Danimarca contro i migranti. Li rimanda in Germania e compra pubblicità sui giornali libanesi: «Non venite da noi»

La Danimarca non vuole rifugiati. Li accoglierà, sarà costretta dall’Unione Europea e da quella ripartizione in quote che difficilmente potrà essere rigettata dai Paesi membri, ma finché non ci sarà l’obbligo farà di tutto per evitare di aprirsi ai migranti. Lo scorso Martedì ha inviato indietro per la prima volta un gruppo di possibili richiedenti asilo provenienti dalla Germania e pronti ad attraversare il confine a sud del Paese.«Sono persone che non cercano asilo, la loro richiesta, sempre che l’abbiano fatta, è stata inoltrata ancora. Di fatto sono qui illegamente» ha dichiarato la polizia danese riguardo al gruppo di deportati.Sono stati portati indietro in Germania e intimati a non tornare nei prossimi due anni. Nei giorni precedenti, da domenica, ne erano già arrivati 800, sia dalla Germania che dalla Svezia. Pochi di loro, secondo l’ufficio dell’immigrazione danese, l’Udlændingestyrelsen, hanno poi fatto vera richiesta d’asilo. Ieri, mercoledì, sono stati addirittura chiusi i passaggi, normalmente senza controlli, tra Danimarca e Germania sia automobilistici che ferroviari.

La Svezia, da parte sua, ha incoraggiato la Danimarca a prendersi le proprie responsabilità. «La Danimarca è un Paese ricco e si può prendere cura dei rifugiati. Secondo il regolamento esistente un rifugiato può chiedere il ricongiungimento familiare sia che si trovi in Svezia che in Danimarca. Sarà la Danimarca a scegliere come interpretare le regole».

Dall’inizio dell’anno la Danimarca ha stretto la morsa sui rifugiati. Ha creato uno speciale permesso da un anno (e non cinque come ad esempio in molti altri Paesi europei) per chi riceverà lo status di rifugiato, sta ritardando le procedure per i ricongiungimenti familiari e ha diminuito i benefit per i richiedenti asilo. Proprio quest’ultimo taglio è al centro delle pagine “pubblicitarie” comprate questa settimana su quattro quotidiani libanesi contenente tutte lo stesso foglio informativo che inizia così «L’ufficio danese d’immigrazione informa i cambi di condizioni riguardo le residenze in Danimarca implementati dal nuovo governo» e che potete vedere in forma completa qui sotto in ingleseSchermata 09-2457275 alle 22.32.43

Lo stesso messaggio sarà a breve pubblicato in Albania, paesi balcanici, Russia ed altre nazioni che continuano a subire l’emigrazione di molti loro cittadini. La Danimarca non li vuole. E non si farà problemi per farlo capire.

Schermata 09-2457275 alle 22.30.27 Photo: © Takver CC BY SA 2.0

Corsotedesco

Related Posts

  • Il tifo in Germania? Accade di tutto. Come in Italia ci sono i neonazi che sfruttano il pretesto delle partite per lanciare cori razzisti e i teppisti che lo trasformano in un momento per scatenare la propria violenza, ma non è tutto. A volte bandiere, cori e striscioni lanciano slogan…
  • "Vuoi allontanarti da Satana e dalle sue cattive azioni?...Vuoi rompere con l'Islam?". Sono queste alcune delle domande che il pastore Gottfried Martens della chiesa evangelica Dreieinigkeitskirche di Berlino (zona Steglitz) pone ai musulmani che decidono di battezzarsi presso di lui. Parliamo di rifugiati, persone scappate dai propri Paesi per evitare persecuzioni…
  • Mentre i giornali di mezza europa gridano all'assedio e l’altra metà chiede chiarezza sulle politiche di accoglienza per i profughi di guerra, sui social impazzano gli estremismi che credevamo e ci auguravamo fossero rimasti relegati agli anni più bui della storia continentale. Tra politici che sfruttano l’emergenza umanitaria come spot…
  • di Ubaldo Villani-Lubelli* Un recente film tedesco, Wir sind jung. Wir sind stark (Siamo giovani. Siamo forti) racconta delle violenze dei gruppi tedeschi di estrema destra nei confronti di profughi e immigrati a Rostock nel 1992. Due anni dopo la riunificazione, la ex Germania Est era attraversata da intense forme di intolleranza…
  • “L’Europa si trova a dover affrontare una sfida generazionale: mai prima così tante persone erano in fuga dalla persecuzione politica e dalla guerra come oggi. Molte di loro cercano protezione da noi in Europa. Viste le crisi che colpiscono i Paesi nelle nostre vicinanze, è probabile che questa situazione si…

Leave a Reply