Dalla Russia a Berlino: una banda di motociclisti pro-Putin è in marcia per celebrare l’Armata Rossa.

I “Night Wolves” sono la più grande banda di motociclisti in Russia. Fondata nel 1989 qualche mese prima del crollo del muro di Berlino, conta oltre 5000 iscritti in tutta la nazione dove sono particolarmente conosciuti, ma anche temuti. Vicinissimi al presidente Vladimir Putin, i bikers hanno organizzato da tempo una lunga marcia di oltre 6000 chilometri per celebrare la vittoria dei soldati dell’Armata Rossa durante la Seconda Guerra Mondiale.

La marcia è partita da Mosca il 25 Aprile con destinazione Berlino, più precisamente verso il memoriale dei soldati URSS situato a Treptower Park. A guidare il convoglio composto da decine di moto è il leader del movimento Alexander Zaldostanov, detto “il Chirurgo”, e amico personale di Putin che ha più volte partecipato ai raduni dei Night Wolves a bordo di una Harley-Davidson a tre ruote.

Le autorità tedesche, ma anche quelle polacche e austriache, sono da settimane in allerta e stanno tuttora provando ad impedire ai biker russi, l’ingresso nel proprio suolo nazionale provando ad annullare in extremis i visti dei cittadini russi. Inoltre i paesi come la Polonia, cui confini coincidono con la fine dell’area Schengen, hanno pesantemente intensificato i controlli alle proprie dogane.

Apertamente nazionalisti e filo-russi, numerosi membri dei Night Wolves hanno marciato verso la Crimea appena conquistata dai militanti proRussia a marzo del 2014 e altri ancora hanno partecipato ai combattimenti contro l’esercito ucraino. Esistono inoltre, numerosi indizi che lasciano intendere che i biker siano l’organismo “non ufficiale” del governo russo per discriminare le persone omosessuali tramite violenze e intimidazioni.

La marcia dei Night Wolves intende riprende la stessa via usata dai soldati dell’Armata Rossa più di 70 anni fa e attraversare quindi la Bielorussia, la Polonia, la Repubblica Ceca, la Slovacchia e l’Austria per poi entrare in Germania fino a Berlino. Lunedi 27 Aprile la carovana di motociclette è arrivata al confine tra Bielorussia e Polonia. Ad aspettare i biker c’era un dispiegamento di forze che comprendeva elicotteri nel cielo e le forze speciali di polizia ad affiancare gli uomini della dogana. Dalla parte polacca del confine erano presenti anche numerosi biker pronti ad accogliere trionfalmente i Night Wolves. Circa una decina di rider russi sono stati respinti ai controlli a causa di mancanza di documenti come visti, passaporti o ragionevoli motivazioni per l’ingresso nell’area Schengen.

Gli stati interessati, in particolare Germania e Polonia, sono indubbiamente intimiditi dall’azione dei biker russi, spaventati dai possibili disordini che potrebbero nascere e dalla natura provocatoria che l’intera iniziativa sembra avere. La marcia dei Night Wolves ha una copertura televisiva molto presente e in patria il trattamento subito dai partecipanti del convoglio alla dogana polacca , è stato definito dal ministro degli esteri russo come “oltraggioso” e “ingiustificato” mentre Zaldostanov continua a ripetere che la marcia non ha alcuna connotazione politica. Partiti da Mosca con enormi bandiere russe attaccate alle proprie moto, i biker hanno scandito gli stessi slogan dell’Armata Rossa durante la guerra, “Per la madrepatria! Per Stalin!” e il loro arrivo al memoriale di Treptow (se riusciranno ad arrivarci) è previsto per sabato 9 Maggio.

Foto: © Tomas Wiegold CC BY-SA 2.0

Related Posts

  • Che ci fosse in progetto di ergere un muro tra l’Ucraina e la Russia (un muro fisico, una barriera di mattoni e quant’altro) lo sapevamo da giugno. Quello che però c’invoglia a guardare da vicino la questione è il possibile intervento della Germania, alla quale il governo ucraino ha chiesto…
  • Il Tiergarten è uno dei parchi più amati e visitati di Berlino. Una delle tante oasi verdi della capitale tedesca. Conoscete il suo passato? A Berlino ci sono ricerche e documentazioni storiche che possono interessare anche la U-Bahn. Ci si imbatte nella storia tornando a casa dopo una serata passata…
  • Si tratta del «più grande cimitero militare sovietico in Germania» e del «più imponente monumento antifascista dell’Europa occidentale», come precisa puntuale il portale del turismo berlinese, visitBerlin.de. Sprofondato nel verde e in un silenzio surreale, il Sowjetisches Ehrenmal, costruito subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, ospita le tombe di circa…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • Nazisti, guerra e droghe. La seconda Guerra Mondiale combattuta da soldati fatti di speed. Euforia, convinzione e la forza di andare avanti incuranti del pericolo per servire il Führer. Queste erano le caratteristiche di ogni buon soldato della Germania nazista. L'indottrinamento operato da Hitler e dai suoi seguaci sul popolo tedesco è…

Daniele Barbarossa

Daniele Barbarossa nasce nel 1987 e cresce nella provincia milanese, poi se ne pente e da Novembre 2013 fa ammenda a Berlino. Laureato in Scienze della comunicazione e amante delle merendine. Le due cose non sono collegate.

Leave a Reply