Berlino, gratis tatuaggi della torre Eiffel simbolo di pace

Daniel Krause è uno dei più popolari tatuatori di Berlino. E nato nel 1969 nell’allora Germania dell’est. È stato bouncer, punk, barista e anche (ma questo lo è tuttora) scrittore. Quattro giorni dopo gli attentati di Parigi ha scelto una particolare forma di dimostrare solidarietà: offrire da mercoledì gratuitamente tatuaggi raffiguranti la Torre Eiffel come simbolo della pace. Come riporta la Bz: “Molti berlinesi non se lo sono fatti chiedere due volte” e così ecco decine di giovani e meno giovani in fila davanti allo studio di Kreuse di Dircksenstraße 88 a due passi da Alexanderplatz. L’iniziativa dovrebbe andare avanti fino alla fine della settimana. « Da tatuatori ci siamo sentiti in dovere di fare qualcosa, e questa ci è sembrata la migliore idea. Gli eventi di venerdì mi hanno lasciato senza parole. Parigi è l’11 settembre europeo. Non dimenticheremo mai questo momento. Con un tatuaggio mostriamo anche all’estero il nostro ricordo»

Schermata 2015-11-20 alle 07.34.31

Il simbolo. La Torre Eiffel mutuata in simbolo della pace è una creazione dell’illustratore e artista trentaduenne francese, ma di base a Londra, Jean Jullien. Lo ha pubblicato inizialmente con un tweet poco dopo la mezzanotte del 14 novembre, a poche ore dalla strage. Oggi quel simbolo ha fatto il giro di mezzo mondo. «È un simbolo per tutti» ha dichiarato alla rivista Slate. «Non sono contento di questo momento, nonostante la popolarità. L’unico aspetto positivo successivo alla tragedia è la dimostrazione di tanta gente, non solo in Francia, di sentirsi uniti e credere nei valori di fratellanza, unità e desiderio di pace».

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • A volte, prima di partire abbiamo dei propositi che non riusciamo a mantenere una volta arrivati a Berlino. E molti di questi sono comuni a tantissime persone. Berlino, la città delle idee, ma più di tutto delle idealizzazioni. Ognuno se la immagina a modo suo, lo sfondo di una proiezione…
  • Un segno. Una macchia. Un tatuaggio. Un graffio. Berlino è qualcosa che non riusciamo a toglierci di dosso. Un solletico strano sulla pianta dei piedi, in mezzo alle mani, ai fianchi delle dita, un rumore in sordina che stuzzica i sensi, che non sa andarsene. Questa città sa raccogliere le nostre…
  • Sono le 15:30 del 7 ottobre, metro di Berlino, primo vagone della U5, la linea che collega Alexanderplatz con l'est di Berlino. Ho passato le ore del pranzo acquistando spezie turche e dell'ottimo pane al sesamo il cui odore attira su di me gli avidi sguardi dei passeggeri che mi circondano.…
  • di Isotta Ricci Bitti* “No, no, non ci sto più insieme. Litighiamo come cane e gatto, quindi sono venuto qua perché tanto in Sardegna non c’è niente da fare. Quella si aspetta che mantenga lei e il bambino, ma io lo so che è a casa di sua mamma a…
  • I tatuaggi sono vecchi quanto l’umanità stessa, è un dato di fatto che la pratica della decorazione del corpo ci accompagni da sempre. Basta pensare che una delle mummie più famose e più antiche al mondo, quella di Oetzi, ritrovata nel 2008 sulle Alpi Venoste e risalente al 3300 A.C.…

Leave a Reply