La polizia di Berlino cerca i responsabili di un pestaggio a Kreuzberg

Berliner Polizei

Quattro ragazzi hanno inseguito e pestato due minorenni svizzeri a Kreuzberg. La polizia rende note le fotografie dei presunti colpevoli.

La polizia dichiara di star cercando quattro ragazzi dai 15 ai 18 anni, d’aspetto mediterraneo, che parlano tedesco, per un’aggressione ai danni di due studenti svizzeri. Ieri ne sono state rese note le fotografie. La polizia invita chi li conoscesse o li avesse visti di recente a recarsi presso il commissariato in Jüterboger Straße 4, o a chiamare lo (030) 4664-573100.

L’episodio

Secondo quanto riportato dal Berliner Zeitung, l’episodio in questione ha avuto luogo il 16 dicembre 2016 e ha riguardato il pestaggio di due studenti svizzeri di 16 e 17 anni. Alle 9 di sera circa, le due vittime si trovavano nella stazione U-Bahn di Kottbusser Tor, con tre amiche, anche loro svizzere. Le vittime hanno notato un gruppo di quattro ragazzi sulla banchina della metro. Dichiarano anche che i quattro li osservavano attentamente e che, dopo essersi accorti che parlavano in francese, hanno preso ad insultarli nella stessa lingua. Dopodiché sia gli aggressori che le vittime sono saliti sulla U-Bahn e sono scesi a Schlesisches Tor. I due studenti svizzeri sono stati quindi seguiti e assaliti in Skalitzer Straße.

Entrambi sono stati picchiati e presi a calci e a ginocchiate sulla schiena, nello stomaco e sul volto. Poi i quattro sono fuggiti. Le vittime hanno riportato lesioni minori. La Berliner Polizei rilascia delle foto dei sospettati, e chiede aiuto nella ricerca.

Chi contattare

Nel caso in cui si riconosca qualcuno o per avere maggiori informazioni, contattare il responsabile del dipartimento di polizia 5 in Jüterbogerstraße 4, 10965 Berlin-Kreuzberg, telefono +49 (0) 30 4664-573100 (dal lunerì al venerdì, dalle 7.00 alle 15.00), fax: (030) 4664-573199; oppure chiamare lo (030) 4664-571100, fax: (030) 4664-571199, o qualsiasi altra stazione di polizia.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

Leave a Reply