I biglietti, i cinema, le feste, le star: guida in 10 punti alla Berlinale 2017

Dal 9 al 19 febbraio avrà vita la 67esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo.

1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI

Si possono comprare con un anticipo massimo di tre giorni per i film in prima proiezione e quattro per quelli in replica. Le prevendite partono lunedì 8 febbraio (per i film dell’11). Si possono compare:

-online sul sito della Berlinale. Cliccate qui, scegliete il film e la proiezione a cui volete andare.

-all’Arkaden di Potsdamer Platz

-al Kino International (Karl-Marx-Allee 33 – Mitte)

-all’ Haus der Berliner Festspiele, (Schaperstraße 24 – Wilmersdorf).

-all’Audi City Berlin (Kufuerstendamm 195 – Charlottenburg)

-direttamente nel cinema poco prima della proiezione sempre che siano rimasti dei biglietti.

Per i prezzi vi rimandiamo a questa tabella

Prezzi diversi a seconda del film e della sala di proiezione
Prezzi diversi a seconda del film e della sala di proiezione

2-LE PROIEZIONI SONO TUTTE IN LINGUA ORIGINALE CON SOTTOTITOLI IN INGLESE

Non tutti i film hanno anche i sottotitoli in tedesco, ma l’inglese è sempre garantito.

3-LE PROIEZIONI DI GALA

Le proiezioni serali al Berlinale Palast o all’Admiral-Palast sono sempre accompagnate da almeno un membro del cast e/o dal regista e i biglietti normalmente costano qualcosa in più.

4-I RED CARPET E IL CENTRO OPERATIVO DEL FESTIVAL SONO A MARLENE DIETRICH PLATZ

Ovvero il continuo di Potsdamer Platz. E’ qui che avviene quasi tutto: al Berlinale Palast le proiezioni di ogni film in concorso con tanto di red carpet e sfilata degli invitati, mentre accanto, al Grand Hyatt Hotel, avvengono le conferenze stampa e soggiornano molte delle star invitate. Se avete poco tempo e volete solo gustarvi l’arrivo di attori e attrici di richiamo, fatevi una passeggiata da queste parti. Anche molte delle proiezioni avvengono qui tra Berlinale Palast, CineMaxx e CineStar. Il resto delle location, sparpagliato per tutta la città, è ben riassumibile da questa bella cartina realizzata dalla Berliner Zeitung. Cliccate il tasto destro, sopra l’immagine, per aprire “in un’altra finestra” a risoluzione maggiore.3372174050685168dmDataneumitlogoBerlinale-.U-Bahn

Mappa della Berlinale

5-IL MERCATO DEL FILM

Si svolge al Martin Gropius Bau che per l’occasione sospenderà la sua solita programmazione di esposizioni di mostre d’arte. Normalmente l’ingresso è solo per chi ha un pass, ma provate a chiedere una cortesia o cercate un amico con il pass che garantisca per voi. Dentro ci troverete i vari stand delle cinematografie di tutto il mondo (anche l’Italia, pronta a vendere anche i suoi peggiori film), tute con il proprio stanzino per le proiezioni private, la scrivania per siglare i contratti e tante locandine. E’ un’esperienza che, chi non ha mai fatto, dovrebbe fare se ama il cinema e vuole vedere/sapere come funziona il dietro le quinte.

6-NON TUTTI I FILM SONO IN ANTEPRIMA MONDIALE

A differenza di Venezia e Cannes, Berlino è un festival che non ci tiene molto a presentare solo film in anteprima mondiale, e molti dei suoi film sono spesso già stati presentati durante il Sundance (il festival del cinema indipendente USA che prende il via proprio in questi giorni) o altri festival.. Poiché la selezione dei film della Berlinale è spesso piuttosto discutibile e non sarebbe una novità avere una lunga serie die film in concorso degni delle migliori dormite (non brutti, ma infinitamente noiosi), è bene cercare di cautelarsi

7-LA GIURIA 2017

Presidente di giuria è quest’anno dal regista olandese Paul Verhoeven.  Altri membri: l’attrice statunitense Maggie Gyllenhaal, l’attrice tedesca Julia Jentsch, il regista e attore messicano Diego Luna, il regista e attore cinese Wang Quaran’an, la produttrice tunisina Dora Bouchoucha Fourati e l’artista islandese Olafur Eliasson. A loro il compito di assegnare l’Orso d’oro al migliore film e ai migliori attori, nonché gli altri premi della competizione principale.

8-I FILM 2017

I 10 più attesi? Difficile metterli in ordine. Ve li diciamo alla rinfusa:

-The DInner

di Oren Moverman, con Richard Gere, Steve Coogan, Laura Linney, Rebecca Hall e Chloë Sevigny, racconta di due coppie di genitori che cercano di capire come fare uscire dai guai i figli resisi colpevoli di un crimine. Se la trama vi ricorda un po’ I nostri ragazzi di Ivano De Matteo (2014) che, non a caso, negli States è stato distribuito con il titolo The Dinner, è perché l’origine è la stessa: l’omonimo libro di Herman Koch

-The Lost city of Z

di James Gray, nel cast Charlie Hunnam, Sienna Miller, Robert Pattinson e Tom Holland), storia vera di Percival Fawcett, esploratore che scomparve cercando una città misteriosa dell’Amazzonia negli anni ’20

-The Party

di Sally Potter, tragi-commedia con Emily Mortimer, Cillian Murphy, Kristin Scott Thomas, Timothy Spall e Bruno Ganz.

-Django

È il film di apertura, biopic dedicato a Django Reinhardt, genio gitano della chitarra interpretato dall’attore francese Reda Kateb

– The Other Side of Hope

di Aki Kaurismäki. Il regista finlandese è sempre una garanzia di qualità. Qui racconta l’amicizia tra un commesso viaggiatore finlandese convertitosi alla ristorazione e un rifugiato siriano in cerca di asilo politico a Helsinki

-El Bar

di Alex de la Iglesia, sarà il solito tourbillon di colori, ritmi esasperati, scene di cattivo gusto, ironia grottesca e, in definitiva, grande spettacolo che o si ama o si odia, a cui ci ha abituato il cineasta spagnolo che, qui, come ormai quasi sempre, mette al centro della storia la sua bellissima moglie Carolina Bang

-T2 Trainspotting

di Danny Boyle: il seguito di Trainspotting, 20 anni dopo. Bello o brutto che sia, se ne parlerà. E sarà interessante gustarselo sul grande schermo.

-La Reina de Espana

di Fernando Trueba, vanta Penelope Cruz nel cast ed è il sequel di La niña dei tuoi sogni, film che quasi vent’anni fa, 1998, vinse ben 7 premi Goya (gli Oscar spagnoli)

-Call Me by Your Name

di Luca Guadagnino, unico film italiano nelle sezioni principali (è in Parnoama), è un melodramma  tratto dal libro Chiamami col tuo nome di André Aciman. È ambientato in Liguria negli anni ’80 sulla relazione amorosa tra un diciassettenne musicista e un ventiquattrenne americano

-Logan

di James Mangold, con Hugh Jackman, è un film completamente incentrato su Wolwerine degli X-Men (è il terzo spin-off sul personaggio). Mangold è normalmente garanzia di qualità (suo fu Walkt the line)

9-LE FESTE

Quasi ogni film ne organizza una. E non solo loro. Lo fanno le cinematografie di vari paesi (anche l’Italia ha la sua festa), film in produzione, sponsor, sezioni del festival e così via. Come essere invitati? La cosa più semplice e passeggiare per il Martin Gropius Bau e chiedere informazioni su chi fa una festa lo stesso giorno o il giorno precedente e chi la gestisce per chiedere poi il biglietto direttamente a loro. E’ infatti nel giro delle produzioni che girano gli inviti. Se avete un aggancio, non lasciatevelo sfuggire. Le feste sono normalmente open bar (sia che siano after-party che cene) ed è questa la ragione per cui di mattina durante la Berlinale succede poco o nulla.

10-PERCHÈ LA BERLINALE È SPECIALE

Perché, a differenza di Venezia o Cannes, qui la città partecipa davvero. Tutti i quartieri si sentono coinvolti sia grazie ad iniziative come Berlinale goes Kiez che per i suoi cittadini, pronti a fare file di ore per accaparrarsi un biglietto qualsiasi e sentirsi parte della manifestazione. Il festival di Berlino è stato fondato nel 1951 nella parte ovest per ridare vita culturale e fermento ad una città semi-distrutta e spartita in settori. Un tempo sede del festival era la zona del Ku’damm. Lo spostamento a Potsdamer Platz è avvenuto solo negli anni ’90, a muro caduto. Ad oggi è il festival europeo con più crescita per numero di partecipanti sia addetti ai lavori che pubblico. La ragione? Sembra davvero una grande festa popolare aperta a tutti, senza puzza sotto il naso, ma con un unico obiettivo: amare il cinema e chi lo fa.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

One Response to “I biglietti, i cinema, le feste, le star: guida in 10 punti alla Berlinale 2017”

  1. Hosting

    I biglietti prepagati delle proiezioni in programma la mattina potranno essere ritirati a partire da un’ora prima dell’orario di inizio dell’evento. I biglietti prepagati dei Cinema Farnese, The Space Moderno, Cinema Admiral e MAXXI potranno essere ritirati presso le rispettive biglietterie a partire da un’ora prima dell’orario d’inizio dell’evento acquistato.

    Rispondi

Leave a Reply