A Berlino puoi vestirti come ti pare e nessuno te ne chiederà conto….

Ho la testa all’ingiù e sto per asciugarmi i capelli, penultimo step prima di uscire di casa.  È già mezz’ora che mi preparo. Sto per accendere il fon, ma qualcosa mi trattiene. Ritorno in posizione eretta, mi guardo attorno: una pochette, un paio di scarpe con i tacchi, un vestito elegante, degli orecchini particolari, il rossetto e il mascara pronti all’uso. Ho un attimo di debolezza. Sono una donna e queste cose, di sabato sera, non dovrebbero essermi poi così estranee, eppure… Lo sono.

Flashback. Due mesi fa. Berlino. Cucina, ultimo piano della casa della mia amica Bettina. Sul tavolo un paio di birre Sternbourg, in sottofondo Algorythm di Apparat. Dalle finestre guardo i tetti del quartiere, Friedrichshain, sullo schermo del computer Resident Advisor ci mostra la lista delle serate dei club di Berlino. Stasera usciremo e lo faremo appena decideremo dove andare. Noi, “ragazze dell’estate a Berlino”, non abbiamo bisogno di tempo per prepararci, anzi, senza volerlo quasi facciamo a gara a chi è vestita “peggio”, un peggio che solo chi a Berlino può capire. Ho le calze rotte, ma non vale la pena che le vada a sostituire a casa. Nessuno me lo farà notare. Ed il resto? Una gonna stretta e alta, una maglia larga, i capelli raccolti alla buona, un filo appena accennato di trucco, qualcosa di stravagante per mimetizzarsi meglio con l’atmosfera della notte, e… Sì, siamo pronte per la nostra serata a Berlino. Non ci sono tacchi, ma semplici sneaker o stivaletti estivi magari rotti, non ci sono pochette, ma borse di tela, non ci sono capelli piastrati e laccati, ma “cipolle” sulla testa e Hugo Vinetti nei bicchieri, scheggiati, di una WG che vive da anni.

Io, in questa stanza a Bilk, nell’occidentale Düsseldorf dove sono venuta per il programma Erasmus, per un attimo ho bisogno di sedermi, guardarmi allo specchio e mettere da parte la vertigine di una nostalgia profonda che ha il sapore di una mancanza altrettanto profonda. Quella di casa. Quella di ciò che i tedeschi chiamano Heimat…

©Andreas Lehner Cc BY SA 2.0

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • Berlino è una città splendida (qui le 10 ragioni che ne fanno la città del momento), ma tante cose non funzionano, o almeno non lo fanno come può sembrare dall'esterno. Ciò non toglie che si viva meglio qui che in buona parte del nostro Paese (a meno che non si…
  • Comprare casa a Berlino può essere un ottimo investimento soprattutto per chi ha deciso di fare “il grande passo” e vuole smettere di pagare eternamente un affitto. È un approccio tipicamente italiano quello che mette “la casa prima di tutto”, ma è indubbio che da un punto di vista sia…
  • Berlino è splendida, ma logicamente, come tutte le città al mondo non è perfetta. La lista che segue qui sotto è un elenco di dieci motivi che possono scoraggiare molti di noi italiani a vivere a Berlino. A mio avviso gli aspetti positivi di Berlino superano di gran lunga quelli…
  • di Renato Indrio Cosa rende Berlino il posto dei sogni di tanti, per non dire il paese della cuccagna? Durerà? Non durerà? Per ora,comunque, le possibilità ci sono, e vanno prese al volo. La prima volta che sono stato ad Amsterdam, per puro scrupolo morale, ho fatto un tour gratuito…
  • Sia che tu viva in Italia con le stesse ambizioni di quando eri studente, sia che tu ti sia trasferito altrove, rimescolando le carte e reinventando la tua vita,  crescendo forse la più grande consapevolezza che acquisisci è che non c'è tempo per fare tutto, non per sentire/vedere regolarmente tutte le…

Margherita Sgorbissa

Con sempre il solito imbarazzo delle autodescrizioni, mi presento: sono Mag e sono laureata in mediazione linguistica. Finita la vita in Italia, presto sarò a Berlino per iniziare un nuovo capitolo. Un grande legame che mi ha tenuta stretta alla realtà tedesca è stato sicuramente Berlino Cacio e Pepe Magazine, con cui collaboro dal 2011. Inutile citare la mia grandissima passione per la scrittura e il giornalismo!

6 Responses to “A Berlino puoi vestirti come ti pare e nessuno te ne chiederà conto….”

  1. MarySonica

    Concordo con ogni singola parola! Bel post!

    Rispondi
  2. ASD

    Sì ok con la scusa della libertà però ci si veste un po’ troppo di merda.

    Rispondi
    • raffaella

      Hai ragione ^_^ tuttavia questo ti da il vero senso di libertà e la certezza che avrai sempre nell’armadio qualcosa da metterti 🙂

      Rispondi
    • Luca Severitano

      voi siete il male, mi spiace ma é cosí

      Rispondi
  3. raffaella

    vero! Verissimo! Anche io che son “vecchietta” mi sento tanto a mio agio.

    Rispondi
  4. Ramingo

    è verissimo,visitai questa città nel 1989,poi da me “vissuta” nell’intimo. torno eccome se torno!

    Rispondi

Leave a Reply