«Brexit? Keep calm and move to Berlin». L’appello tedesco alle start-up inglesi

Nessuno conosce con certezza quali saranno gli effetti a lungo termine del terremoto Brexit. Quelli simbolici, però, hanno cominciato a farsi sentire già subito dopo il trionfo del Leave. Mentre Parigi provava a sedurre le banche inglesi, l’FDP, il partito liberaldemocratico tedesco, ha cominciato una campagna per convincere le start-up londinesi a spostarsi a Berlino. Così, per le strade di Londra, è stato avvistato un furgoncino con un cartellone pubblicitario dai toni accattivanti: «Dear start-ups, keep calm and move to Berlin» («care start-up, restate calme e trasferitevi a Berlino»).

Berlino, futura capitale europea delle start-up. Il messaggio pubblicitario è stato finanziato dalla FDP come parte della sua campagna in vista delle elezioni per il senato di Berlino, a settembre prossimo. Nel suo programma elettorale, Plan B (dove la B sta per Berlino), l’FDP punta molto sull’innovazione e l’impresa e mira a fare di Berlino un luogo ancora più attraente per le start-up di tutto il mondo. E il portavoce in Germania dei liberaldemocratici inglesi, Rob Harrison, sembra concordare. In un’intervista a The Local ha infatti dichiarato: «Con la sua posizione centrale in Europa, la sua economia stabile e le ottime infrastrutture già esistenti non è difficile comprendere perché molte imprese stiano valutando un trasferimento a Berlino».

A Londra sono in molti a farci un pensierino. «La campagna FDP si adatta perfettamente alla situazione inglese», spiega a The Local Wulf Oehme, portavoce del partito. E in effetti molte imprese, spaventate dagli effetti della Brexit e dalla concreta possibilità di perdere i finanziamenti europei, stanno meditando un trasferimento nella sempre più dinamica Berlino. «Circolano un sacco di voci su start-up che avrebbero già subito delle perdite dopo la vittoria del Leave, ma io credo che il vero problema a lungo termine saranno i finanziamenti dell’UE», spiega Harrison. Qualcuno, sul web, insinua che le attenzioni interessate di Parigi e Berlino al tessuto produttivo londinese siano un atteggiamento da avvoltoi che volteggiano sulla preda. Ma l’incertezza sul futuro, si sa, non fa bene agli affari, e lo spostamento nella capitale tedesca potrebbe essere una soluzione win-win per tuttistart-up britanniche ed economia berlinese. Londra è la grande sconfitta del trauma Brexit. Che Berlino ne diventi la vincitrice?

banner3okok (1)

Foto di copertina © Facebook – FDP

Gianpaolo Pepe

Dottorando di ricerca in scienze sociali e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

Leave a Reply