Italia Segreta: in viaggio da Berlino verso un paese nascosto

L’Italia che non ti aspetti, quella che resta fuori dai circuiti turistici, dalle guide costose, dalle foto in cartolina viste e riviste milioni di volte. È l’Italia più affascinante e misteriosa insomma, quella che andranno a scovare Valentino Griscioli e Chiara Sestili, i due protagonisti del progetto Italia Segreta, un viaggio in camper in lungo e in largo per il nostro paese alla scoperta degli odori, dei suoni, dei gusti, dei colori, soprattutto delle radici culturali di tutta una nazione, attingendo allo straordinario patrimonio sparso fra strade sperdute, villaggi medievali, osterie di provincia, piccole aziende d’eccellenza. “Viviamo a Berlino ormai da quattro anni e certamente non possiamo negare si tratti di un’esperienza bellissima. Allo stesso tempo però vivere qui ci ha portato a sviluppare una visione del nostro paese di origine più obiettiva, forse anche un po’ più nostalgica – ci raccontano Valentino e Chiara – Ora vediamo l’Italia come un luogo abbandonato e non valorizzato, soprattutto in confronto ai paesi con cui siamo venuti piú a contatto, la Francia e la Germania in primis. Il nostro scopo principale è la rivalutazione del territorio. Conoscendo l’immaginario che il resto del mondo ha nei confronti dell’Italia, non riteniamo necessario dire altro sul Colosseo o la Torre di Pisa, ma abbiamo compreso la potenzialità del resto del territorio italiano, bellissimo, dimenticato, sconosciuto al mondo.”

Valentino Griscioli, è un fotografo professionista, direttore della fotografia con oltre dieci anni di esperienza ed una formazione scientifica alle spalle; Chiara Sestili invece lavora come chef, ma ha una laurea in geologia ed una grande passione per la cartografia. Insieme hanno deciso di imbarcarsi in quest’idea romantica e un po´pazza di mostrare agli italiani e al mondo quello che hanno sotto il naso, ma di cui non riescono ad accorgersi.
Il progetto Italia Segreta si svilupperà integralmente grazie al sistema del crowfunding, un meccanismo che porterà alla stesura di un libro, Atlante Visuale d’Italia (in formato digitale e cartaceo) che racconti innanzitutto i luoghi e le persone di questo fantastico viaggio fotografico, una vera e propria esplorazione che si compierà mantenendo un approccio solidale e a contenuto impatto ambientale: l’intenzione di Chiara e Valentino è infatti quella di percorrere soltanto strade provinciali, evitando le autostrade e costruendo pian piano un percorso che si sviluppi secondo l’incedere naturale del tempo e delle situazioni. „Man mano che la storia andrà avanti compileremo un database di tutta la “scia” di contatti, di persone, di aziende, che incontreremo lungo il cammino e che sarà uno dei motori del blog www.italiasegreta.com – spiegano ancora – Insieme con i nostri media-partner promuoveremo il turismo responsabile e culturale nell’Italia più svantaggiata e quasi sempre dimenticata.“

L’impresa sarà costantemente documentata attraverso un blog aggiornato e georeferenziato (www.italiasegreta.com) sul quale verrano pubblicate le impressioni di viaggio e le anteprime delle foto, oltre alle testimonianze degli incontri che i due esploratori avranno la fortuna di fare lungo la strada. „Vogliamo partire dalle persone, dal loro rapporto con i luoghi e da quello che quei luoghi significano. La relazione tra uomo e paesaggio è il fulcro del nostro progetto. La fotografia sarà il punto di ingresso per fare breccia nell’interesse dell’utente e portarlo verso la conoscenza del territorio e delle tradizioni locali italiane.“ Noi li seguiremo passo dopo passo, assaporando ogni momento scolpito nelle immagini di Valentino e Chiara, attimi di un territorio infinito che Italia Segreta proverà a svelare.

Per conoscere il progetto nei dettagli e sostenere il viaggio di Italia Segreta attraverso il crowfunding

www.italiasegreta.com
www.indiegogo.com/projects/italia-segreta

La foto di copertina è presa dal sito www.italiasegreta.com.

One Response to “Italia Segreta: in viaggio da Berlino verso un paese nascosto”

Leave a Reply