Cronaca di una giornata di scatti a Berlino: consigli e considerazioni di un fotografo italiano

di Lorenzo Barsotti

Helmut Neustädter, meglio conosciuto come Helmut Newton, affermava: il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare, tre concetti che riassumono l’arte della fotografia.

Il fotografo tedesco, divenuto famoso per i suoi studi sul nudo femminile, forse non si rendeva conto che questi concetti sono quelli che Berlino, sua città natale, riesce a trasmettere ai fotografi.

E’ appunto il mio caso che, da fotografo amatoriale, arrivo per la prima volta nella capitale della Germania. Come prima tappa decido di andare a Potsdamer Platz e la raggiungo a bordo dell’autobus numero 100 (leggi qui l’articolo). Salgo al piano superiore del bus che effettua la linea e mi siedo comodamente in prima fila, davanti al parabrezza. Godersi il panorama da questo posto privilegiato è uno spettacolo. Infatti, non dimenticherò mai l’arrivo sulla Potsdamer Straße, l’arteria che attraversa l’omonima piazza. La velocità ridotta dell’autobus consente di avere un lento avvicinamento nel complesso edilizio firmato da Renzo Piano e questo da la possibilità di gustare altrettanto lentamente la visione che si apre davanti agli occhi. La sensazione è simile a quella particolare soddisfazione che prova un esperto giocatore di carte che inizia ad aprire il proprio mazzo scoprendone la bontà.

Il trionfo di architetture, di materiali e di colori che compongono lo scenario si sposano tra loro come le note di un’affascinante melodia. Sceso dall’autobus mi dirigo verso il piazzale della Bahnhof e qui vengo subito colpito dalla presenza di alcuni blocchi del muro di Berlino. Noto un contrasto molto forte intorno a me, perché nella stessa piazza coesistono il simbolo di un recente e disastroso passato e gli edifici moderni, espressione del rinnovamento urbano che ha caratterizzato la città negli anni ’90.

Proprio questo scenario fa da quinta al mio primo scatto a Potsdamer Platz, dove il vero protagonista è un giovane artista di strada che suona la chitarra. Prima di inquadrarlo per realizzare la fotografia decido di dargli un’offerta per farmelo amico e il suo sorriso mi conferma ciò. Il ragazzo sta interpretando “Mad World”, singolo dei Tears for Fears, e la sua voce melodica suscita in me una particolare emozione. Infatti, a questa canzone ho legati molti bei ricordi e la casualità di averla sentita accende letteralmente la miccia dei miei sentimenti, consentendomi di portare a casa un particolare ricordo attraverso la mia foto.



001_Potsdamer_Platz_Lorenzo_Barsotti

Tale episodio mi regala un benessere interiore, determinante per lo scatto successivo. Ecco quindi che una scena caratterizzata da un cielo nuvoloso, tipico del Nord Europa e che non esalta certo l’architettura, può comunque prendere vita dopo aver realizzato la fotografia. Inquadro gli edifici che sono davanti a me, secondo un certo equilibrio e una certa fuga prospettica, sapendo già che questa immagine sarà destinata a subire una successiva interpretazione al computer. Infatti, stravolgo la realtà in post produzione affinché l’immagine comunichi quell’enfasi provata davanti ai grattacieli. Le nuvole lasciano spazio a una superficie nera che si accosta felicemente a una sfumatura di celeste che dipinge i palazzi. Le scritte, riferimento del luogo, sono esaltate da un bianco luminoso in modo che l’occhio, come nella realtà, si soffermi a leggerle.

002_Potsdamer_Platz_Lorenzo_Barsotti 003_Potsdamer_Platz_Lorenzo_Barsotti

Credo proprio che sia la luminosità dei colori la vera essenza di Potsdamer Platz, ecco perché decido di tornare a visitarla di notte. Infatti, non mi sbagliavo. Entro nel Sony Center e il tripudio di colori che dipinge le vele della copertura mi fa immediatamente alzare lo sguardo facendo passare il resto quasi in secondo piano. Provo soddisfazione perché quello che mi sono immaginato di giorno corrisponde alla realtà e aggiunge un valore alla mia fotografia. Così, dopo aver provato varie inquadrature, decido che la foto che voglio è quella che racconta il punto di vista dal quale sono entrato, felice di concludere la mia visita a Potsdamer Platz con un arcobaleno.

004_Potsdamer_Platz_Lorenzo_Barsotti

Foto di copertina: © Lorenzo barsotti

Foto di galleria: © Lorenzo Barsotti

Leggi anche La lingua è un ponte tra le culture e Berlino è piena di ponti 

Related Posts

  • La trattoria La Strada di Berlino sita su Alte Potsdamer Strasse 5 (accanto a Potsdamer Platz) cerca da subito "un cuoco/cuoca motivato, creativo e con esperienza" e un cameriere/cameriera. Richieste: pulizia, capacità di lavorare in gruppo, puntualità ed orari flessibili. Per contatti chiamate lo 030 91572833, parlerete con Herr Marantos.…
  • Mai vista una Berlino così romantica. Simone Ghera, fotografo per passione originario di Roma, abbellisce la capitale tedesca con bellissimi scatti di  ballerine. Quando Monet, Manet e Renoir dipingevano en plein air paesaggi o scene di vita sociale cercando di intrappolare su tela le sensazioni visive che il contesto comunicava loro,…
  • Berlino con la neve ha sempre un certo fascino. La celebriamo con 10 foto di Flickr da 10 angoli diversi della città. 1-Alexanderplatz © Sascha Kohlmann 2-Potsdamer Platz © Mathilde Doiezie 3-Brandeburger Tor © Gustav von Rosenheim 4-Schnee © GillyBerlin 5-Volkspark Friedrichshain © Hans Dinkelberg 5 Ladies in Kreuzberg © Montecruz Foto 6-Karl Marx Allee…
  • Potsdamer Platz e dintorni visti dall'alto di un drone. È il video di due minuti realizzato dalla Grand Motions, agenzia che si occupa di video su commissione attraverso droni. Negli anni del muro questa piazza, vista dal basso diventò uno degli emblemi della Berlino divisa, del resto qui passeggiava il vecchio di…
  • Un ragazzo e una videocamera a Berlino, in occasione dello storico concerto dei Pink Floyd a Postdamer Platz: ecco da dove nasce Berlin 1990 - The End of The Wall. Fa impressione vedere un gruppo di bambini che scalpellano quel che è rimasto del muro probabilmente per collezionarlo o per…

Leave a Reply