Berlino, polizia insegue auto perché la mano di un bambino sporge dal portabagagli e scopre una storia inimmaginabile

macchina

A volte la realtà supera la fantasia.

Lo dimostra quanto successo a Berlino mercoledì primo novembre quando una pattuglia della polizia ferma con l’autovelox sulla Sickingenstrasse, zona Moabit, ha notato dai video registrati che dal portabagagli di un’Opel Zafira passata qualche secondo prima fuoriusciva la mano di un bambino. Si sono così messi al volante e, come riporta Welt, è riuscita a fermarla dopo qualche minuto.

 

La spiegazione del conducente

Al volante della vettura c’era un uomo di 47 a cui, logicamente, è stato richiesto di aprire immediatamente il portabagagli. Dentro, un po’ scomodo, ma non sconvolto, vi hanno trovato stipato il figlio quindicenne. “Abbiamo acquistato questo grande armadio” ha spiegato il padre indicando il mobile adagiato in lungo sui sedili posteriori dell’auto .”È troppo lungo e così, visto che non si riusciva a chiudere il portellone, ho chiesto a mio figlio di stendersi dietro e, con le gambe tenere il più possibile fermo l’armadio e con una delle mani, evitare che il portabagagli si apra. Non ci vedo nulla di male”. La spiegazione non ha evitato al conducente di ricevere una multa di 95 in totale, 60 € perché non aveva adeguatamente assicurato il figlio in macchina e altri 35 euro perché a non essere assicurato è stato anche il carico. Inoltre, gli è stato aggiunto un punto di penalità sulla patente. In Germania infatti  la modalità dei punti sulla patente è diversa rispetto all’Italia, partendo da zero i punti vengono aggiunti in caso di violazione del codice stradale e non decurtati.

portellone
Polizia

Le reazioni online

La storia è diventata presto virale in rete dove, soprattutto su Twitter, alcuni hanno commentato con frasi come “un normale viaggio Ikea-casa” o “tipico berlinese”. Un altro utente ha commentato sotto la foto della polizia che sanzioni e punti aggiunti non sono sufficienti per una cosa del genere. Cose simili erano già successe, ma quello che ha fatto questo padre è stato davvero irresponsabile”. Analogo pensiero per la portavoce della polizia Kostanze Dassel: “ll conducente doveva pensare prima a cosa sarebbe potuto accadere, ha messo in pericolo la vita del ragazzo”. La polizia tedesca si è espressa anche con ironia postando un tweet con la foto del video incriminata e la frase “Funziona anche così….disse il guidatore quando la nostra pattuglia di polizia ha trovato il figlio con le gambe intorno all’armadio e le mani sul portellone #macosìnonfunziona”

 

 

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply