I vitelloni, a Berlino proiezione speciale del capolavoro di Fellini con sottotitoli tedeschi

“L’inverno è terribile, non passa mai. E una mattina ti svegli. Eri un ragazzo fino a ieri. E non lo sei più.” diceva il Leopoldo interpretato da Leopoldo Trieste riassumendo così il senso delle esistenze dei personaggi di I vitelloni, uomini mai completamente cresciuti, perditempo incapaci di prendere una direzione nella propria vita, simboli a loro volta di tanti italiani dell’epoca come di allora. Il film che Federico Fellini firmò nel 1953, con protagonista, tra gli altri, Alberto Sordi e Franco Interlenghi, è ora al centro di una proiezione speciale a Berlino. Avverrà domenica 5 febbraio al cinema Babylon, a due passi da Alexanderplatz, in lingua originale con sottotitoli in tedesco.

La trama. Siamo alla fine dell’estate, in una cittadina della costa romagnola. In una festa all’aperto, Riccardo si esibisce finalmente come cantante, ma un acquazzone interrompe il tutto causando un fuggi fuggi generale. Nella confusione salta fuori che Sandra, sorella di Moraldo, aspetta un figlio: dovrà sposarsi con Fausto. Arriva l’inverno e riprende la vita monotona di provincia; gli amici di Fausto trascorrono le loro giornate tra caffè e scherzi puerili, anche se la loro età non è più verde. Sono i “vitelloni”, viziati e mantenuti dalle famiglie: Alberto, con il suo faccione da bambino, eterno buffone che si fa dare i soldi dalla sorella; Leopoldo, tutto preso da sogni di successi letterari; Riccardo, pigro e indolente, e Moraldo, il più giovane e desideroso di lasciare tutti e andare a Roma. Di ritorno dal viaggio di nozze, Fausto accetta di lavorare: farà il commesso in un negozio di arredi sacri. Ma si mette a corteggiare la moglie del proprietario e Sandra, appena lo scopre, fugge di casa con la bambina da poco nata. Fausto e Moraldo, assieme agli altri amici, si mettono alla sua ricerca; ma lei non è lontana, è in casa del suocero, che punirà a cinghiate il figlio scapestrato. I “vitelloni” ricominciano la solita vita, fra delusioni famigliari (Alberto scopre che la sorella vuole fuggire con un uomo sposato) e professionali (Leopoldo incontra un capocomico che si rivela interessato a ben altro che alle sue produzioni letterarie); solo Moraldo riesce finalmente ad andarsene. Sul treno immagina i suoi amici per i quali nulla cambia (testo da federicofellini.it)

Cos’è il CinemAperitivo. È una rassegna di film italiani che ogni domenica alle 16.00 occupa una delle sale del cinema Babylon. Ha vita da 12 anni. Dopo ogni proiezione (sempre con sottotitoli o tedeschi o inglesi) è offerto un aperitivo e una discussione con moderatore e, normalmente, un ospite. Curatori della rassegna sono Mara Martinoli e Andrea D’Addio, rispettivamente responsabile cinema e direttore di Berlino Magazine. Se volete rimanere aggiornati con tutti gli appuntamenti del CinemAperitivo cliccate qui.

I vitelloni

di Federico Fellini (1953)

in lingua italiana con sottotitoli in tedesco

domenica 5 febbraio alle ore 16

Presso il cinema Babylon, in Rosa-Luxemburg-Str. 30, 10178 Berlino

Ingresso 9 euro: film+aperitivo+dibattito post film

Evento Facebook

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Il rigido inverno tedesco - si sa - non è un mito, e senza dubbio febbraio si qualifica come il mese meno clemente dell’anno. A Berlino, in questi giorni, le temperature stanno scendendo gradualmente molti gradi sotto zero, costringendo noi poveri italiani - già nostalgici per natura - a rimpiangere…
  • La cucina tedesca non ha mai una reputazione come quella italiana o francese. Ma in Germania ci sono tanti ristoranti di eccellenza tutti da gustare. Che non si trovano a Berlino, Monaco o Francoforte, come spiega la guida Michelin, ma in posti in cui sarà garantito un “viaggio speciale" La guida…
  • Terzo appuntamento della rassegna berlinese dedicata ai capolavori più conosciuti all'estero di Federico Fellini  Secondo un importante e recente sondaggio svolto con ben 846 tra critici, registi, sceneggiatori e addetti al settore internazionali, 8 ½ è tra i dieci migliori film di sempre. Lasciarsi sfuggire la possibilità di goderselo in lingua orinale…
  • E Pietroburgo rimase senza Akakij Akakievič, come se non ci fosse mai neanche esistito. Si dileguò, scomparve un essere che non era protetto da nessuno, a nessuno caro, e che non interessava nessuno; che non aveva richiamato su di sé l'attenzione neppure del naturalista, il quale non manca di infilzare…
  • "Qualsiasi società sarebbe stata contenta di avere Pasolini tra le sue file. Abbiamo perso prima di tutto un poeta. E poeti non ce ne sono tanti nel mondo, ne nascono tre o quattro soltanto in un secolo" Alberto Moravia, orazione durante i funerali di Pasolini Oltre ad essere un poeta,…

Leave a Reply