Bayern Monaco, Ancelotti si presenta ai tifosi e già stupisce tutti col suo tedesco

«Sono felice e fiero di essere qui, in uno dei migliori club del mondo, e voglio ringraziare il Bayern per questo. Non vedo l’ora di cominciare la prossima stagione, ho una squadra fantastica e credo che Guardiola abbia fatto un lavoro eccellente negli scorsi anni. Vogliamo dare il massimo in tutte le competizioni e vincerle». Con queste parole, pronunciate in tedesco, Carlo Ancelotti si è presentato ai tifosi del Bayern durante la sua prima conferenza stampa. E lo ha fatto con lo stile, la professionalità e la voglia di migliorarsi che lo hanno sempre contraddistinto permettendogli di diventare uno dei migliori allenatori sulla platea mondiale.


Un tedesco già encomiabile. A 57 anni, dopo i trionfi con Milan e Real Madrid, Carletto si è voluto rimettere in gioco nella Bundesliga, tuffandosi subito in una schwere Sprache (lingua difficile) come quella tedesca. I risultati, dopo pochi mesi di studio, sono già encomiabili: Ancelotti si esprime correttamente e si fa comprendere, possiede una discreta gamma lessicale (usa ad esempio aggettivi come hervorragend, eccellente) e cerca di rispettare costrutti grammaticali complicati per un principiante come il verbo all’ultimo posto nelle proposizioni subordinate. Certo, la pronuncia lascia ancora un po’ a desiderare, l’eloquio non è proprio fluidissimo e si nota qualche errore qua e là, ad esempio nella concordanza tra aggettivi e sostantivi. Poca roba, se paragonata agli strafalcioni di un altro italiano molto amato dalle parti di Monaco, Giovanni Trapattoni, che in un’ormai celeberrima conferenza stravolse i canoni della lingua tedesca. Giornalisti e tifosi sono rimasti favorevolmente impressionati dall’approccio linguistico di Ancelotti, e molti prevedono che diventerà presto più bravo di Pep Guardiola a districarsi tra casi e coniugazioni.

Obiettivi ambiziosi. Ma ciò che interessa maggiormente ai tifosi bavaresi è capire se Carletto riuscirà a fare meglio dello spagnolo sul piano dei risultati. E a riportare a Monaco una Champions League che manca dai tempi del triplete di Jupp Heynckes, stagione 2012/2013. Ancelotti si mostra fiducioso, lodando a più riprese il lavoro di Guardiola e assicurando che non ci sarà bisogno di una rivoluzione. E non nasconde che l’obiettivo principale sarà la coppa dalle grandi orecchie. La rosa a disposizione è sicuramente all’altezza: una corazzata già collaudata e rinforzata finora da acquisti importanti come Hummels e Renato Sanches. Ma l’allenatore emiliano ragiona anche in prospettiva, confessando che non gli dispiacerebbe aprire un ciclo a Monaco, un po’ come Ferguson a Manchester. Forse dipendono anche da questo gli sforzi con la lingua. Lui intanto resta campione di umiltà, e chiede un po’ di pazienza perché si vedano ulteriori progressi: «Sono sicuro che il mio tedesco migliorerà nei prossimi mesi ma per il momento penso sia meglio mi facciate le vostre domande in inglese o in italiano, grazie». I giornalisti applaudono convinti. E la Baviera, dopo il Trap e Luca Toni, ha già trovato un nuovo idolo italiano.

banner3okok (1)

Foto di copertina © tz – YouTube screenshot

 

Related Posts

  • 63
    Al Soldier Field Stadium di Chicago va in scena stasera (ore 3.35 italiane) per la International Champions Cup Bayern München-Milan. Almeno sulla carta un'amichevole di lusso, quella tra i fortissimi bavaresi e i nobili decaduti rossoneri. E anche un crocevia con un passato nostalgico chiamato Carlo Ancelotti: sotto la sua guida la società di via…
    Tags: carlo, è, in, ancelotti, per, tedesco, non, bayern, i, come
  • 61
    Da allenatore di prestigio a cuoco. Carlo Ancelotti in un video in cui insegna come preparare la Carbonara. L' avventura tedesca di Carlo Ancelotti procede molto bene. Con 13 punti di vantaggio sulla seconda classifica Carletto può rilassarsi e deliziare i fan del Bayern Monaco. Lo fa registrando un video…
    Tags: carlo, ancelotti, in, monaco, è, bayern, i, per, dopo, tedesco
  • 47
    Quasi tutti coloro che si sono avvicinati allo studio della lingua tedesca sono stati sfiorati dal pensiero di aver fatto la scelta sbagliata. Non perché studiare il tedesco sia inutile o perché ci sia qualcosa di male nell’appassionarsi alle lingue germaniche, ma perché lo sforzo che questa lingua richiede per esser…
    Tags: in, tedesco, per, non, si, è, i, come, lingua, tedesca
  • 47
    Chi l'ha detto che i giornalisti di calcio italiani sono gli unici ad essere irritanti? Guardando l'intervista di Pep Guardiola nel post partita ai microfoni del secondo canale di Sky Germania verrebbe da dire che anche quelli tedeschi non scherzano. Juventus - Bayern Monaco è da poco terminata. L'andata degli ottavi…
    Tags: guardiola, è, non, i, tedesco, in, bayern, per, si, monaco
  • 43
    Quando si decide di imparare la lingua tedesca, di solito lo si fa con uno scopo ben preciso, come trasferirsi in Germania per lavoro o per proseguire gli studi, oppure perché è una competenza necessaria per ciò di cui ci occupiamo. Sono infatti poche le persone che imparano questa lingua…
    Tags: in, per, è, non, lingua, tedesco, si, più, se, i

Gianpaolo Pepe

Laureato in filosofia politica e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

Leave a Reply