Germania, cresce la destra anti-islam. In Assia è terza forza

Delusione per CDU e SPD e grande successo per AfD nelle elezioni comunali in Assia dello scorso 6 marzo. Come riportato da Frankfurter Rundschau, il partito di destra euroscettico e anti-islam Alternative für Deutschland sale a terza forza politica regionale, confermando una tendenza di consensi in crescita. Il risultato delle comunali in Assia è emblematico di un trend nazionale di radicalizzazione a destra dell’elettorato, sull’onda della crisi migratoria.

Le elezioni comunali in Assia. Un bilancio. Le proiezioni dello scorso lunedì 7 marzo annunciavano un ribaltamento senza precedenti dei rapporti di forza: AfD si prospettava già terzo partito regionale, con consensi superiori al 20% in più di un comune dell’Assia e un 13,2% a livello regionale. Nonostante lo spoglio finale attesti un successo meno sorprendente per AfD (11,9% a fronte dell’annunciato 13,2%), il partito euroscettico e populista si conferma terza forza politica regionale davanti a die Grünen (verdi) e dietro a CDU ed SPD, che rimangono rispettivamente primo e secondo partito nella regione, nonostante le consistenti perdite di elettori. Il 28,9% raggiunto dalla CDU è il suo peggior risultato in Assia dal 1960, il 28,5% della SPD il peggiore di sempre nella regione. Anche die Grünen incassano una sconfitta, perdendo 7 punti percentuali rispetto alle ultime elezioni comunali. Festeggiano invece, oltre ad AfD, anche FDP (Freie Demokratische Partei, partito liberale democratico) e i partiti di sinistra die Linke e Linke Liste, che guadagnano rispettivamente 2,5 e 1,2 punti percentuali rispetto alle elezioni del 2009. L’affluenza alle urne è stata in lieve aumento (+0,3%) rispetto alle ultime comunali.

Il successo di AfD. Pare che molti dei voti guadagnati da AfD siano stati strappati alla CDU: Alternative für Deutschland si propone infatti come valvola di sfogo per i cittadini spaventati dall’afflusso di migranti e stanchi della “politica di benvenuto” del governo Merkel e delle discussioni dei partiti tradizioni circa la questione rifugiati. La radicalizzazione a destra dell’elettorato è dunque segno dell’insicurezza dilagata in Germania per via della crisi migratoria che ha investito l’Europa a partire dall’estate del 2015. Con una campagna “anti-rifugiati e anti-islam”, AfD fa leva sulla paura, la preoccupazione e l’insicurezza dei cittadini tedeschi. La CDU ha dichiarato che non ci sarà cooperazione con «i partiti radicali».

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

 Foto di copertina © Metropolico.org CC BY-SA 2.0

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply