Da invenzione della Germania nazista a bibita di culto: la vera storia della Fanta

Fanta

La Fanta è l’aranciata frizzante industriale più famosa al mondo ma cela un segreto che pochi sanno.

Il passato di questa bevanda al gusto di arancia è legato a doppio filo con la Germania nazista. La nascita di questa bevande, anche sei in veste diversa si deve al 1940, in piena Seconda Guerra Mondiale. Poco tempo fa è uscito un spot pubblicitario in onore dei 75° anniversario della bevanda. Lo spot non è stato gradito perché con la frase «stiamo portando indietro la sensazione di bei vecchi tempi» sembrava alludere all’origine nazista della bevanda. Ciò ha causato molte polemiche ed il ritiro dello spot. Il portavoce della Fanta a TheLocal.de ha affermato che l’annuncio non si riferiva agli anni ’40 ma agli anni ’60, come si vede dalla bottiglia usata dalla pubblicità.

La penuria di Coca-Cola

La nascita di questa bevanda di deve alla guerra. I tedeschi degli anni ’30 erano già innamorati della Coca-Cola. Nella Germania nazista, come riporta Zeit, si vendevano 4.5 milioni di casse di Coca-Cola all’anno. La bevanda era così popolare che fu scelta come sponsor per le Olimpiadi del 1936. Per rispondere alla domanda, sempre crescente, l’azienda americana aprì cinquanta fabbriche di questa bevanda sul territorio tedesco. Con lo scoppio della guerra, però, fu sempre più difficile recuperare gli ingredienti per la preparazione.

La nascita della Fanta

Nel 1940 il capo della società americana in Germania, Max Keith, decise di non chiudere le fabbriche ma di creare una nuova bevanda. Data la penuria di materie prime scelse di adoperare gli scarti di altri processi industriali. La prima Fanta, infatti, non aveva il tipico gusto di arancia ma di mela mixata al altri avanzi di frutta ed insaporita utilizzando il siero di latte. Il nome Fanta deriva, come sottolinea Die Presse, dalla parola tedesca Fantastisch che significa fantastico. La bevanda fu subito amata dai tedeschi. Il tipico sapore all’arancia invece si deve all’Italia, nella fabbrica di Napoli per la prima volta si decise di usare per la preparazione le arance italiane.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto copertina: ©

Related Posts

  • La Fanta? Non in molti lo sanno, esclusi i tedeschi, ma è stata inventata dalla Coca Cola proprio in Germania. In questi giorni ne cade il 75esimo anniversario. Per l'occasione è stato trasmesso uno speciale spot celebrativo che, purtroppo si è rivelato un boomerang e che è già stato ritirato. Perché? Per capirlo…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • L'anno scorso aveva fatto centro con il video del nonno triste che fingeva la sua morte pur di avere la famiglia riunita per Natale, capace di conquistare il web con oltre 50 milioni di visualizzazioni. Quest'anno, però, la celebre catena tedesca di supermercati Edeka non è stata in grado di bissare il successo: il nuovo spot natalizio già…
  • La topografia del terrore Gestapo e SS: qui durante gli anni di Hitler avevano sede gli uffici centrali di tutte le autorità per la sicurezza del nazismo. E dire che, precedentemente, nello stesso edificio vi era un’accademia dell’arte. Bombardato dagli alleati durante la seconda guerra mondiale, lo spazio è rimasto…
  • di Marianna Usai Berlino è una finestra spalancata sulla testa di una donna. Basta sporgersi un po’ e la compostezza di Monbijouplatz, diventa un filo tra un balconcino e l’altro e panni tesi ad asciugare, saturi del colore che fa la stoffa quando ancora è bagnata. Così, ci entri in…

Leave a Reply