale non era in realtà un segreto, lo sapevano in molti (tutti alla Apple) solo che non lo aveva mai ufficializzato non ritenendolo,…
  • Schöneberg è un grande quartiere posto nella zona sud-ovest di Berlino. Vi rientrano anche altri quartieri come Friedenau e Steglitz, che nati nel 1945 per ragioni di lottizzazione fra gli alleati. Come gli altri grandi quartieri di Berlino, può essere considerato una vera e propria cittadina, come in effetti lo era alla sua…
  • (quel che segue è un racconto di eventi realmente successe, ma non è una recensione del locale Kit Kat che, sia chiaro, non è un bordello o un luogo in cui tutto è permesso. «Il Kit Kat è un’istituzione» si dice spesso, in fondo è vero, è ancora una delle poche…
  • State pianificando un viaggio a Berlino o vivete a Berlino e volete già procurarvi i biglietti per alcune delle sue manifestazioni? Certo, c'è molto altro a Berlino nel 2015, ma molti eventi (come i Berlin Music Days) devono ancora annunciare le date o essere confermati. Ecco quindi la lista dei…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply