Germania, giovani pompieri appiccavano incendi per spegnerli e fare gli eroi

Corte di Ahrensburg, land del Schleswig-Holstein, nord della Germania: quattro giovani vigili del fuoco volontari sono stati condannati per avere appiccato quattro incendi nel 2014 per poi essere chiamati a spegnerli e sentirsi “eroi per un giorno”.

Come riporta il Kieler Nachrichten i danni sono stati per fortuna lievi, ma i rischi alti. Ad essere stati incendiati sono stati negozi e balle di fieno. All’epoca dei crimini tutti i condannati avevano tra i 17 e i 20 anni, ragione per cui a processarli è stato il giudice minorile. Le pene sono state quindi lievi, con  multe tra i 300 € e i 1000 € e obbligo di sedute con lo psicologo.

Secondo la corte all’interno del gruppo c’era un vero e proprio leader: “Senza di lui gli altri tre non avrebbero mai commesso i reati”. Per lui ci saranno anche 100 ore da scontare in lavori socialmente utili. “Non m sentivo parte del gruppo, non avevo amici” ha dichiarato durante il processo il giovane per cercare di giustificarsi. “I vigili del fuoco hanno il compito di proteggere e non di mettere a repentaglio la sicurezza della comunità” si legge nella sentenza. Sulla stessa falsariga il giudizio del capo dei vigili del fuoco di Ahrensfelde,  Peter Körner: “Ha danneggiato la reputazione dei pompieri e messo in pericolo la salute dei suoi colleghi”.

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • “Un anello per domarli, un anello per trovarli, un anello per ghermirli e nel buio incatenarli.” Una filastrocca che forse sarà venuta in mente a qualcuno dei vigili del fuoco della piccola cittadina tedesca di Osnabrück, nel sud della Sassonia, quando qualche giorno fa sono stati chiamati per un intervento di…
  • Risveglio da paura per i residenti di una casa per anziani di Sonnenallee 47, che questa notte sono stati fatti evacuare dai pompieri a causa di un forte incendio che è divampato in una delle abitazioni, propagandosi velocemente sul tetto e sugli edifici circostanti. Il Berliner Zeit parla di una…
  • (quel che segue è un racconto di eventi realmente successe, ma non è una recensione del locale Kit Kat che, sia chiaro, non è un bordello o un luogo in cui tutto è permesso. «Il Kit Kat è un’istituzione» si dice spesso, in fondo è vero, è ancora una delle poche…
  • Esattamente un anno fa lasciavo il mio lavoro in ostello. Nonostante sia sicura di aver preso una decisione professionale assolutamente corretta, ammetto che quella vita lavorativa mi manca parecchio. Mi mancano i backpackers provenienti da ogni parte del mondo, il clima di festa che ogni giorno respiravo  e i soggetti a…
  • Il 13 Agosto del 1961, con la costruzione del simbolo più disumano della guerra fredda, il muro di Berlino, la frontiera fu chiusa irrevocabilmente. Famiglie, amici e coppie di innamorati fino a quel momento uniti si trovarono improvvisamente a vivere da un parte e dall'altra di un confine di Stato vigilato…

Leave a Reply