La Germania celebra i videogiochi con la più grande fiera d’Europa di videogames. Arriva il Gamescom 2015

La più grande fiera di videogames al mondo si svolge in Germania, per la precisione a Colonia e parliamo del Gamescom. Dal 5 al 9 agosto i padiglioni del quartiere fieristico della città tedesca diventeranno il cuore pulsante dell’entertainment virtuale. Le cifre parlano chiaro, oltre 700 espositori da 40 paesi del mondo presenteranno le novità di un settore che non conosce crisi.

L’industria videoludica di maggior successo si intreccia ormai da anni con quella cinematografica e musicale, Hollywood ha pescato a piene mani nei titoli più venduti delle software houses ( vedi Tomb Raider, Resident Evil etc ) così come le colonne sonore che sono spesso diventate dei veri e propri masterpiece.

14920412151_71c49575f5_k
L’entrata della Gamescom 2014 ©gamescom

Un’età dell’oro che è cominciata con le pixellose barrette di Pong nel 1972, è passata per i baffuti ma eroici idraulici di origini italiane e non sembra volersi fermare neanche dopo aver raggiunto livelli di realismo sconvolgenti in titoli come The Last of us e Metal Gear Solid.

Sulla spinta di un mercato perennemente in crescita la fiera di Colonia è diventata un appuntamento imperdibile per appassionati e addetti del settore. La kermesse di estenderà su una superficie totale di 193.000 metri quadri, la maggior parte dei quali aperti ai visitatori. L’ area business invece avrà come paese partner di quest’anno il Regno Unito. Non poteva essere altrimenti dopo che il ministro inglese della cultura Ed Vaizey ha dichiarato proprio qualche giorno fa che “i videogames hanno la stessa importanza del cinema all’interno della cultura inglese”, aumentando il focus su di un settore che sta acquisendo sempre più importanza nel ciclo economico britannico.

Alcuni degli organizzatori in compagnia del mitico Mario @gamescon
Alcuni degli organizzatori in compagnia del mitico Mario @gamescon

Il calendario degli eventi è fitto e verranno presentate tutte le line up del prossimo anno, presenti i big del settore: Activison, Blizzard, Bandai Namco, Bethesda, CI Games, Cloud Imperium Games, Crytek, Deep Silver (Koch Media), Electronic Arts, Kalypso Media, Konami, Microsoft, Nintendo, Oculus, Sea Sun, Sony, UBISOFT, Warner Bros. e Square Enix, non manca davvero nessuno.p>

Senza dubbio a catalizzare l’attenzione dei visitatori saranno i dispositivi per la realtà virtuale, i famosi caschetti da indossare e che permettono un immersione totale nel esperienza di gioco. L’idea aveva avuto un certo successo negli anni ’90 ma era velocemente finita nel dimenticatoio, probabilmente a causa di una qualità video non all’altezza. Ci ha pensato la new entry Oculus con i suoi “Oculus Rift” a riportare in auge l’idea. Il successo è stato immediato ed ha di conseguenza attirato colossi del settore come Sony con il project “Morpheus” e Microsoft con “Hololens”.

Oculus rift @gamescom
Oculus rift @gamescom

Grande attenzione è dedicata ovviamente ai più piccoli, novità di quest’anno è infatti l’area “Family & Friends” una zona completamente dedicata alle famiglie con bambini di età compresa tra i 6 ed i 12 anni dotata di zone relax, offerte gastronomiche ad hoc ed attività a cura di diverse associazioni. Partner della fiera è anche il ministero degli Affari Federali, Europa e Media nella persona della Dott.ssa Angelica Schwall-Düren.

Immancabile anche la presenza di un padiglione completamente dedicato alla vendita di articoli per i fan, dalle action figures ai gadget di ogni tipo, sarà un ottimo modo per testare il plafond della vostra carta di credito. Nessuno potrà impedirvi di tornare a casa con la special limited edition del vostro titolo preferito o di comprare un casco da moto identico a quello indossato da Master Chief di Halo.

In definitiva se siete degli appassionati di videogames, esperti del settore o semplici curiosi, il Gamescom è un appuntamento irrinunciabile oltre che un ottima occasione per visitare la città di Colonia in un atmosfera sicuramente diversa da quella di tutti i giorni.

Quando: dal 5 al 9 Agosto (il 5 è dedicato solo alla stampa)

Dove: Koelnmesse, Messeplatz 1 (map)

Orari: Giovedì e Venerdì 10.00 – 20.00 Sabato dalle 09.00 – 20.00 Domenica 09.00 – 18.00

Prezzi: Biglietto intero SOLD OUT Biglietto pomeridiano valido dalle 14.00 8€

Sito ufficiale

Pagina Facebook evento

Noi ci andremo…STAY TUNED

Photo CC BY SA 2.0

Related Posts

  • 10000
    Oltre ai reperti d'arte classica, egizia e orientale, oltre ai capolavori dell'impressionismo e dell'arte contemporanea, a Berlino c'è qualcos'altro da vedere. Un museo che contiene pezzi vecchi massimo trent'anni, ma che già fanno parte della nostra storia culturale. Camminando sulla Karl-Marx-Allee di Berlino, in mezzo a tutti quei palazzoni di…
  • 10000
    L’estate non è proprio uno dei momenti migliori per andare al cinema, seppur l’idea di rinchiudersi in un luogo fresco e buio quando fuori ci sono 38 gradi e si rischia la sublimazione è allettante. Consce della poca affluenza stagionale le case cinematografiche tendono a snobbare il periodo estivo rifilandoci…
  • 10000
    Bibitoni? Senza dubbio la maggiore parte dei tedeschi beve un caffè che a noi sembra tutto fuorché qualcosa di minimamente attraente, ma sempre più Berlino fioccano bar e caffetterie con torrefazioni proprie o comunque, anche quando acquistate esternamente, ricercate ed originali. Il pubblico lo richiede ed è anche disposto a spendere qualcosa…
  • 10000
    Riportiamo qui di sotto l'annuncio di Anna Luella Zahner, artista e ballerina fra Berlino e Duesseldorf, che si sta attualmente occupando di un'installazione di perfomance art che si terrà al Krake Festival 2015 (leggi l'articolo qui). Si tratta di un'installazione di arte performativa in stile "walk-in", dove gli esecutori rappresentano…
  • 10000
    Curioso che nessuno ci avesse mai pensato, in una città che di “queer” è praticamente sinonimo. A colmare la lacuna arrivano ora Pansy & Scout, il duo di party animals a cui si deve la rinascita della scena drag berlinese intorno a cattedrali kreuzberghiane come il Südblock e l’SOS36.Comincia questo…

Paco Romito

Barese e fiero figlio degli anni 80, non porto spalline e capelli cotonati ma chiedetemi il titolo di qualche film o telefilm (all'epoca non si chiamavano ancora SERIE) di quegli anni e non solo annuirò compiaciuto, vi canticchierò anche la sigla. Ho giocato per 10 anni a football americano, non è rugby, anticipo la domanda. Uno sport che mi ha insegnato moltissimo sul lavoro di squadra e sul sacrificio ma anche sul fatto che i quarterback cuccano solo negli USA. Sono a Berlino da gennaio 2015 e intendo restarci.

Leave a Reply