Il metodo norvegese per impedire i commenti a chi legge solo i titoli dei post

In Norvegia l’emittente radiofonica e sito web Nrkbeta ha indetto una battaglia contro gli hater del web: chiunque desideri commentare un articolo online dovrà prima dimostrare di averlo letto superando un test.

Oggigiorno il web è pieno di siti e pagine social che puntano a fare informazione. Generalmente tutti questi portali e testate offrono ai propri lettori la possibilità di commentare i contenuti pubblicati al di sotto degli articoli stessi. Non tutti coloro che commentano leggono però interamente gli articoli: molti commentatori si limitano a titolo e immagine per sputare sentenze sulla bontà del lavoro del giornalista in questione. Il fenomeno degli hater, letteralmente gli “odiatori” del web che utilizzano internet per seminare odio e sfogare così le proprie frustrazioni, è ormai noto a chiunque si esponga in internet per lavoro. Come riportato da Repubblica, l’emittente radiofonica e sito web norvegese Nrkbeta, specializzata in notizie di tecnologia, ha ideato una strategia al fine di arginare questo fenomeno: i lettori che desiderano commentare un articolo sul web dovranno prima rispondere ad alcune domande per assicurare di avere letto il contenuto che intendono commentare.

Il metodo norvegese anti-hater

Il test che verrà sottoposto ai lettori si compone di tre semplici domande, ideate preventivamente dall’autore dell’articolo. Il test servirà a capire se il potenziale commentatore ha letto tutto l’articolo o se si è semplicemente limitato al titolo ed all’occhiello. Le tre domande si riferiranno infatti al contenuto del post. Non si tratterà di domande complesse, ma comunque piuttosto precise. «Saranno necessari circa 15 secondi per rispondere ad alcune domande relative al contenuto dell’articolo che si vuole commentare» ha spiegato Marius Arneson, direttore del sito norvegese in questione, «in questo modo ci tuteliamo dai commenti inopportuni di chi ci critica o insulta senza aver letto». Superato il test si potrà accedere all’area commenti. Nel caso di risposte sbagliate invece il sito inviterà a rileggere meglio il contenuto del post. Inizialmente il test sarà obbligatorio soltanto per un numero limitato di post.

Ecco la schermata che compare al lettore che desidera commentare un articolo sul sito di Nrkbeta:

Schermata 2017-03-08 alle 17.52.20

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Foto di copertina: Typing on MacBook Pro © Jacob Bøtter CC BY 2.0

Related Posts

  • Facebook ha lanciato i nuovi pulsanti per "non commentare" status, link, video o foto, o meglio, farlo solo attraverso un emoticon. Si chiamano Reactions. Non c'è più quindi solo il like, ovvero il pollice alto, ma anche un cuore, una faccia felice, una sorpresa, una triste e una arrabbiata. Ancora non…
  • Venerdì scorso Der Spiegel ha dato una notizia rapidamente rimbalzata dai media internazionali: la Procura di Monaco ha iscritto nel registro degli indagati Mark Zuckerberg fondatore e CEO di Facebook, e con lui la direttrice operativa della rete sociale americana, Sheryl Sandberg e il responsabile dei rapporti con i governi europei Richard Allan. L’indagine prende…
  • Il prossimo 6 febbraio Facebook dovrà comparire di fronte a un tribunale tedesco. L'accusa, mossa dall'avvocato di Würzburg Chan-jo Jun, è di non aver impedito la diffusione di due fake news diventate virali, entrambe rivolte contro lo stesso rifugiato siriano, Anas Modamani. Come riportano l'emittente n-tv e Deutsche Welle, è il primo processo di questo genere…
  • Dopo le elezioni americane e diverse importanti tornate elettorali d’Europa, in tanti hanno puntato il dito contro il ruolo da protagonista svolto da Facebook Il gigante creato da Mark Zuckerberg sarebbe capace secondo molti di influenzare e condizionare l’opinione pubblica. Quasi come una macchina clona-pareri, l’algoritmo del social network blu funziona in modo da rendere…
  • Solo pochi mesi fa WhatsApp, l’applicazione di messaggistica istantanea più famosa ed utilizzata, ci avvisava con un messaggio dell’introduzione di un nuovo sistema di sicurezza de dati personali, la crittografia end to end, grazie alla quale solo il mittente e il destinatario sono in grado di leggere il contenuto dei messaggi.…

Leave a Reply