I turisti tedeschi che ripuliscono la splendida Scala dei Turchi (Agrigento) abbandonata dalle istituzioni

https://www.flickr.com/photos/58461621@N00/3698537254/in/photolist-aogR6f-efdo8w-fcEU8R-ezCDLK-4PLxq1-4PLxCw-efdm73-anESGt-aogQvU-pktdBb-pBG3Nx-dE4CaP-pBG4aK-6CPYgG-dE9Zyq-dE4CFn-2kqCuw-aoe5te-dE4EEB-dEa29u-5mK9kp-ahEXCP-5mPriY-d9QPNr-Rw1hvu-wc61gd-2kqtQb-aVnLeR-2kqBzN-d9QQGx-ahEWTk-2km9Mn-2m4owN-8gdBKk-2kqq75-2kqrfY-2EvN86-d9QQfc-2EAdDq-wrozNU-6QgoQ7-8wCKRc-2EvMAx-d9QPZt-6Qci5x-6Qgom9-wpNLtk-LjJcXq-wt2nHN-vwFMqUCC BY-SA 2.0

Lezione di coscienza ambientale in una delle spiagge più celebri della Sicilia.

Mentre gli italiani scelgono la Germania per il lavoro, molti tedeschi prediligono il Belpaese per le vacanze. In particolare la Sicilia con la sua storia, il suo clima mite, le sue tradizioni, la sua cucina, ma soprattutto il suo mare, è da sempre una meta molto ambita dai viaggiatori tedeschi. Ma se da un lato i turisti che visitano la Sicilia rimangono affascinati dalla bellezza dei suoi luoghi, dall’altro devono spesso constatare il degrado ambientale e lo stato di incuria in cui versa la costa siciliana. Di fronte al triste panorama della meravigliosa Scala dei Turchi (Agrigento) soffocata dai rifiutidue giovani turisti tedeschi hanno deciso di reagire attivamente per dimostrare il proprio amore verso la Sicilia e la sua natura.

Due turisti tedeschi ripuliscono una spiaggia siciliana

Di fronte all’ennesimo spettacolo di bottiglie di plastica, bidoni, sacchetti ed altri rifiuti, due giovani turisti tedeschi hanno deciso di agire di propria iniziativa e ripulire la celebre Scala dei Turchi. La spiaggia di Realmonte, in provincia di Agrigento, è una delle mete turistiche più apprezzate e tra l’altro candidata a diventare Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Scelta dal regista e attore Pif come set di alcune scene del suo ultimo film In guerra per amore, la bellissima scogliera di marna bianca dovrebbe essere motivo di vanto per l’Italia e il cinema un mezzo per veicolare l’attenzione internazionale verso le meraviglie del Belpaese. E invece la Scala dei Turchi viene ridotta a una sorta di discarica, nel disinteresse generale di cittadini e istituzioni. L’ammirevole gesto dei due giovani turisti tedeschi è stato ripreso in un video pubblicato poi dall’associazione ambientalista Mareamico sulla propria pagina Facebook. Nel video si vedono un ragazzo e una ragazza girare per la spiaggia e raccogliere i rifiuti. Alla fine, con le mani piene di sacchi della spazzatura, i due giovani commentano: «La plastica fa male al mare, agli animali e a tutti. Così l’abbiamo raccolta. In più è brutta da vedere».

Le reazioni del web

Sul web il gesto dei due turisti tedeschi è stato molto apprezzato: c’è chi ha commentato suggerendo all’Italia di vergognarsi e chi invece ha definito l’azione dei due turisti stranieri una “lezione di civiltà”. C’è poi chi ha proposto un intervento delle amministrazioni comunali volto all’organizzazione di operazioni di pulizia dei litorali, giudicati in stato pietoso, che coinvolgano in primis i cittadini. C’è infine chi ammira l’atteggiamento pratico dei due giovani tedeschi che si sono dati da fare per pulire la spiaggia, invece di perdere tempo in chiacchiere e critiche.

Ecco la Scala dei Turchi in tutto il suo splendore:

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: agrigento_scala dei turchi © Sicilia! CC BY 2.0

Related Posts

  • 10000
    L’estate è quel periodo dell’anno in cui, complici il caldo, le ferie e il bisogno di "staccare", tutto è concesso: serate che terminano il giorno dopo (magari a pomeriggio inoltrato), giornate trascorse al sole a non pensare a nulla, follie varie ed eventuali. Il relax estivo è una realtà che…
  • 10000
    Dal 2003 Berlino è la mia passione, il mio sogno e anche un po’ il mio rifugio sicuro. Chiarire questo forte interesse, questo sentirsi a casa in luogo che, infondo, casa mia non è, è difficile e chi non l’ha mai vissuto, tende a definirlo fissazione. Nell’autunno del 2013 io…
  • 10000
    La Deutsche Bahn sta testando un nuovo metodo per tenere pulite le stazioni metro e ferroviarie a Berlino. La capitale tedesca non è certamente famosa per essere una città pulita. Nonostante la Deutsche Bahn abbia dichiarato di investire annualmente molti milioni nella pulizia di 5400 stazioni, a Berlino capita spesso…
  • 10000
    I tedeschi, anche quando sono in vacanza, difficilmente si rilassano e dismettono i panni dei pianificatori ossessivi. Una delle loro preoccupazioni principali, che si trovino in spiaggia, in crociera o in un club vacanze, è quella di accaparrarsi le sdraio migliori. A bordo piscina, esposte al sole, più vicine al…
  • 10000
    I trasporti tedeschi diventano sempre più green. Nella regione della Ruhr (Renania Settentrionale-Vestfalia) è stato inaugurato il primo tratto della Radautobahn, una autostrada completamente dedicata alle biciclette lunga 100 km. I lavori dovrebbero essere completati entro il 2020 e collegare dieci città della Germania occidentale, tra cui Duisburg e Bochum.…

Linda Nocera

Cresciuta a Palermo in una famiglia anglo-italiana, ha girovagato per l’Europa per motivi di studio, lavoro ed affetto, prima di stabilirsi a Berlino. Ha lasciato da poco una carriera da analista di mercati chimici per concentrasi sul ruolo di mamma e sulla sua passione per la scrittura.

One Response to “I turisti tedeschi che ripuliscono la splendida Scala dei Turchi (Agrigento) abbandonata dalle istituzioni”

  1. Giuseppe Alfano

    Da siciliano so che non pochi siciliani leggeranno questa notizia con un certo fastidio. Come dire: “Ma questi tedeschi! Ma cosa ci vogliono venire ad insegnare?”
    La realtà è che il vero problema della natura siciliana sono proprio i siciliani. Certo, non tutti! La maggioranza (spero) ha acquisito una qualche coscienza ambientale ma c’è ancora troppa gente che trasforma immancabilmente in immondezzaio qualsiasi luogo che frequenta, anche il più bello e straordinario.
    Purtroppo l’abbandono dei rifiuti spesso in molte zone di pregio naturalistico rasenta già da tempo il disastro ambientale. Come siciliano, me ne vergogno e lo sconforto prevale. Le istituzioni competenti spesso sono latitanti ma quando vogliono intervenite si trovano in una lotta impari senza alcuna speranza.
    Alle devastazioni dell’abusivismo edilizio, luoghi di bellezza incomparabile ne sono ormai scampati pochi, ma la loro vera tutela sembra sempre essere l’ultimo dei problemi.

    Rispondi

Leave a Reply